alpadesa
  
Flash news:   Amarezza di Gioso Tirone alla presentazione del libro sul decennale del “Torneo Calcistico Stracittadino di Atripalda”. Foto Amministrazione sotto attacco, il sindaco replica duramente: «L’ex assessore Landi non sa di cosa parla ma è arrivato il momento di replicare a queste continue provocazioni. Noi la giunta della concretezza. Parla di mancato incoraggiamento al libero pensiero ma poi querela le testate locali» Festeggiamenti San Sabino: stasera PFM in concerto in piazza Umberto, domani processione del Patrono Rogo all’Ics di Pianodardine, l’Arpac: “livelli di diossina sotto la soglia di pericolo già sabato” L’ex assessore Mimmo Landi all’attacco: “solo autocelebrazioni dall’Amministrazione mentre il fallimento è sotto gli occhi di tutti” Idea Atripalda chiede al Comune di aderire a WiFi4EU per promuove il libero accesso alla connettività Wi-Fi Avellino calcio, info biglietti per le prossime gare dei lupi Green Volley, la Piscina Comunale di Mercogliano ospita la preparazione delle atlete atripaldesi Gestione Centro Informagiovani della Dogana, il Comune affida il servizio per il prossimo triennio alla Misericordia di Atripalda Al via i lavori di rifacimento stradale di via Manfredi e via Pianodardine. Foto

Don Fabio sale sulla gru per l’alzata del pannetto di Sant’Antonio.FOTO

Pubblicato in data: 14/5/2016 alle ore:07:30 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

Alzata pannetto Sant'Antonio, don Fabio sulla gru3Una salita verso il Cielo per omaggiare Sant’Antonio di Padova. Il parroco della chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire, don Fabio Mauriello non c’ha pensato su due volte ieri sera ed è salito sulla gru per l’alzata del pannetto in piazza Umberto in onore di Sant’Antonio di Padova, il tradizionale appuntamento che si svolge a distanza di un mese dai solenni festeggiamenti cittadini.
Una decisione matura all’instante e che ha colto piacevolmente di sorpresa tutto il comitato festa e le autorità cittadine presenti all’appuntamento con il sindaco Spagnuolo accompagnato dagli assessori e consiglieri di giunta, il comandante dei vigili Giannetta e il vice comandante dei carabinieri Sullutrone.
E così montato sulla gru, dopo aver indossato il caschetto protettivo, si è levato verso l’alto con un operaio per fissare  alla prima luminaria il pannetto per il santo devoto che resterà esposto all’ingresso della piazza fino al termine della programmazione degli eventi religiosi e civili.
Ed il suo ritorno “sulla terra” è stato salutato da un lungo applauso. Proprio don Fabio, unitamente a don Ranieri e padre Cristian, poco prima avevano proceduto alla benedizione «sia un moneto di grade festa – aveva dichiarato – ma anche di riflessione ed onestà».
Don Fabio già stupì positivamente i fedeli lo scorso settembre, quando in onore della processione per il Patrono Sabino, si unì ai portantini portando in spalla la statua del Santo.
Alzata pannetto Sant'Antonio, don Fabio sulla gru2 Alzata pannetto Sant'Antonio, don Fabio sulla gru1Alzata pannetto Sant'Antonio

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 risposte a “Don Fabio sale sulla gru per l’alzata del pannetto di Sant’Antonio.FOTO”

  1. Mirko ha detto:

    Nulla da eccepire sull’alzata del pannetto di S.Antonio, ma sull’esatta denominazione del santo, in quanto la dizione esatta dovrebbe essere S. Antonio da Padova e non di Padova che si potrebbe confondere con un normalissimo cognome. Come x esempio S.Rita da Cascia, S. Bernardino da Siena, S. Francesco da Assisi anche se con l’apostrofo,San Guglielmo da Vercelli ecc.

  2. Enrico ha detto:

    Signor Mirko:
    1) La preposizione semplice “da” introduce il complemento di origine e provenienza, pertanto, preposta al nome della città, indicherebbe erroneamente che Sant’Antonio era padovano di nascita;
    2) La preposizione semplice “di” invece identifica il complemento di specificazione: con essa si sottolinea che Sant’Antonio, pur non avendo i natali in terra veneta (era di Lisbona, se non erro, dunque portoghese), è legato, in riferimento alla sua attività apostolica, al ministero di sacerdote e di francescano, dunque alla sua storia di santo, alla città di Padova ed al territorio padovano.

    Non vorrei sbagliarmi, ma gli altri santi che lei ha citato provengono tutti dalla città la cui denominazione è affiancata al loro nome. Naturalmente, intervenga qualcuno più competente di me al riguardo. Saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *