alpadesa
  
Flash news:   Ordigno bellico ritrovato ad Avellino: la bomba verrà fatta brillare in una cava di Atripalda L’Area Dem del Pd a confronto ad Atripalda in vista delle Regionali 2020, Nancy Palladino: «per noi il nome del governatore De Luca è imprescindibile e va sostenuto». FOTO Messa in ricordo di Alessandro Lazzerini sabato presso la Chiesa del Carmine Niente più sosta in piazza Tempio Maggiore per valorizzare la chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Uccise la moglie con arnese da falegname, si impicca in cella a Torino 64enne originario di Atripalda Trova uno smartphone e chiede 30 euro per la restituzione: denunciato per tentata estorsione 60enne di Atripalda Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro Laurea in Tecniche di Radiologia Medica: auguri alla dottoressa Angela Penza

Scontro nel Pd, il dimissionario segretario Malavena: «Forti lacerazioni interne, nessuna unità d’intenti e con l’Amministrazione mancato raggiungimento degli obiettivi prefissati»

Pubblicato in data: 26/5/2016 alle ore:21:33 • Categoria: Politica, Partito DemocraticoStampa Articolo

gerardo-malavena«Forti lacerazioni interne, nessuna unità d’intenti nel partito e con l’Amministrazione c’è stata collaborazione ma non il raggiungimento degli obiettivi prefissati». Getta la spugna il segretario cittadino del Pd, Gerardo Malavena a distanza da due anni dalla sua elezione e meno di dodici mesi dal voto amministrativo. La decisione maturata da tempo e comunicata con una lettera aperta, è legata soprattutto alle frizioni e spaccature interne che la dirigenza locale non è riuscita a far superare. Troppo distanti le posizioni tra le quattro anime interne, quella che si riconosce intorno alla figura della componente di governo cittadino con il vicesindaco Luigi Tuccia e il dimissionario Gerardo Malavena che sostengono l’Amministrazione Spagnuolo, l’area dell’onorevole Valentina Paris e quelle di minoranza più critiche con il gruppo dell’ex sindaco Aldo Laurenzano e la componente  che si riconosce sulle posizioni dell’ex assessore Tony Troisi.
Distanze mai ricucite in questi mesi che hanno spinto Malavena perciò a lasciare la guida del partito.
Critico Malavena appare anche con l’Amministrazione Spagnuolo: «Ho fatto da collante e cuscinetto per collaborare alla crescita amministrativa. Al sindaco presentammo lo scorso anno un programma di fine mandato che fissava gli obiettivi da raggiungere, di cui ad oggi è stato concretizzato poco. Per cui non so fino a che punto ci possa essere ancora unità d’intenti».
Il segretario dimissionario ha anche inviato una lettera ai componenti del direttorio provinciale di via Tagliamento (gli onorevoli De Luca, Famiglietti, Paris e D’Amelio), proponendo, fino al prossimo congresso cittadino, la guida del Circolo ad un gruppo di reggenza composto dall’attuale segreteria cittadina (Costantino Pesca, Antonio Iannaccone ed Emanuela Auriemma) «perché ritengo – conclude – che, in questi anni, abbia svolto al mio fianco un duro ed intenso lavoro che non dovrà in alcun modo essere vanificato. Visti i numerosi impegni politici che ci attendono nei prossimi mesi, credo che questa strada sia l’unica percorribile, per non mostrare un Pd fragile, diviso e pieno di contraddizioni. Mi auguro che la reggenza atripaldese riesca a coinvolgere le minoranze e che quest’ultime siano disposte a lavorare e confrontarsi».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 4,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *