alpadesa
  
Flash news:   Taglio pioppi in via San Lorenzo, l’intervento della delegata al Verde Pubblico Anna De Venezia. Foto Taglio pioppi in via San Lorenzo, scoppia la polemica sui social. L’attivista del M5S Antonello Di Guglielmo scrive: “Ambiente punto di non ritorno” Lunedì crocevia per la tenuta del bilancio comunale di Atripalda: maxi debito in Consiglio con il piano di rateazione Avellino Calcio, Circelli: “pronto a rilevare le quote di Izzo e soci con nuovi imprenditori” Alvanite Quartiere Laboratorio, incaricata azienda di Ferrara di adeguare il progetto alla variata normativa energetica Foglio di via per due trentenni romeni sorpresi di sera a bordo di una grossa Bmw Al via il secondo lotto di lavori per la riqualificazione di Parco delle Acacie ad Atripalda Nuovi scarichi abusivi nel fiume Sabato nel tratto che attraversa Atripalda, la denuncia di Franco Mazza: “non bisogna abbassare l’attenzione sulle condizioni del corso d’acqua”. Foto Us Avellino, l’amministratore Nicola Circelli: “effettuati i pagamenti necessari per evitare sanzioni e penalizzazioni” Grande partecipazione al “Premio San Valentino–Città di Atripalda”. Foto

Inquinamento della valle del Sabato, sarà sottoscritta convenzione tra comuni e Arpac per implementare il monitoraggio ambientale del territorio

Pubblicato in data: 23/3/2016 alle ore:10:00 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

Inquinamento valle del Sabato, tavolo in Prefettura1Sarà sottoscritta una convenzione tra i comuni della valle del Sabato e l’Arpac per effettuare un monitoraggio ambientale del territorio. Un’indagine più accurata rispetto a quella standard che richiederà un impegno economico di tutti gli enti che costituiscono il tavolo tecnico. Terminato il censimento sulle attività produttive effettuato attraverso delle schede somministrate dall’Asl con gli enti locali, sarà questo ora il prossimo step da cui partire per effettuare dei controlli capillari su aria, acqua e suolo. E’ questo l’esito del tavolo tecnico sull’inquinamento della valle del Sabato, istituito dal Prefetto di Avellino, e riunitosi ieri sera. Nel corso dell’incontro, svoltosi presso la sala Renato Vincenzo Stranges del Palazzo di Governo e durato oltre due ore, sono state esaminate le schede predisposte dall’Asl, Ufficio territorio e prevenzione, sulla base dei dati sulle emissioni delle aziende presenti sul territorio. Al tavolo i sindaci di Avellino, Atripalda, Manocalzati, Montefredane, Pratola Serra e Prata nonché l’ Arpac. A coordinare i lavori il capo di gabinetto, dottoressa Ester Fedullo: «c’è una forte sensibilità su questo argomento esigenza di intervenire e monitorare il territorio. – illustra il vice prefetto  Fedullo -. Dalle analisi fatte periodicamente dall’Arpac nulla è emerso. Nel prossimo tavolo sarà rappresentata concretamente questa convenzione e sottoposta ai singoli amministratori che verificheranno le risorse disponibili. Con lo screening è stato fatto un ottimo lavoro, complesso visto che non vi era questo database sulla tipologia di aziende presenti e il tipo di emissioni che ci sono nell’atmosfera. Ora dobbiamo verificare se ci sono degli elementi che possono essere inquinanti, ma occorre andarli a ricercare perché dalle analisi periodiche condotte dall’Arpac la situazione è tranquilla. Ma per un maggiore garanzia dei cittadini si andranno a ricercare altri elementi più specifici». inquinamento valle del Sabato, tavolo in Prefettura2E’ stato il sindaco di Montefredane, Valentino Tropeano a guidare questo primo screening : «una riunione positiva.  C’è stato tutto un lavoro che è durato un anno per recuperare i dati, un lavoro di indagine conoscitiva di che cosa c’è, sulla tipologia delle aziende presenti, che lavorazioni effettuato, il numeri di addetti impiegati e quanti punti di emissione ci sono. Un dato di partenza da cui poterci muovere. Il primo step sostanzialmente è stato superato. Questa sera abbiamo concertato da qui a breve di sottoscrivere una convenzione tra i comuni con l’Arpac  per capire i nuovi  tipi di intervento per effettuare il monitoraggio ambientale. L’aspetto fondamentale è che si è creata una sinergia positiva tra enti, istituzioni e imprenditori e tutti insieme stiamo lavorando in questa direzione. C’è stata infatti una forte collaborazione degli imprenditori, circa il 75%».
«Un incontro molto proficuo  – commenta il vicesindaco del comune capoluogo, Maria Elena Iaverone -. Siamo partiti da un monitoraggio ambientale che è stato effettuato da tutti i comuni in condivisione con l’Asl coordinati dal sindaco Tropeano. Uno screening di tutte le aziende , le tipologie e le emissioni ». L’assessore all’Ambiente del comune di Atripalda, Antonio Prezioso, chiede di conoscere l’incidenza delle neoplasie: «e’ un primo risultato rispetto agli obiettivi che ci eravamo prefissati con l’istituzione di questo tavolo permanente nel luglio 2015. Noi chiediamo dati scientifici rispetto alla salubrità dell’aria, dell’acqua e dei terreni delle nostre città e inoltre capire, su dati statistici, se l’incidenza delle neoplasie rientrano in quella che è la norma oppure se  ci sia un’incidenza maggiore che richieda un impegno più approfondito per capirne i motivi. Il rappresentante dell’Asl, dottor Morrone, ha fatto presente che il Registro dei tumori, di cui tutti parlano, è di competenza regionale ed è stato istituito solo nel 2013. Ho richiesto infine per l’ennesima volta l’installazione di una centralina mobile ad Atripalda, cosa finora non avvenuta».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *