alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, i sindaci di Ospedaletto e Summonte scrivono al prefetto: “Non servono protagonisti ma un protocollo comune per gestire l’emergenza” Coronavirus, due giovani commercianti atripaldesi donano mascherine protettive alla città e chirurgiche all’ospedale Moscati Coronavirus, deceduto questa mattina 82enne residente a Mercogliano. Le vittime in Irpinia salgono a 24 Confcommercio, iniziative a tutela degli associati Solidarietà alimentare, il gruppo “Noi Atripalda” chiede al sindaco l’immediata convocazione per la distribuzione adeguata delle risorse Emergenza alimentare, ad Atripalda in arrivo poco meno di 86mila euro per le famiglie bisognose Coronavirus, stanziati dal Miur fondi per la didattica a distanza: risorse per il liceo Scientifico e l’Istituto comprensivo di Atripalda Coronavirus, la riflessione domenicale di Don Ranieri Picone: “ce la faremo!“ Coronavirus, quattro decessi solo oggi in Irpinia Coronavirus, 12 i tamponi positivi di oggi in irpinia. Salgono a 222

Schiaffi, botte sul sedere ma anche minacce e per chi non obbediva la stanza del telefono: arrestata maestra dalla Squadra Mobile di Avellino

Pubblicato in data: 31/5/2016 alle ore:10:39 • Categoria: CronacaStampa Articolo

maltrattamenti in asilo a ValleSei mesi di indagini sono serviti agli agenti della Squadra Mobile di Avellino ieri per mettere difronte alle proprie responsabilità A.D.G. 58enne maestra di Manocalzati del secondo circolo alla scuola materna di Valle. La donna è stata fermata e posta agli arresti domiciliari dagli agenti della mobile su ordine della Procura della Repubblica di Avellino. Al momento la donna è l’unica indagata nell’inchiesta, ma non sono escluse novità. Gli inquirenti dopo aver verificato le prove costituite da intercettazioni audio e video hanno posto fine ai maltrattamenti per il pericolo che potessero ripetersi.

Le immagini diffuse dalla Polizia di Stato riportano alcuni frammenti della quotidianità dei piccoli alunni, tutti tra i 3 e i 5 anni, affidati all’educatrice che avrebbe dovuto supportare i genitori nel difficile ruolo di crescita dei propri piccoli.

Schiaffi, botte sul sedere, strattonamenti, ma anche minacce, insulti, epiteti volgari e per chi non obbediva c’era la stanza del telefono. Una sorta di stanza di punizione dove i piccoli venivano lasciati soli a piangere. Tutto ripreso dalle videocamere degli agenti della squadra mobile di Avellino guidata dal dottor Marcello Castello, che ieri mattina hanno messo fine ai maltrattamenti di cui si è resa protagonista l’insegnate di Avellino, A.D.G. 58enne in servizio alla scuola materna di Valle, arrestandola. Le vittime sono bambini tra i tre e i cinque anni iscritti all’asilo del secondo circolo diretto dalla dott.ssa Mary Morrison. A denunciare l’accaduto alcuni genitori che hanno riscontrato comportamenti anomali dei propri figli quando tornavo a casa. Il tutto avallato da certificati medici.

Le indagini hanno avuto inizio a novembre 2015, fondamentali le denunce di alcuni genitori alla Questura di Avellino di quanto stava accadendo tra le mura dell’edificio di Valle, dopo aver riscontrato disagi dei propri figli una volta rientrati a casa. Disagi fisici e psicologici documentati da tanto di certificati medici. Le denunce riguardano maltrattamenti almeno di 10 dei 30 alunni affidati alla maestra.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

3 risposte a “Schiaffi, botte sul sedere ma anche minacce e per chi non obbediva la stanza del telefono: arrestata maestra dalla Squadra Mobile di Avellino”

  1. Nappo Carmela ha detto:

    E’ una vera vergogna che questa insegnante picchia dei poveri bambini io la metterei in galera a vita espulsa da tutte le scuole di italia che lei non deve piu insegnare

  2. Perito ha detto:

    sono un ex docente e per me dovrebbe essere stato un errore aver affidato i bambini piuttosto piccoli ad una maestra piuttosto avanti nell’eta'(chissa’ se aveva avuto dei figli e se i bambini erano piuttosto vispi) forse la magistratura dovrà chiarire

  3. Nappo Carmela ha detto:

    la magistratura deve condannare questa insegnante per me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *