alpadesa
  
Flash news:   Sicurezza edifici ad Alvanite, restano le distanze tra Amministrazione e residenti mentre l’opposizione attacca sui ritardi nei progetti già finanziati. Fotoservizio I residenti di Alvanite si incontrano per discutere sullo stato di fatto delle abitazioni e sul degrado della contrada di Atripalda Non si potrà più sostare di giorno e di notte in piazza Tempio Maggiore  ad Atripalda: firmata l’ordinanza del Comando di Polizia municipale Bertolo è un nuovo giocatore dell’Us Avellino “Guardando dentro e fuori di noi” il calendario testamento di Peppino Pennella La Co.Vi.So.C. sblocca il mercato dell’Avellino Calcio Truffa all’Inps, false assunzioni ed evasione: cinque arresti a Benevento. Indagati anche ad Atripalda Omicidio De Cristoforo, Luigi Viesto condannato a dieci anni di reclusione Inquinamento ad Atripalda, l’attivista del M5s Federico Giliberti chiede centraline fisse per monitorare la qualità dell’aria Dolore e lacrime nel giorno dell’addio al docente, scrittore e poeta Goffredo Napoletano

“Elì, Elì lemà Sabachtani?”, partecipazione ed emozioni alla messa in scena della Via Crucis. FOTO

Pubblicato in data: 27/3/2016 alle ore:16:09 • Categoria: CulturaStampa Articolo

Via Crucis 2016 1Quid est Veritas?”, interpretazione magistrale nella rappresentazione teatrale della Via Crucis organizzata dalla Pro Loco e giunta alla sua XX Edizione e andata in scena ad Atripalda venerdì sera.
Il tormento di un uomo, quello di Ponzio Pilato, che seppur investito da grande potere e responsabilità, nel momento decisivo non ha avuto il coraggio di dire la propria verità, è tutto racchiuso nella bravura dell’attore del Clan H di Avellino, Salvatore Mazza, che ancora una volta ha regalato momenti da brivido ai presenti. “Quid est veritas?” è l’interrogativo inquieto di Ponzio Pilato di fronte al mistero di Cristo, scritto dal giudice di Lapio Matteo Claudio Zarrella e portato in scena proprio dagli attori della Compagnia avellinese del  “Clan H”.
insieme alla Pro Loco e ai tanti atripaldesi.
Via Crucis 2016 2Le scenografie, le suggestive location storiche e i costumi d’epoca hanno fatto da cornice al racconto di uno dei momenti più significativi della storia cristiana: “La Passione e la Morte di Cristo”.
Una rappresentazione che quest’anno festeggia i vent’anni e che vanta una tradizione ultra secolare sin dal 1860. Venti anni di una storia che ha origini profondissime. In principio vi era l’Incappucciato, che su Rampa San Pasquale metteva in scena le tre cadute, tra la commozione della folla di fedeli. E’ nel 1860 che il “Pescatore” Achille Giovino a seguito di un voto per una grazia ricevuta tornò dall’America per vestire i panni dell’Incappucciato, dando così vita ad un’usanza di famiglia, un atto di fede che si tramanda da oltre centocinquanta anni, con il ruolo del protagonista, quello di Gesù, interpretato sempre dagli uomini della stessa famiglia, tramandato di padre in figlio, come devozione a Dio.
Via Crucis 2016 3Dopo il disastroso terremoto dell’80 vi è stata una lunga pausa che è durata fino al 1997 anno in cui la Pro Loco Atripaldese ha ridato vita alla Via Crucis.
Gli altri partecipanti della rappresentazione sono il Cireneo (Enrico Giovino),   la Madonna (Rosa Giovino), Pilato (Salvatore Mazza), Barabba (Fortunato Trezza), i Centurioni (Ferruccio Solimene, Mauro Esposito, Gerardo Esposito), Erode (Felice Cataldo),  i Ladroni (Sabino Alvino, e Nunzio Marrone), i Sommi Sacerdoti (Luciano Picone, Modestino Minichiello, Carmine Picarello), Maddalena (Santa Capriolo), Procula (Laura Tropeano), Giuda (Andrea De Ruggiero), Pietro (Sabino Balestrieri), Matteo (Francesco De Selli) San Giovanni (Lello Labate).
Via Crucis 2016 4Poi si è proseguiti con le cadute e la Crocifissione luogo su Rampa San Pasquale, la collina dell’antica Abellinum che sovrasta piazza Umberto I.
Anche qui momenti carichi di emozione con il Gesù interpretato dal bravo Rino Giovino.
E proprio alla storia della Via Crucis nella cittadina del Sabato si intreccia la fede e la passione della famiglia Giovino, che ha reso possibile la continuità di una così bella tradizione. Prima il bisnonno Achille, poi il nonno Pellegrino, a seguire Enrico che per anni ha interpretato il ruolo di Gesù  fino al 2012, anno in cui ha passato il testimone al figlio Pellegrino.
Via Crucis 2016 6 Via Crucis 2016 5

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *