alpadesa
  
sabato 16 gennaio 2021
Flash news:   Arriva la proroga ad Atripalda per la presentazione della domanda per l’accesso ai voucher alimentari Sorveglianza rafforzata: il prefetto Spena blinda Atripalda e Solofra dopo gli attentati intimidatori con le bombe carta Coronavirus, da lunedì 18 gennaio in presenza anche la terza classe della Primaria Attentato intimidatorio, pressing sul sindaco delle opposizioni. Landi: ”il tavolo in Prefettura doveva chiederlo lui” Bomba carta in città, Idea Atripalda: “cultura e comunicazione come antidoto alle violenze” Molestie al prete di Atripalda: condannati gli autori Nuovi parcometri ad Atripalda, l’opposizione “Noi Atripalda” boccia il bando: «un spreco per la città» Coronavirus, un nuovo contagio ad Atripalda Bomba carta alla Formaggeria, l’ex sindaco Paolo Spagnuolo: “atto vile, bisogna lavorare in sinergia. L’Amministrazione dia vita ad iniziative culturali forti” La formaggeria riapre a 24 ore dal raid, Luca: “Siamo forti, andiamo avanti come se nulla fosse”

Non ce l’ha fatta Orazio Gaeta, 58enne atripaldese che dopo Natale aveva tentato di farla finita. Domani l’autopsia disposta dalla Procura

Pubblicato in data: 14/2/2016 alle ore:09:28 • Categoria: Cronaca

pronto-soccorso-citta-ospedaliera-avellinoHa lottato tra la vita e la morte per oltre un mese in un letto dell’ospedale dopo aver bevuto acido muriatico. Ma alla fine non ce l’ha fatta Orazio Gaeta, il 58enne atripaldese che subito dopo Natale aveva tentato di farla finita ingerendo sostanze caustiche. Ora sarà l’autopsia a chiarire le cause del decesso.
Da subito le sue condizioni di salute erano apparse gravissime ai medici che lo avevano preso in cura presso il Reparto di Terapia Intensiva della Città Ospedaliera Moscati di Avellino. La sostanza caustica ingerita aveva infatti provocato severe lesioni viscerali. Un quadro clinico che non faceva ben sperare. E così alla fine l’altra sera il suo cuore non ha retto più lasciando un gran vuoto e tanto dolore tra i familiari, la moglie e due figli, e gli amici che giorno e notte si erano alternati al suo capezzale sperando e pregando per una ripresa. Ma il suo stato di salute è peggiorato man mano e tutte le cure messe in campo dallo staff medico si sono rivelate purtroppo inutili rispetto ai danni interni che gli aveva provocato l’acido.
Ora, come da prassi, la Procura della Repubblica di Avellino, ha disposto l’autopsia sul corpo del 58enne. L’esame autoptico, che chiarirà i danni interni causati dall’acido muriatico, si svolgerà nella giornata di domani, avendo il Pm già affidato l’incarico al medico legale dottor Rizzolo. Solo dopo la salma sarà riconsegnata ai familiari per lo svolgimento del rito funebre. In attesa dell’esame non sono stati affissi ancora i città i manifesti funebri.
Ad accorgersi del disperato gesto nella loro casa in via Sant’Ippolisto, pieno centro storico, era stata la moglie che aveva immediatamente allertato il 118. Alla base sembra che l’uomo, barista con la passione per la pittura, ci fosse la depressione. I suoi dipinti sono noti ed apprezzati da molti.
La scomparsa dell’uomo segue di pochi giorni il tentativo posto in essere  da un 44enne del posto, che a bordo della sua Fiat Bravo, ha tentato in un parcheggio di via San Lorenzo di farla finita infilandosi sulla testa un sacchetto di plastica sigillato con il nastro adesivo. A salvarlo è stato il provvidenziale arrivo dei Carabinieri della locale stazione che stavano sulle sue ricerche dopo la denuncia presentata dalla moglie. L’incredibile intuito del maresciallo Sullutrone gli ha infatti salvato la vita tirando fuori dall’abitacolo il 44enne per rianimarlo.
Prima ancora una giovane donna 36enne di via Appia nel mese di dicembre si lanciò dal bancone di casa dei suoi genitori. A salvarla dall’impatto violentissimo con il suolo, dopo un volo dal quinto piano, un furgoncino parcheggiato lungo il marciapiedi sottostante l’edificio, che fortunatamente attutì il duro colpo con l’asfalto.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *