alpadesa
  
Flash news:   Sicurezza urbana ad Atripalda, i consiglieri del gruppo “Noi Atripalda” scrivono al prefetto Raccolta differenziata, la nota di Antonio Prezioso (Fdi) “Cinema al Parco”, mercoledì al via la terza edizione estiva a Parco delle Acacie Drive in rosa 2020, ieri in scena la prevenzione e la promozione del territorio nella cornice naturale del Laceno Piazza Umberto I, gruppo di bambini aggrediti: 12enne finisce in ospedale Al via la XXVIII edizione del Festival “I Luoghi della Musica”: stasera si parte dal Chiostro di S. Maria della Purità di Atripalda La Misericordia di Atripalda si aggiudica la gestione dell’edificio comunale dell’ex Volto Santo. Il presidente Aquino: “momento di crescita e di svolta per noi” Riparazioni alla centrale idrica di Cassano Irpino: 102 comuni senza acqua da domani Alvanite, dopo le nuove polemiche interviene l’assessore al Patrimonio Del Mauro: «Il quartiere sconta almeno quindici anni di mancata manutenzione che certamente non si può imputare a quest’amministrazione. Noi stiamo facendo il possibile, ma non sono case con la scadenza, questa è una barzelletta» “Atripalda ricomincia a correre”, lettera d’amore alla città del decano dei commercianti Pasquale Pennella

Inchiesta “badge malati”, coinvolte anche due donne atripaldesi dipendenti dell’Asl. Ferrante: “saranno tutti licenziati”

Pubblicato in data: 18/3/2016 alle ore:14:54 • Categoria: Cronaca

foto assenteismo“Saranno tutti licenziati“. Non usa mezze misure il Commissario dell’Asl Avellino Mario Ferrante per commentare gli esiti dell’inchiesta che ha investito l’azienda. “I 21 dipendenti infedeli saranno immediatamente licenziati. Avevo già avviato una task force contro questo odioso fenomeno difficile da combattere. Chiederò alla Corte dei Conti di recuperare le somme del danno subito una volta che saranno quantizzate le ore di assenza dei dipendenti”.
Tra i 21 dipendenti sospesi ci sono anche due donne di Atripalda, dipendenti dell’Asl Avellino, un’impiegata e un’operatrice sanitaria.
Parole dure vengono pronunciate anche dal procuratore capo di Avellino, Rosario Cantelmo, a margine della conferenza stampa dell’inchiesta ‘Badge malati’ portata avanti da un anno dalla squadra mobile e coordinata dal sostituto D’Onofrio. “Ceto borghese irridente, dileggia l’operato delle istituzioni- così Cantelmo-. E’ più difficile scardinare il malaffare della società civile che quello delinquenziale. Mai visto un sistema così omertoso”. Non concede sconti ai comportamenti ripresi per un anno intero dagli uomini della mobile di via Palatucci. Il procuratore capo è amareggiato, ma soprattutto indignato davanti a quei filmati che inchiodano alle rispettive responsabilità i ventuno dipendenti della Asl indagati e sospesi dal servizio per assenteismo. La loro posizione potrebbe aggravarsi alla luce di ulteriori sviluppi investigativi.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Tenta un furto all’interno di un’autovettura parcheggiata: beccato 35 atripaldese

Gli Agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino Read more

Ladri in fuga dopo una rapina in contrada Tufarole, folle corsa sull’A16 contromano

Folle corsa contromano sull'A16 di ladri in fuga su una Bmw grigia. Squadre Volanti, polizia stradale, carabinieri di Atripalda ieri Read more

Blitz al Comune, la Polizia indaga i quattro dipendenti comunali per truffa aggravata in concorso e continuata. FOTO

Alle prime ore del mattino personale della Squadra Mobile procedeva ad effettuare una serie di perquisizioni a carico di 4 Read more

Agguato sotto casa all’opinionista tv Mario Barisano

L'imprenditore e opinionista televisivo, Mario Barisano, molto conosciuto ad Atripalda sia per le sue attività commerciali che per i suoi Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Inchiesta “badge malati”, coinvolte anche due donne atripaldesi dipendenti dell’Asl. Ferrante: “saranno tutti licenziati””

  1. Alfredo ha detto:

    Perché non pubblicate i nomi la procura li ha divulgati e voi li omettete.
    Che giornalismo strano in questa citta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *