alpadesa
  
Flash news:   “Guardando dentro e fuori di noi” il calendario testamento di Peppino Pennella La Co.Vi.So.C. sblocca il mercato dell’Avellino Calcio Truffa all’Inps, false assunzioni ed evasione: cinque arresti a Benevento. Indagati anche ad Atripalda Omicidio De Cristoforo, Luigi Viesto condannato a dieci anni di reclusione Inquinamento ad Atripalda, l’attivista del M5s Federico Giliberti chiede centraline fisse per monitorare la qualità dell’aria Dolore e lacrime nel giorno dell’addio al docente, scrittore e poeta Goffredo Napoletano Da domani attivi tre nuovi autovelox sul raccordo Avellino-Salerno: uno in territorio Atripalda Niente mercato ad Avellino, ambulanti in piazza contro l’Amministrazione Festa Addio al professore Goffredo Napoletano, il “poeta scalzo”. Ecco il ricordo di Lello La Sala Calcio, l’Abellinum pronta a ripartire con l’Intercampania

Inchiesta “badge malati”, coinvolte anche due donne atripaldesi dipendenti dell’Asl. Ferrante: “saranno tutti licenziati”

Pubblicato in data: 18/3/2016 alle ore:14:54 • Categoria: CronacaStampa Articolo

foto assenteismo“Saranno tutti licenziati“. Non usa mezze misure il Commissario dell’Asl Avellino Mario Ferrante per commentare gli esiti dell’inchiesta che ha investito l’azienda. “I 21 dipendenti infedeli saranno immediatamente licenziati. Avevo già avviato una task force contro questo odioso fenomeno difficile da combattere. Chiederò alla Corte dei Conti di recuperare le somme del danno subito una volta che saranno quantizzate le ore di assenza dei dipendenti”.
Tra i 21 dipendenti sospesi ci sono anche due donne di Atripalda, dipendenti dell’Asl Avellino, un’impiegata e un’operatrice sanitaria.
Parole dure vengono pronunciate anche dal procuratore capo di Avellino, Rosario Cantelmo, a margine della conferenza stampa dell’inchiesta ‘Badge malati’ portata avanti da un anno dalla squadra mobile e coordinata dal sostituto D’Onofrio. “Ceto borghese irridente, dileggia l’operato delle istituzioni- così Cantelmo-. E’ più difficile scardinare il malaffare della società civile che quello delinquenziale. Mai visto un sistema così omertoso”. Non concede sconti ai comportamenti ripresi per un anno intero dagli uomini della mobile di via Palatucci. Il procuratore capo è amareggiato, ma soprattutto indignato davanti a quei filmati che inchiodano alle rispettive responsabilità i ventuno dipendenti della Asl indagati e sospesi dal servizio per assenteismo. La loro posizione potrebbe aggravarsi alla luce di ulteriori sviluppi investigativi.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Inchiesta “badge malati”, coinvolte anche due donne atripaldesi dipendenti dell’Asl. Ferrante: “saranno tutti licenziati””

  1. Alfredo ha detto:

    Perché non pubblicate i nomi la procura li ha divulgati e voi li omettete.
    Che giornalismo strano in questa citta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *