alpadesa
  
Flash news:   Abellinum, nuova campagna di scavo hi tech con laser e droni: mercoledì in Comune i dettagli del progetto “Diver-T9”, grande entusiasmo e partecipazione per la seconda edizione in ricordo di coach Matarazzo Bucaro: «Abbiamo meritato l’ennesima vittoria» Maffezzoli: “la vittoria in Gara 1 ci dà la carica per stasera” Poule Scudetto: l’Avellino batte il Bari nella dodicesima vittoria consecutiva. Foto “Premio Scianguetta”, il liceo scientifico di Atripalda vince il concorso nazionale del miglior giornalino scolastico. Foto “Olimpiadi del pensiero” in memoria di Annamaria Pennella, nel pomeriggio cerimonia al Liceo Chiude al pubblico Parco delle Acacie ed apre il cantiere per l’intervento di riqualificazione in vista dell’accorpamento del mercato settimanale. FOTO Playoff, la Sidigas Scandone sbanca il Mediolanum Forum e si aggiudica Gara-1 “Diver –T9”, tutto pronto per la seconda edizione in ricordo di coach Alberto Matarazzo. L’appuntamento è per domani in piazza Umberto

Sidigas cala il poker di vittorie, battuta anche la capolista Reggio Emilia

Pubblicato in data: 24/1/2016 alle ore:11:00 • Categoria: Avellino BasketStampa Articolo

Sidigas Reggio Emilia2La Sidigas Avellino batte la capolista Reggio Emilia e incasella il quarto successo consecutivo.

Le squadre che si presentano con i consueti quintetti base. I lupi partono bene con una tripla di Nunnally, Reggio risponde con Golubovic e De Nicolao. I biancoverdi si affidano molto al tiro da tre non riuscendo a trovare soluzioni dentro l’area. In difesa però, i lupi sono bravi a limitare gli attacchi della Grissin Bon al 5’ (13-5). Con le squadre in bonus si va molto in lunetta, Cervi sbaglia Della Valle no e la squadra di Menetti accorcia. Un ispirato Ragland però, tiene avanti Avellino al 10’ (19-16).

Sidigas-Reggio Emilia1Le difficoltà in area reggiana, anche se Buva entrato al posto di Cervi riesce a scardinare la difesa emiliana, ed è ancora un indemoniato Ragland a dare il +8 alla Scandone segnando 4 punti di fila, al 13’ (26-18). Menetti chiama time out ed al rientro i suoi piazzano un break di 8-2 firmato Aradori-Pollonara, ma Ragland è imprendibile e riporta avanti gli irpini (34-26). La squadra di Sacripanti ferma il suo attacco e Golubovic e Aradori cercano di approfittarne, Buva non ci sta e inchioda una schiacciata, Nunnally invece mette cinque punti di fila che chiudono il quarto con la Sidigas in vantaggio di 10, al 20’ (45-35).

Al ritorno dall’intervallo lungo le squadre non riescono quasi mai a trovare il canestro. Avellino con Ragland prima, e Acker poi aumenta il vantaggio al 25’ (49-37). Menetti rimette in campo Lavrinovic e lo ripaga 6 punti di fila, ma prima Nunnally e poi Buva dopo un assist magistrale di Green ricacciano indietro tutti i tentativi di rimonta reggiana al 30’ (55-46).

Sidigas Reggio Emilia3Reggio inizia a zona, ma Veikalas e Buva la puniscono, costringendo la Grissin Bon a tornare alla difesa ad uomo. Gentile e Della Valle cercano di riportare sotto la squadra emiliana. Ancora una volta Ragland e Buva la riportano a distanza di sicurezza. Veeremenko però, realizza un 2+1 che riporta Reggio -8 (66-58). Nunnally e Ragland realizzano 4 punti di fila, in difesa la Sidigas riesce a limitare il pick and roll dei biancorossi con Menetti costretto a chiamare time out (70-61). Al rientro gli irpini perdono due palle sanguinose e Silins riporta a -5 Reggio Emilia (70-65). Nell’ ultimo minuto però, i soliti Nunnally e Ragland dalla lunetta chiudono il match al 40’ (75-67).

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *