alpadesa
  
Flash news:   Lo chef atripaldese Alfredo Iannaccone testimonial in Sicilia Europee 2019, nuova localizzazione dei seggi elettorali in città Tutto pronto ad Atripalda per la gara podistica a livello internazionale “l’Irpinia Corre” di domani 25 aprile: ecco i numeri della competizione sportiva Maffezzoli: “contento per i due punti” Torna alla vittoria la Sidigas Scandone Avellino dopo quattro sconfitte consecutive: battuta Torino per 109-82 AtripaldaNews augura buona Pasqua a tutti i lettori Cani randagi avvelenati, il sindaco emana un avviso per la presenza di esche e bocconi avvelenati. Appello dell’Aipa per il canile municipale Ricatto hard ad un parroco di Atripalda:“Paga o diffondo il video”. Tre a processo L’Avellino batte la Lupa Roma per 2 a 1 e riapre il campionato Via Crucis, grande attesa per la XXIII edizione di domani sera

Atripalda Volleyball, si chiude con una vittoria una stagione positiva. Ora si programma il futuro

Pubblicato in data: 17/5/2016 alle ore:15:49 • Categoria: Sport, PallavoloStampa Articolo

Atripalda-oplontiSi chiude con l’amaro in bocca la prima stagione in serie C dell’Atripalda Volleyball. Una stagione che si è culminata con l’eliminazione nella prima fase dei play off. Per i biancoverdi è stata fatale la sconfitta subita nella prima giornata della post season proprio in trasferta contro il Cimitile. Infatti gli atleti della cittadina del sabato sono stati costretti a rincorrere da subito senza poter più sbagliare nulla. Nella terza partita contro l’Oplonti, vinta con il punteggio di 3 a 2, non tutto è andato come nelle previsioni. Quella vista in campo è stata una squadra che non ha saputo dire la sua mostrando dei limiti anche da un punto di vista caratteriale. Infatti il solo D’Angelo è riuscito a giocare al meglio trascinando la squadra a vincere la gara dopo i primi due set in cui la stessa non è riuscita a mostrare la vera voglia di vincere. E quindi già da mercoledì sera serviva un miracolo per la qualificazione che i biancoverdi hanno dimostrato ampiamente essere alla loro portata. E nello sport si sa non bisogna mai dipendere dagli altri ma da se stessi. Termina una stagione positiva dal punto di vista sportivo ma difficile dal punto di vista umano. Se da un lato gli obbiettivi sportivi sono stati raggiunti, c’è ancora dolore in tutti i nostri cuori per quello successo in corso di stagione a mister Alberto Matarazzo. E’ stato difficile proseguire senza di lui, senza il suo carisma, senza il suo sorriso pronto sempre a cercare una soluzione per tutto. Ad inizio campionato era stato lui a plasmare questo gruppo, con tante difficoltà iniziali, portandolo a conquistare ben 11 vittorie consecutive in campionato e alla conquista della finale di Coppa Campania persa solo dopo un’interminabile partita per due soli punti al tie – break. Quello che era Alberto e ciò che ha insegnato ad tutti resterà sempre nel bagaglio sia umano che sportivo in ognuno di noi, arricchendolo e non di poco. Perdere una guida come lui improvvisamente ha segnato il cambio di passo della stagione. Con mister Famoso e i ragazzi che hanno tentato di dare il massimo in  palestra. La società è stata sempre vigile ed è riuscita a dare il suo prezioso contributo mettendo a disposizione giocatori di esperienza come D’Angelo e Davanzo. La cosa che ci piace sottolineare è che da tempo non si vedeva una palestra Adamo così gremita, segno che la squadra ha fatto riaffezionare il popolo atripaldese e non solo. Questo uno dei motivi per cui la società già da ora inizia con la programmazione per la prossima stagione cercando di migliorare i risultati raggiunti in quest’anno.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *