alpadesa
  
Flash news:   Green Volley, la Piscina Comunale di Mercogliano ospita la preparazione delle atlete atripaldesi Gestione Centro Informagiovani della Dogana, il Comune affida il servizio per il prossimo triennio alla Misericordia di Atripalda Al via i lavori di rifacimento stradale di via Manfredi e via Pianodardine. Foto Festeggiamenti San Sabino, il vescovo Aiello ai fedeli: “comunità messa a dura prova dall’incendio. Se venerdì scorso avessi preso l’auto per andarmene a mare non sarei stato un buon pastore ma un mercenario”. FOTO Inaugurato il nuovo parcheggio pubblico di via Scandone, il sindaco: “soddisfatti di aver portato a compimento questo intervento”. Foto L’ex comandante della Polizia Municipale di Atripalda Salsano condannato in primo grado dal Tribunale di Avellino Sbanda con l’auto e abbatte una palma. Foto Ignoffo: «Tre punti fondamentali, ma abbiamo sofferto fino alla fine» L’Avellino corsara con il Picerno: terza vittoria consecutiva Nozze Donnarumma-De Maio, auguri

Duomo di Avellino gremito per le ordinazioni sacerdotali di Don Mazzeo e Don Fucci

Pubblicato in data: 4/4/2016 alle ore:11:34 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

Don Fucci e don MazzeoDue nuove ordinazioni sacerdotali al duomo di Avellino. Domenica sera, presso la chiesa madre del capoluogo irpino il vescovo di Avellino, Francesco Marino, ha celebrato alla presenza di tanti fedeli la cerimonia per il conferimento dell’ordine nel secondo grado di presbiterio per l’atripaldese Gianpaolo Mazzeo e per don Antonio Fucci di Fontanarosa, ma che da mesi collabora ad Atripalda presso la parrocchia del Carmine in via Roma.
Alla cerimonia hanno preso parte tanti sacerdoti tra cui gli atripaldesi Don Fabio Mauriello e don Ranieri Picone, per dare il “benvenuto” ai due nuovi parroci per i quali giorni fa nella cittadina del Sabato era stata organizzata  dalle parrocchie di Santa Maria del Carmine e Sant’Ippolisto Martire una veglia di preghiera, presieduta dal vescovo Marino, proprio in preparazione all’ordinazione pastorale.
E nel duomo di Avellino è stato il vescovo Marino, tramite l’imposizione delle mani e della preghiera di ordinazione, a celebrare il rito che ha visto la promessa di obbedienza, la prostrazione durante il canto della Litania dei Santi, con il Vescovo che ha consegnato a ciascun ordinato, genuflesso davanti a lui, il Pane con la Patena e il Calice con il Vino che saranno consacrati nell’azione eucaristica.
Una comunità in festa ed una chiesa gremita di atripaldesi, con gli auguri del sindaco, Paolo Spagnuolo: «La comunità di Atripalda, sta scrivendo  una pagina straordinaria e speciale  della sua storia  con l’ordinazione sacerdotale di Don Gianpaolo Mazzeo. Per il primo cittadino è senza ombra di dubbio motivo di grosso orgoglio, un momento di gioia e di speranza per tutti, dopo svariati anni la nostra città ha tra i suoi figli un nuovo  sacerdote. Desidero formulare i migliori auguri a don Gianpaolo  per questo importante traguardo, con la certezza che possa essere  un sacerdote che sappia sempre amare, ascoltare e dialogare con tutti,  e di essere vicino a tutti sia nei momenti gioiosi, ma soprattutto in quelli più tristi. Un sacerdote per la gente e della gente.  Un particolare augurio anche a Don Antonio Fucci, collaboratore della Parrocchia del Carmine, che riceverà insieme a Don Gianpaolo l’ordinazione sacerdotale.  Prego il Signore  affinché accompagni e custodisca nel sacro ministero i due novelli sacerdoti, divenendo ogni giorno servi e testimoni fedeli del Vangelo, pastori saggi e generosi  per le persone loro affidate.  Auguri!».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *