alpadesa
  
domenica 22 settembre 2019
Flash news:   Amministrazione sotto attacco, il sindaco replica duramente: «L’ex assessore Landi non sa di cosa parla ma è arrivato il momento di replicare a queste continue provocazioni. Noi la giunta della concretezza. Parla di mancato incoraggiamento al libero pensiero ma poi querela le testate locali» Festeggiamenti San Sabino: stasera PFM in concerto in piazza Umberto, domani processione del Patrono Rogo all’Ics di Pianodardine, l’Arpac: “livelli di diossina sotto la soglia di pericolo già sabato” L’ex assessore Mimmo Landi all’attacco: “solo autocelebrazioni dall’Amministrazione mentre il fallimento è sotto gli occhi di tutti” Idea Atripalda chiede al Comune di aderire a WiFi4EU per promuove il libero accesso alla connettività Wi-Fi Avellino calcio, info biglietti per le prossime gare dei lupi Green Volley, la Piscina Comunale di Mercogliano ospita la preparazione delle atlete atripaldesi Gestione Centro Informagiovani della Dogana, il Comune affida il servizio per il prossimo triennio alla Misericordia di Atripalda Al via i lavori di rifacimento stradale di via Manfredi e via Pianodardine. Foto Festeggiamenti San Sabino, il vescovo Aiello ai fedeli: “comunità messa a dura prova dall’incendio. Se venerdì scorso avessi preso l’auto per andarmene a mare non sarei stato un buon pastore ma un mercenario”. FOTO

Taccone: “I calciatori hanno chiesto a Marcolin di restare”

Pubblicato in data: 18/4/2016 alle ore:09:23 • Categoria: Avellino CalcioStampa Articolo

Walter TacconeNel momento più delicato della stagione biancoverde, il presidente dell’Avellino Walter Taccone interviene nel corso del “Il Pomeriggio da Supereroi” di Radio Punto Nuovo per fare chiarezza, sgombrare il campo dalle tanti voci e, soprattutto, chiedere il sostegno dei tifosi. “Mi aspetto – dice – che stiano vicini alla squadra: siamo preoccupati, ma diamo fiducia ai ragazzi e non lasciamolo trasparire. Ci aspettano delle partite fondamentali che dobbiamo affrontare uniti”. Il numero uno del sodalizio biancoverde si sofferma, poi, sull’involuzione – di gioco e di risultati – che l’Avellino ha mostrato nel corso del girone di ritorno. “Credo – ha spiegato Taccone – che il calo possa essere addebitabile ad una serie di componenti. Tra questi, anche i troppi acquisti effettuati nel corso del mercato di riparazione, inseriti in una squadra che aveva già una sua fisionomia: abbiamo scelto giocatori che potessero coprire ruoli cardine nello scacchiere biancoverde e questo ha inevitabilmente creato qualche gelosia per la conservazione del posto in squadra”. Il presidente si è soffermato pure sulla partenza di Trotta. “Abbiamo fatto di tutto per tenerlo – spiega -. Ha voluto fortemente la serie A da subito, pur con la prospettiva di non riuscire a ritagliarsi spazio. Anzi, ha pure rifiutato l’ipotesi di rimanere altri sei mesi in Irpinia a cessione già avvenuta”.
Taccone non manca, infine, di confermare il momento di sfiducia di mister Marcolin che, al termine della gara del Curi, aveva pensato di gettare la spugna. “Ha confidato ai ragazzi questa volontà, dettata soprattutto dall’amarezza per la sconfitta e la contestazione – ha concluso Taccone – ma gli stessi calciatori sono stati con lui e gli hanno chiesto di rimanere. Sono stati loro a fargli cambiare idea. Da parte mia, trovo assurdo pensare di cambiare un altro allenatore dopo appena quattro giornate. Quanto ai calciatori, li ho redarguiti in maniera energica e gli ho chiesto, già contro il Trapani, di mettere in campo più di quello che hanno, nel rispetto dei tifosi, della società e dell’allenatore”.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *