alpadesa
  
Flash news:   “Rossi-Doria, il riformatore che amava l’Irpinia”, il ricordo di Luigi Caputo del grande meridionalista Ciclismo, l’A.S.Civitas presenta il veterano Michele Venezia Lavori alla Biblioteca comunale e contrada Fellitto, si ampliano i cantieri ad Atripalda. Foto Coronavirus, nessun caso in Irpinia su 299 tamponi effettuati Coronavirus, quasi raddoppiati i guariti e le vittime in un giorno sono solo 78 Così non va – una fioriera cementata e vuota al posto di un paletto dissuasore in via Appia. Foto Istituto Comprensivo di Atripalda di nuovo nella bufera, la componente genitori scrive al Ds per criticare la Dad e all’Amministrazione: «Chiediamo di assumere le posizioni dovute al ripristino degli equilibri» Coronavirus, un caso a San Potito: 4 in Irpinia. I contagiati salgono a 536 Coronavirus, la Regione rinnova l’invito: “No assembramenti, il virus è ancora presente” Coronavirus, 92 le vittime registrate in un giorno e solo 300 nuovi positivi

La maggioranza attacca l’Udc: “da loro sempre contributo inesistente anche quando erano forza di governo”

Pubblicato in data: 20/4/2016 alle ore:20:22 • Categoria: Politica
palazzo-civico-comune-municipioL’inserimento nel dibattito politico-amministrativo di una comunità da parte di un partito, di una associazione o di un gruppo di cittadini al di la della propria posizione o idea politica, va salutato con favore perché è sinonimo di partecipazione, di democrazia, di confronto di idee e di amore per il proprio paese.
Tutto questo non vale per l’Udc locale, proviamo a spiegare il perché rivolgendoci ai cittadini, ai simpatizzanti, agli iscritti e agli elettori dell’Udc.
Innanzitutto appare chiaro che i dirigenti e i rappresentanti istituzionali di questo partito sono in letargo e di tanto in tanto si svegliano tirando fuori un modesto documento.
Ci chiediamo: in cosa consiste il loro contributo di idee, di progetti e di proposte volti al miglioramento della vivibilità della nostra cittadina? “Z E R O” Non potrebbe essere altrimenti perché basta ricordare il loro comportamento in varie occasioni. Mai presenti ad iniziative di natura istituzionale, politica, culturale o sportiva. Lo testimoniano gli ultimi due convegni organizzati ad Atripalda, nel primo hanno semplicemente atteso sotto il portone di palazzo di Città l’arrivo del leader che hanno pure rinnegato, per poi non partecipare al dibattito.
Altro esempio, questo più recente, quando hanno ricevuto l’ordine di non partecipare al convegno che prevedeva l’intervento del loro consigliere regionale e della Presidente D’Amelio la cui elezione è avvenuta anche con i loro voti.
Ma questo è l’Udc di Atripalda. Non è ancora chiaro se il gruppo consiliare è Udc o Area Popolare e se ci sia un capogruppo per l’Udc e uno per Area Popolare visto che sia in Consiglio Comunale che nel corso di qualche conferenza stampa il capogruppo ufficiale Musto tace, mentre il consigliere Spagnuolo lo sostituisce.
L’impressione è che ci sia un capogruppo per le grandi occasioni ed uno giornaliero, un po’ come gli abiti che si distinguono in quelli per tutti i giorni e in quelli per le cerimonie.
Per non parlare del loro contributo (inesistente), che alcuni dei consiglieri dell’Udc hanno dato all’amministrazione quanto erano forza di governo.
Unico loro interesse è stata la ripartizione dei posti negli enti sovracomunali, con lo scopo di creare fibrillazione nella maggioranza e all’interno del Pd.
Quanto all’ultimo consiglio comunale la nostra posizione è chiara: ribadiamo la piena e totale solidarietà all’Arma dei Carabinieri e a tutte le Forze dell’Ordine che quotidianamente garantiscono sicurezza, legalità e tranquillità nel nostro paese, senza, però, strumentalizzarle per motivi politici.
Rispetto alla cosiddetta “area vasta”, guardiamo con grande interesse a cosa si muove intorno a noi per portare nel nostro comune opportunità di crescita economica, sociale e culturale. L’area vasta, va in questa direzione cosi come richiesto dall’Europa, e come hanno già fatto 24 comuni dell’alta Irpinia che hanno dato vita alla “Città Irpinia” associazione presieduta dal sindaco di Nusco. Tutti, tranne l’Udc di Atripalda, hanno inteso che questa è l’unica strada percorribile per beneficiare di finanziamenti al fine di uscire dalle secche in cui ci troviamo, per dare una speranza ai giovani, alle imprese, alle famiglie in difficoltà e nell’interesse generale della nostra Atripalda. Infatti, Atripalda ha sempre recitato, nel corso degli anni, un ruolo di primissimo piano e per questo motivo intendiamo partecipare alla costituzione dell’Area Vasta senza riserve e senza remore, contribuendo in modo fattivo e determinante ad ogni processo decisionale.
Riteniamo che questo documento costituisce solo la prima occasione di una serie di chiarimenti necessari a far comprendere ai cittadini di Atripalda che i componenti di questo partito stanno solo tentando di recuperare una verginità perduta da tempo, in vista delle prossime elezioni amministrative. Pertanto, ai cittadini chiediamo di non lasciarsi impressionare da sterili proclami e vacue demagogie.
I consiglieri di maggioranza del Consiglio Comunale di Atripalda
Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Aumento Imu, ecco il discorso del sindaco Spagnuolo in Consiglio comunale

Care colleghe, cari colleghi, in campagna elettorale, noi della lista Uniti per Atripalda, abbiamo sostenuto che la sfida amministrativa ci Read more

Verso il voto, comizio di chiusura “Uniti per Atripalda”. Gli interventi del Presidente De Mita, Spagnuolo e Tuccia

Comizio di chiusura per la lista "Uniti per Atripalda" Dopo gli interventi del capolista Luigi Tuccia e del candidato a Read more

Verso il voto, Antonio Prezioso (Uniti per Atripalda): “Di nuovo al fianco di Paolo per far rinascere la città”

La lista che abbiamo presentato per queste elezioni sta creando grande entusiasmo tra gli atripaldesi. Un candidato a sindaco di Read more

Verso il voto, l’ex ministro Fioroni incontra “Uniti per Atripalda”: “Una coalizione basata sulla condivisione di valori e programmi”

«Questa è un'alleanza importante che parte da lontano con l'obiettivo di porre al centro il bene comune, nell'ottica del marciare Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

3 risposte a “La maggioranza attacca l’Udc: “da loro sempre contributo inesistente anche quando erano forza di governo””

  1. Cittadino ha detto:

    Come siamo ridotti male.

  2. Ciro ha detto:

    Allora è vero che cercate di dividervi sempre le torte con spartizioni di posti o incarichi.
    Questo vale per tutti i partiti al potere.
    E noi, vi dovremmo dare il nostro consenso mentre voi saltate da destra a sinistra a vostro piacimento.

  3. Nappo Carmela ha detto:

    sono solo promesse elettorali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *