alpadesa
  
Flash news:   Così non va – una fioriera cementata e vuota al posto di un paletto dissuasore in via Appia. Foto Istituto Comprensivo di Atripalda di nuovo nella bufera, la componente genitori scrive al Ds per criticare la Dad e all’Amministrazione: «Chiediamo di assumere le posizioni dovute al ripristino degli equilibri» Coronavirus, un caso a San Potito: 4 in Irpinia. I contagiati salgono a 536 Coronavirus, la Regione rinnova l’invito: “No assembramenti, il virus è ancora presente” Coronavirus, 92 le vittime registrate in un giorno e solo 300 nuovi positivi Flash mob dei piccoli imprenditori e Amministrazione in piazza Umberto per rilanciare il commercio ad Atripalda. Il sindaco: “attività di promozione del nostro territorio”. Foto Riparte il “Farmer Market” ad Atripalda: ieri mattina primo appuntamento dopo mesi di stop. L’assessore Musto: “mercatino in sicurezza”. Foto Coronavirus, sono due i contagiati in Irpinia: sono di Ariano. I contagiati salgono a 532 Coronavirus, forte calo delle vittime registrate nelle 24 ore: 50 in tutto Giovani e Movida, l’appello del governatore De Luca: “Bisogna abituarsi all’idea che nulla tornerà come prima”

Contributi clinica Santa Rita, annullato sequestro beni a Walter Taccone

Pubblicato in data: 30/4/2016 alle ore:11:32 • Categoria: Cronaca

tribunale-av-ingressoNel primo pomeriggio il Tribunale del Riesame di Avellino, nelle persone della dott.ssa Eva Troiano, dott. Pierpaolo Calabrese e dott.ssa Irene Barra, accogliendo il ricorso presentato dall’avv. Innocenzo Massaro, difensore di fiducia del Prof. Walter Taccone, Presidente della Casa di Cura Santa Rita S.p.A., ha annullato il decreto di sequestro preventivo, emesso dal Gip del Tribunale di Avellino e notificato in data 19.04.2016, con il quale era stato disposto il sequestro di denaro e beni immobili nella disponibilità del Presidente, per un valore complessivo di € 850.000, per un debito erariale della Casa di Cura Santa Rita, già rateizzato nel 2013 con l’Agenzia delle Entrate di Avellino, rateizzazione, tra l’altro, previamente omologata dal Tribunale di Avellino.
“Appare chiaro – afferma l’avv. Innocenzo Massaro – che, a fronte di un provvedimento che ha avuto la breve vita di soli dieci giorni, si sarebbe potuto evitare un eccessivo clamore mediatico, che ha finito per incidere negativamente sul decoro e sull’onore oltre che sulle attività imprenditoriali del Prof. Walter Taccone, impegnato nel settore della sanità privata irpina e soprattutto legato all’U.S. Avellino.
L’auspicio, nell’interesse non solo del Presidente, ma di ogni cittadino, è una riflessione da parte degli operatori del diritto sulla delicata ed attuale tematica della limitazione della libertà personale e patrimoniale dell’indagato prima del processo

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Casa di cura Santa Rita, le precisazioni dell’avvocato del presidente Taccone

"In merito a talune notizie apparse su quotidiani, anche on line, circa presunti “contributi non versati, sequestro a Taccone”, il Read more

Censimento amianto, “Noi Atripalda” interroga l’ente su esito e provvedimenti da adottare

I consiglieri comunali del gruppo Noi Atripalda, Domenico Landi, Francesco Mazzariello, Maria Picariello, Fabiola Scioscia e Paolo Spagnuolo hanno presentato interrogazione Read more

Detiene illegalmente fucile e munizioni: nei guai 65enne atripaldese

  I Carabinieri della Compagnia di Avellino, nell’ambito dei servizi finalizzati al controllo del rispetto della normativa in materia di Read more

Festa dei Musei, sabato e domenica visite al Parco di Abellinum e ai giardini di Palazzo Caracciolo

Torna questo fine settimana, sabato 20 e domenica 21 maggio, la festa che celebra il patrimonio culturale italiano, con eventi e Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *