alpadesa
  
Flash news:   Seconda edizione della cinerassegna invernale “Agguattiti buono!”: domani sera la presentazione Avellino, il centrocampista Tomas Federico è un nuovo tesserato Vince la lista “Insieme si può” di Lia Gialanella al Comprensivo “De Amicis-Masi” di Atripalda per l’elezione della componente genitori nel Consiglio d’Istituto Estraggono 800 metri cubi di pietra dal fiume Sabato: la Forestale mette i sigilli L’Atripalda Volleyball batte Martina e consolida il settimo posto Oggi il Giorno della Memoria per non dimenticare la tragedia della Shoah Non basta Micovschi, finisce 1-1 col Picerno Torna nella chiesa la tela offerta in dono nuziale. Foto “Verità per Giulio Regeni”: a quattro anni dalla scomparsa restano ancora ombre Pista di pattinaggio per il Natale ad Atripalda, dopo le polemiche sui social per il contributo del Comune il gestore Sergio Argenio si difende

La Sidigas non riesce ad espugnare il PalaBigi, Gara 1 va a Reggio Emilia

Pubblicato in data: 19/5/2016 alle ore:12:05 • Categoria: Avellino BasketStampa Articolo

Acker_GARA1Reggio-Avellino-750x330Avellino non riesce ad espugnare il PalaBigi ed esce sconfitta in gara 1 con il punteggio di 83-69. I biancoverdi sono partiti bene giocandosela alla pari con i vice campioni d’Italia. I ragazzi di coach Sacripanti già sono con la testa a gara 2 di venerdì sera.

Partono forte le due squadre, è Acker a smuovere subito il tabellone dei punti dalla media distanza, copiato da Leunen, dall’altro Silins e Veeremenko simulano gli avversari (6-6). I due quintetti sono molto attenti sugli esterni, si segna molto da sotto. La Sidigas va a segno con Cervi e Nunnally, mentre la Grissin Bon risponde con Veremeenko e Kaukenas (12-12). Entra Buva che da il primo vantaggio alla Sidigas facendo 1/2 dalla lunetta seguito da Nunnally (14-17). Ancora il centro della Sidigas a dominare sotto i tabelloni e insieme a Veikalas confezionano il primo allungo biancoverde (16-23). Della Valle da sotto riporta a -5, Ragland segna sulla sirena ma fuori tempo massimo e il punteggio del primo quarto rimane invariato (18-23).
Reggio Emilia piazza un parziale di 7-0 grazie a due contropiedi di Gentile e Polonara che poi mette la prima tripla della serata (25-23). Nunnally chiude il break con un tiro da dentro l’area, Ragland ruba palla in contropiede e realizza (25-27). I biancorossi segnano solo da tre, prima con De Nicolao e poi con Kaukenas, intervallati da un tiro da dentro l’area di Cervi (31-29). Si sblocca anche Ragland da tre, che poi offre un assist a Cervi che ringrazia (33-34). La partita cambia di padrone spesso grazie agli attacchi delle due squadre, un mini break dei biancorossi con De Nicolao e Aradori riportano la Grissin Bon avanti (37-34). Due palle perse consecutive dei biancoverdi danno il massimo vantaggio a Reggio grazie a due tiri liberi di Kaukenas, mentre Ragland dopo due liberi sbagliati segna sulla sirena (41-36).

Al ritorno dall’intervallo lungo subito Nunnally da tre, ma Aradori allunga (45-39). Dopo una tripla di Polonara, Ragland scuote i suoi, entra Buva e lo segue da sotto (49-43). Aradori da tre e De Nicolao da sotto danno il massimo vantaggio a Reggio, con Buva che fa 1/2 ai liberi (54-44). Dopo un botta e risposta tra Buva e Lavrinovic, Acker fa 1/2 dalla lunetta, Ma Needam dal il +14 a Reggio che chiude cosi il quarto (63-49).

L’ultimo periodo inizia all’insegna di Pini che mette 5 punti di fila, e grazie ad un piazzato di Ragland la Sidigas va sul -9 (65-56). Polonara schiaccia seguito da Della Valle da tre (70-56). Green e Ragland ci provano a recuperare ma, Kaukenas non ci sta (79-65). Pini e Ragland ancora da sotto, Reggio risponde con Silins con la partita che si chiude 83-69.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *