alpadesa
  
Flash news:   Ordigno bellico ritrovato ad Avellino: la bomba verrà fatta brillare in una cava di Atripalda L’Area Dem del Pd a confronto ad Atripalda in vista delle Regionali 2020, Nancy Palladino: «per noi il nome del governatore De Luca è imprescindibile e va sostenuto». FOTO Messa in ricordo di Alessandro Lazzerini sabato presso la Chiesa del Carmine Niente più sosta in piazza Tempio Maggiore per valorizzare la chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Uccise la moglie con arnese da falegname, si impicca in cella a Torino 64enne originario di Atripalda Trova uno smartphone e chiede 30 euro per la restituzione: denunciato per tentata estorsione 60enne di Atripalda Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro Laurea in Tecniche di Radiologia Medica: auguri alla dottoressa Angela Penza

La Sidigas non riesce ad espugnare il PalaBigi, Gara 1 va a Reggio Emilia

Pubblicato in data: 19/5/2016 alle ore:12:05 • Categoria: Avellino BasketStampa Articolo

Acker_GARA1Reggio-Avellino-750x330Avellino non riesce ad espugnare il PalaBigi ed esce sconfitta in gara 1 con il punteggio di 83-69. I biancoverdi sono partiti bene giocandosela alla pari con i vice campioni d’Italia. I ragazzi di coach Sacripanti già sono con la testa a gara 2 di venerdì sera.

Partono forte le due squadre, è Acker a smuovere subito il tabellone dei punti dalla media distanza, copiato da Leunen, dall’altro Silins e Veeremenko simulano gli avversari (6-6). I due quintetti sono molto attenti sugli esterni, si segna molto da sotto. La Sidigas va a segno con Cervi e Nunnally, mentre la Grissin Bon risponde con Veremeenko e Kaukenas (12-12). Entra Buva che da il primo vantaggio alla Sidigas facendo 1/2 dalla lunetta seguito da Nunnally (14-17). Ancora il centro della Sidigas a dominare sotto i tabelloni e insieme a Veikalas confezionano il primo allungo biancoverde (16-23). Della Valle da sotto riporta a -5, Ragland segna sulla sirena ma fuori tempo massimo e il punteggio del primo quarto rimane invariato (18-23).
Reggio Emilia piazza un parziale di 7-0 grazie a due contropiedi di Gentile e Polonara che poi mette la prima tripla della serata (25-23). Nunnally chiude il break con un tiro da dentro l’area, Ragland ruba palla in contropiede e realizza (25-27). I biancorossi segnano solo da tre, prima con De Nicolao e poi con Kaukenas, intervallati da un tiro da dentro l’area di Cervi (31-29). Si sblocca anche Ragland da tre, che poi offre un assist a Cervi che ringrazia (33-34). La partita cambia di padrone spesso grazie agli attacchi delle due squadre, un mini break dei biancorossi con De Nicolao e Aradori riportano la Grissin Bon avanti (37-34). Due palle perse consecutive dei biancoverdi danno il massimo vantaggio a Reggio grazie a due tiri liberi di Kaukenas, mentre Ragland dopo due liberi sbagliati segna sulla sirena (41-36).

Al ritorno dall’intervallo lungo subito Nunnally da tre, ma Aradori allunga (45-39). Dopo una tripla di Polonara, Ragland scuote i suoi, entra Buva e lo segue da sotto (49-43). Aradori da tre e De Nicolao da sotto danno il massimo vantaggio a Reggio, con Buva che fa 1/2 ai liberi (54-44). Dopo un botta e risposta tra Buva e Lavrinovic, Acker fa 1/2 dalla lunetta, Ma Needam dal il +14 a Reggio che chiude cosi il quarto (63-49).

L’ultimo periodo inizia all’insegna di Pini che mette 5 punti di fila, e grazie ad un piazzato di Ragland la Sidigas va sul -9 (65-56). Polonara schiaccia seguito da Della Valle da tre (70-56). Green e Ragland ci provano a recuperare ma, Kaukenas non ci sta (79-65). Pini e Ragland ancora da sotto, Reggio risponde con Silins con la partita che si chiude 83-69.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *