alpadesa
  
Flash news:   Scontro ieri nel Consiglio comunale straordinario di Atripalda: ok al riconoscimento del debito fuori bilancio di oltre un milione di euro legato ad espropri di terreni in via San Lorenzo. Foto Inchiesta scuole, al via l’incidente probatorio con il Ctu nominato dal Gip per verifiche di vulnerabilità sismica sull’”Adamo” e “Masi”. Il sindaco: “attendiamo serenamente che si facciano queste ulteriori valutazioni” Furto aggravato e rapina ad Atripalda e Monteforte, i Carabinieri arrestano un 40enne Coronavirus, summit in Prefettura: tamponi anche all’ospedale “Moscati”. Spena: “niente improvvisazioni” Sospeso il taglio del filare di pioppi di via San Lorenzo ad Atripalda dopo le polemiche e un incontro di ieri all’Utc Coronavirus, ordinanza del sindaco Spagnuolo: “quarantena per chi viene dalle zone focolaio del Nord Italia” Forza Italia, nominato il nuovo commissario provinciale di Avellino: Fulvio Martusciello subentra a Cosimo Sibilia Coronavirus, i Carabinieri denunciano due persone del capoluogo Irpino per false segnalazioni su Facebook e procurato allarme L’irpino Vincenzo Garofalo al suo esordio regala tre punti ai Lupi Brutta sconfitta in casa per la Scandone Avellino contro Geko PSA Sant’Antimo

Consiglio Comunale, il vicesindaco pd Tuccia relazione su Area Vasta di Avellino e riordino servizio idrico integrato

Pubblicato in data: 15/4/2016 alle ore:15:24 • Categoria: Politica, Partito DemocraticoStampa Articolo

conferenza-puc-tuccia-3Al centro del Consiglio comunale di ieri sera anche la convenzione per la costituzione dell’ Area Vasta di Avellino e l’attuazione degli obiettivi comuni di sviluppo economico, sociale e culturale nell’ambito delle attività di programmazione fondi europei 2014/2020 e la mozione sul riordino del servizio idrico integrato.
Due argomenti su cui ha posto l’ accento il partito democratico: a relazionare il vicesindaco Luigi Tuccia che introduce l’ argomento relativo all’area vasta partendo dalla workshop elaborata all’interno di un progetto in itinere che ha coinvolto ben trentatré comuni irpini. Brevemente il vicesindaco illustra il progetto ancora working in progress dell’ area vasta ed informa i consiglieri comunali sui tavoli tecnici che si sono tenuti a partire dallo scorso dicembre, dopo la sottoscrizione del protocollo di intesa da parte di tutti i comuni partecipanti. Inoltre il vicesindaco Tuccia parla della possibilità di attingere ai finanziamenti Por 2014/2020 e di un eventuale contributo, in termini di idee e di condivisione, da parte del consiglio comunale per un progetto valido che mira alla crescita e allo sviluppo del territorio. Due le priorità individuate per la città di Atripalda all’interno del sistema “Area Vasta”: la valorizzazione dell’ identità turistica e culturale di Atripalda, e più specificamente la valorizzazione e la promozione di Abellinum, e l’ asse “ambiente e territorio”, che comprende la messa in sicurezza  e la riqualificazione del fiume Sabato. Il primo punto volge a valorizzare il patrimonio storico,culturale,religioso ed ambientale. Il secondo, è un corridoio ecologico che vuole valorizzare le aree protette e della biodiversità e mira alla messa in sicurezza del territorio dell’ area vasta dal rischio idrogeologico. “Per quanto riguarda l’aspetto sociale – sottolinea Tuccia – tra le nostre proposte anche il recupero abitativo di Alvanite. Ancora da valutare e da affrontare la questione relativa all’energia sostenibile”. Trasporti e gestione dei rifiuti sono invece tematiche rimandate ai prossimi tavoli tecnici per l’importanza e la complessità degli argomenti.
Poi cambia argomento Tuccia passando al secondo ordine del giorno che riguarda il riordino del servizio idrico integrato. “In seguito alle discussioni affrontate in sede provinciale sulla questione dell’ acqua pubblica e privata – asserisce il vicesindaco -ne è scaturito un documento relativo al riordino del servizio idrico, nonché un invito rivolto al presidente dell’ ACS, a prendere atto delle proposte che sono state espresse in quella sede e nel corso di questo consiglio comunale”. “Siccome dall’acqua che viene emunta dal nostro territorio – spiega Tuccia – la rete ne disperde ben il cinquanta per cento, si vuole proporre in primis la messa in sicurezza e la naturalizzazione di buona parte del tratto del fiume Sabato. Il nostro territorio è ricco di questo bene primario eppure i nostri fiumi, in particolare l’ Ofanto e il Sabato, soffrono la siccità nei periodi estivi. Questo avviene, perché l’ acqua emunta dal nostro territorio è di quantità superiore alla norma causandone la dispersione di gran parte di essa. Ecco perché è necessario intervenire al più presto sui condotti idrici che vanno riparati e messi in sicurezza, affinché l’ acqua venga emunta nella giusta quantità evitandone lo spreco e nel contempo consentendo ai fiumi di beneficiare di quella quantità di acqua non emunta” . ” Il nostro territorio si può riorganizzare in termini di gestione di acqua pubblica e privata – conclude Tuccia –  ritengo che l’Acs resti il fulcro di questa vicenda e che abbia il dovere di interessarsi alla questione e di provvedere a garantire al nostro territorio una ponderata ed adeguata gestione pubblica dell’ acqua”.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *