alpadesa
  
Flash news:   Murata e bonificata l’ex scuola elementare di rampa San Pasquale dopo gli atti vandalici. FOTO Seconda edizione estiva del “Cinema in Piazzetta” Nancy Palladino eletta presidente del Consorzio dei Servizi Sociali A5: «coronamento di un impegno nelle politiche sociali che dura da venticinque anni» Sidigas, il Gip sequestra solo 8 milioni di euro Prima buca le ruote e poi deruba automobilisti anche in città, arrestato dai Carabinieri 30enne napoletano “1992-Le loro idee sono ancora vive”, venerdì convegno organizzato da Idea Atripalda Giardini di Palazzo Caracciolo, venerdì sera visita guidata della Pro Loco di Atripalda Istituto comprensivo “De Amicis-Masi”, il nuovo dirigente scolastico è Amalia Carbone Festa in onore di Maria SS.ma del Carmelo: processione, fuochi pirotecnici e notte bianca con artisti di strada “16 luglio 1969 – 16 luglio 2019”: dalla Terra alla Luna, sotto il cielo di Atripalda.

Scrisse commento offensivo e anonimo su internet, si apre domani il processo a carico del delegato alla Cultura Lello Barbarisi

Pubblicato in data: 29/2/2016 alle ore:10:00 • Categoria: CronacaStampa Articolo

barbarisiScrisse un commento offensivo ed anonimo su internet, si apre domani mattina il processo a carico del delegato alla Cultura e Lavori pubblici Lello Barbarisi.
Indagato per diffamazione dalla Procura di Avellino perché nel 2014 fu autore di un messaggio ritenuto offensivo a commento di un articolo pubblicato sul settimanale online “Il Sabato” nei confronti dell’ex dipendente dell’Utc Arturo Roca e dell’ex presidente di AssoCia, l’imprenditore Gerardo Iannaccone, il delegato della maggioranza è stato rinviato a giudizio è domani 1 marzo dovrà comparire dinanzi al Giudice Sonia Matarazzo della Seconda Sezione Penale del tribunale irpino.
Il consigliere, difeso dall’avvocato Francesco Saverio Iandoli, sarà chiamato a difendersi dall’accusa di essere stato l’autore di un commento anonimo offensivo scritto da una postazione internet di un locale pubblico. La vicenda risale al giugno del 2014 e riguarda la pubblicazione di un articolo sulla rottura politica tra l’Udc ed il sindaco Spagnuolo a commento del quale venne pubblicato un post considerato ingiurioso, tanto da spingere Roca e Iannaccone (difesi dal penalista Alfonso Maria Chieffo) a sporgere querela verso ignoti presso la locale stazione dei Carabinieri che condusse le indagini. Ad “incastrare” il delegato ci sarebbero le immagini delle telecamere di sicurezza del locale adibito a centro di scommesse online dal quale sarebbe partito il commento ritenuto offensivo. Partendo proprio dall’indirizzo Ip (Internet Protocol Address) e dall’orario in cui fu digitato il commento, i Carabinieri diretti dal comandante Cucciniello, riuscirono in brevissimo tempo a risalire al responsabile, identificandolo.
Una vicenda che sollevò numerose polemiche politiche anche in una seduta di Consiglio comunale, dove il delegato alla Cultura Barbarisi, incalzato dalle minoranze, chiese scusa «alle persone coinvolte e alle famiglie. Spero che la vicenda si possa chiudere qui». Ma il procedimento giudiziario ha invece fatto il suo corso e neanche la mediazione del sindaco Spagnuolo, che aveva invitato pubblicamente le parti a ricomporre la vicenda con una stretta di mano, è servita ad un ricucitura.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

4 risposte a “Scrisse commento offensivo e anonimo su internet, si apre domani il processo a carico del delegato alla Cultura Lello Barbarisi”

  1. ops ha detto:

    barbarisi si dovrebbe dimettere in un paese normale

  2. Nappo Carmela ha detto:

    è una vera vergognia quello che io ho letto queste cose non si devono mai fare

  3. La verità fa male ha detto:

    Barbarisi sicuramente si sarà fatto prendere la mano ed un errore. Però l’errore più grande che ha fatto è chiedere scusa ai diretti interessati. Ha sempre usato intermediari ma non è stato diretto. Forse perché aveva capito lo sbaglio.
    Fatto sta che il Sindaco per non perdere la maggioranza non ha chiesto le dimissioni. Allora mi chiedo: in questo paese possiamo permettere queste cose?
    Il Sindaco non chiedendo le dimissioni ha in qualche modo appoggiato le parole scritte?
    Che dite alle prossime elezioni avrete il coraggio di ricandidarvi?
    STATEVI A CASA

  4. Peleo ha detto:

    Non credo che fra le parti in causa vi sia un astio personale. l’accaduto è riconducibile alla politica. Auspico per i tre una bella riconciliazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *