alpadesa
  
Flash news:   “Ci vuole un fiore”, incontro al Convento di San Giovanni Battista domenica su ecologia e benessere “Laganum in Arce” a Manocalzati nel castello di San Barbato Calcio, l’Abellinum vince ancora Ciclismo, l’A.S Civitas-Profumeria Lucia intensifica la preparazione in attesa del debutto Porta i cani nell’ex scuola di Rampa San Pasquale interdetta al pubblico, fermato dai Vigili Ad Atripalda sabato pomeriggio arriva “Carnevale in Piazza” Non bastano i rinforzi, Scandone sconfitta ancora a Corato Pari a reti bianche nel derby con la Cavese. Capuano: «Dovevamo vincerla» Il Consiglio d’Istituto del Comprensivo “De Amicis-Masi” di Atripalda elegge presidente Roberto Savarese ribaltando l’esito delle elezioni suppletive. Due genitori allontanati dai Vigili Laurea con lode di Francesca Bellizzi, auguri

Sidigas stop a Venezia, sabato arriva Pistoia

Pubblicato in data: 6/5/2016 alle ore:07:22 • Categoria: Avellino BasketStampa Articolo

Acker-Umana-Sidigas-750x330La Sidigas si congeda dalla stagione regolare con una sconfitta indolore, vista la vittoria di Reggio Emilia. Venezia vince 86-77 dopo un supplementare. Per gli irpini buone le prove di Nunnally, Cervi e Ragland che vanno in doppia cifra. Sabato gara 1 di playoff contro Pistoia.

Cervi inizia la gara con una schiacciata, Mike Green invece risponde con una tripla (3-2). Break biancoverde ad opera di Acker, Nunnally e Ragland che segnano dalla media distanza (3-8). Una tripla di Ress però riporta a -2 Venezia, ma ancora Cervi a segnare da sotto (6-10). Il lungo italiano e Nunnally con una tripla aumentano il vantaggio, entra Green e subito si iscrive a referto portando a +9 la Sidigas (8-17). Pargo appena entrato e Viggiano sulla sirena segnano 4 punti di fila ed il quarto termina con i biancoverdi sul +5 (12-17).

Nel primo minuto del quarto non succede nulla. E’ Savovic a rompere gli equilibri, ma Buva riporta a +7 gli irpini. Ragland inizia a carburare ed Avellino scappa (15-27) con il coach dei lagunari costretto al time out. Mini intervallo che paga perché prima Mike Green e poi Ejim tentano la rimonta, ma la premiata ditta Nunnally- Ragland tiene a distanza di sicurezza l’Umana (20-32). Entra Severini e va subito a segno, ma inizia la riscossa veneziana, prima Tonut che schiaccia e poi Ress fa 2+1 chiudendo il quarto sul +9 Sidigas (25-34).

La Reyer vuole subito recuperare, e ci prova con Ortner. Il nuovo acquisto Pargo sale in cattedra e si mette in proprio ed in un amen Venezia pareggia (38-38). Nunnally non ci sta e dopo una tripla subisce fallo e andando in lunetta. Ejim e Green però danno il primo vantaggio ai lagunari (44-43). Grazie a Buva, Avellino si riporta avanti e Pini spinge a +3 la Sidigas grazie ad una tripla (46-49). Ragland segna ancora, ma Jackson dalla lunga distanza chiude a -1 (50-51).

Il quarto periodo inizia con errori da una parte e dall’altra, ma Acker sale in cattedra con una tripla lo imita Ortner, ma sempre la guardia di Avellino insieme a Buva confezionano il break di 5-0. Viggiano accorcia, ma Acker e Cervi danno il +6 alla Sidigas (55-61). Ress e Ortner trovano punti dalla lunetta, ma il solito Cervi mantiene invariato il vantaggio (59-66). Prima Pargo, poi Ress trascinano la Reyer alla rimonta fino al 71 pari. Leunen a 5’’ dalla fine da il +2 alla Sidigas ma Pargo segna e manda le squadre all’over time (73-73).

Pargo inizia da dove aveva lasciato e da il + 4 ai lagunari, rispondono Cervi e Leunen che pareggia (77-77). Mike Green dopo una tripla di Ress da il + 5 a Venezia. La Sidigas non riesce più a segnare mentre ancora Green a trascinare la Reyer con cinque punti di fila e chiude la partita 86-77.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *