alpadesa
  
Flash news:   Escalation di furti, ladri messi in fuga ad Atripalda: i Carabinieri intercettano e sequestrano auto Sicurezza edifici ad Alvanite, restano le distanze tra Amministrazione e residenti mentre l’opposizione attacca sui ritardi nei progetti già finanziati. Fotoservizio I residenti di Alvanite si incontrano per discutere sullo stato di fatto delle abitazioni e sul degrado della contrada di Atripalda Non si potrà più sostare di giorno e di notte in piazza Tempio Maggiore  ad Atripalda: firmata l’ordinanza del Comando di Polizia municipale Bertolo è un nuovo giocatore dell’Us Avellino “Guardando dentro e fuori di noi” il calendario testamento di Peppino Pennella La Co.Vi.So.C. sblocca il mercato dell’Avellino Calcio Truffa all’Inps, false assunzioni ed evasione: cinque arresti a Benevento. Indagati anche ad Atripalda Omicidio De Cristoforo, Luigi Viesto condannato a dieci anni di reclusione Inquinamento ad Atripalda, l’attivista del M5s Federico Giliberti chiede centraline fisse per monitorare la qualità dell’aria

Cori, bandiere e fumogeni al Campo Coni per la “La Festa del Lupo”. FOTO

Pubblicato in data: 20/7/2016 alle ore:17:33 • Categoria: Avellino CalcioStampa Articolo

Festa Us Avellino 2016 1Cori, bandiere e fumogeni al Campo Coni lunedì sera. Successo per “La festa del Lupo” per un Avellino che si appresta a disputare il suo quarto campionato di B di fila. Tanti i supporters irpini accorsi nella struttura di Via Tagliamento per rendere omaggio ai lupi. Applausi per i senatori D’Angelo e Castaldo, così come per il giovane talento scuola Roma Verde. Il gioiellino dell’Under 21 è stato omaggiato dai supporters irpini. “Sono orgoglioso di essere ad Avellino, vi ringrazierò con le prestazioni sul campo. E’ stato questo il commento dell’esterno offensivo. Sul palco il cantautore Ghemon che come tutti i ragazzi della generazione 80′ ha Fresta come idolo, ha sottolineato ancora una volta il senso di appartenenza. Quell’Irpinia che porta nel suo cuore, così come i tanti tifosi che sperano, sognano una impresa epica. Taccone ha promesso la salvezza, ma si sa nel calcio i miracoli esistono.
Verde chiaro, verde scuro in righe verticali, proprio come la maglia dell’anno dell’Avellino dei record targato 1986/1987. Trenta anni dopo quelle bande verticali che tanto fecero sognare un’intera provincia tornano per provare a stupire. E’ la nuova casacca scelta dalla società per la stagione calcistica 2016/2017.
Incredibile il colpo d’occhio offerto dal Campo Coni, gremito di gente fin dalle prime ore del pomeriggio. L’Associazione “… Per la Storia…” e il Direttivo Curva Sud hanno dato a modo loro il benvenuto alla nuova squadra.

Festa Us Avellino 2016 2Sul palco, l’artista irpino Enzo Costanza e la collega Maria Stanco hanno scandito, uno per uno, i nomi dei protagonisti dell’U.S. Avellino 1912. Dal presidente, allo staff tecnico, all’ultimo giocatore tutti hanno sfilato per raccogliere il saluto del pubblico che ha cantato dal primo all’ultimo minuto. Ospite d’eccezione il cantante rapper, avellinese doc, Gianluca Picariello, meglio conosciuto comeGhemon.

Festa Us Avellino 2016 4Una serata colorata dalle torce e dai fumogeni dei ragazzi della Curva Sud, dai cori da stadio e dai video di Daniele Iannella, operatore di Irpinia Tv che come sempre riesce ad incantare con montaggi che raccontano il passato recente e meno recente della squadra della città.

Festa Us Avellino 2016 3Alla squadra, il pubblico non ha chiesto miracoli. Ha chiesto impegno, un campionato dignitoso perché come ha recitato uno striscione esposto nel momento più importante della serata: “Prima uomini… Poi calciatori!”.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *