alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, il bollettino di oggi dell’Asl: 89 i positivi, 4 ad Atripalda L’ex sindaco Andrea De Vinco propone la cittadinanza onoraria per l’immunologo americano Anthony Fauci di origini atripaldesi Coronavirus, il cordoglio del sindaco di Atripalda Spagnuolo per il secondo decesso Coronavirus, secondo decesso ad Atripalda: morto un 64enne ricoverato al Moscati Coronavirus, 5 nuovi positivi ad Atripalda e 126 contagiati in Irpinia Coronavirus, scuole chiuse ad Atripalda fino al 7 dicembre Coronavirus, fino al 7 dicembre confermata la didattica a distanza dalla seconda classe della scuola primaria. A breve l’ordinanza della regione “ABC Atripalda Bene Comune” festeggia un anno di attività. Roberto Renzulli: “città nel degrado, l’Amministrazione non ci ascolta” Piantumato l’albero donato al Comune dai giovani di “Idea Atripalda” Il Consorzio A5 a confronto su Donne e Opportunità

Waiting for Sinistra Italiana: “l’Amministrazione non risponde: i fatti denunciati rimangono lì, nella loro gravità”

Pubblicato in data: 21/3/2016 alle ore:12:00 • Categoria: Politica, Sinistra Ecologia e Libertà

waiting sel atripaldaSEL anche ad Atripalda continua il suo percorso contribuendo a dar vita al nuovo soggetto: Sinistra Italiana. Continuiamo anche se non è un momento facile, perché vogliamo contribuire a vincere la tendenza al disimpegno che mai prima si è manifestata così forte.

Ogni qualvolta, di fronte a un’ingiustizia o a una sopraffazione o a un’illegalità, ci si gira dall’altra parte o si resta in silenzio, si rinuncia a una porzione della propria libertà, che difficilmente poi si recupera. E noi diciamo basta alle rinunce.

***

E’ fallita la doppia strategia di azione dell’amministrazione di Atripalda che prevedeva innanzitutto di sterilizzare il dibattito politico cittadino di concerto con il PD che, con i suoi silenzi ha evitato ogni confronto su qualunque cosa è successo; quindi, silenziata l’opinione pubblica, la strategia prevedeva di mettere mano ad una serie di sostituzioni ed avvicendamenti tra il personale del comune ricorrendo anche a contributi esterni, per avere una macchina amministrativa obbediente ed allineata.

Insomma, come dire, democrazia 2.0 ai tempi di Renzi.

Il risultato finale di questo goffo esperimento pseudo autoritario è che oggi l’amministrazione si ritrova a confrontarsi con tante “ribellioni” all’interno della macchina amministrativa, che sempre più spesso culminano in scontri aperti. Grazie a questi contrasti siamo venuti a conoscenza di fatti gravi, per la divulgazione di particolari che difficilmente dall’esterno si sarebbe potuto conoscere.

L’amministrazione è uscita malissimo da tutte le vicende che l’hanno contrapposta ai dipendenti. Eppure nessun amministratore ha l’amor proprio di dire basta, di fare un passo indietro. Prendiamo ad esempio l’ultima uscita del ragioniere Cucciniello. La risposta dell’assessore è stata un tale autogol che il dipendente ha avuto gioco facile nel ribattere pubblicamente e zittire l’assessore, il quale è tranquillamente rientrato nei suoi ranghi, come se niente fosse successo.

Ma i fatti denunciati rimangono lì, nella loro gravità. E chi ne risponde???

E chi risponde della storia delle assunzioni denunciate dalla CGIL grazie al dipendente Ventola, e dal consigliere Pacia, finita anche quella malissimo? E del pessimo epilogo che appare ormai prossimo, a seguito della bocciatura da parte del prefetto, dell’incarico al nuovo comandante dei vigili urbani, con il consigliere Pacia sempre sugli scudi? E della storia delle offese via web da parte di un rappresentante dell’amministrazione, che proprio in questi giorni dà nuovamente lustro alla nostra cittadina dalle colonne di tutti i giornali?

Insomma nessuno risponde di niente!!!

Un merito l’Amministrazione però l’ha avuto: ha portato alla ribalta, come mai era successo prima, l’enfant – prodige della politica atripaldese: il consigliere Pacia.

In bocca al lupo Atripalda!

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *