alpadesa
  
Flash news:   Parco pubblico San Gregorio nel degrado tra i rifiuti, la denuncia sui social network. FOTO Lo chef atripaldese Alfredo Iannaccone testimonial in Sicilia Europee 2019, nuova localizzazione dei seggi elettorali in città Tutto pronto ad Atripalda per la gara podistica a livello internazionale “l’Irpinia Corre” di domani 25 aprile: ecco i numeri della competizione sportiva Maffezzoli: “contento per i due punti” Torna alla vittoria la Sidigas Scandone Avellino dopo quattro sconfitte consecutive: battuta Torino per 109-82 AtripaldaNews augura buona Pasqua a tutti i lettori Cani randagi avvelenati, il sindaco emana un avviso per la presenza di esche e bocconi avvelenati. Appello dell’Aipa per il canile municipale Ricatto hard ad un parroco di Atripalda:“Paga o diffondo il video”. Tre a processo L’Avellino batte la Lupa Roma per 2 a 1 e riapre il campionato

L’Amministrazione trova il numero legale in Consiglio con parte delle minoranze, volano gli stracci in Fi. Del Mauro si dimette da capogruppo e accusa: “Moschella, Strumolo e Pacia le stampelle di Spagnuolo”

Pubblicato in data: 30/7/2016 alle ore:09:39 • Categoria: PoliticaStampa Articolo

Consiglio comunale senza numero legale1L’Amministrazione trova il numero legale per il dibattito in Consiglio comunale grazie a tre consiglieri delle opposizioni e scoppia la bagarre tutta interna alle minoranze.
Anche l’altra sera  la maggioranza si è presentata in aula con solo 8 consiglieri su 9 per l’assenza dell’assessore Valentina Aquino impedita da motivi familiari come la scorsa settimana, non riuscendo così a garantire il numero legale sul punto relativo alla Salvaguardia degli equilibri di bilancio se non grazie a tre consiglieri delle opposizioni: Ulderico Pacia del Psi,  Vincenzo Moschella e Massimiliano Strumolo di Fi. E così le minoranze si spaccano non riuscendo per la seconda volta a far venire meno il numero legale e a far saltare il Consiglio comunale convocato per discutere di importanti punti all’ordine del giorno quali l’informativa sulla causa con la Impregilo Spa che ha visto soccombere l’Ente di piazza municipio che dovrà pagare circa 950mila euro oltre interessi per la sentenza emessa dal Tribunale di Napoli sulla realizzazione degli alloggi popolari a contrada Alvanite. Ed ancora l’Assestamento generale e la salvaguardia degli equilibri di bilancio e l’informativa sull’incendio al Centro Autodemolizioni Urciuoli.
L a maggioranza può così in circa un’ora affrontare tutte le questioni ma tra le opposizioni volano gli stracci con Fi che si spacca. Massimiliano Del Mauro si dimette da capogruppo per protesta, lasciato solo dai suoi, e attacca duramente gli altri due consiglieri del partito che invece, con dichiarazione, hanno garantito il numero legale al sindaco Spagnuolo: «Il senso di responsabilità di un consigliere eletto in minoranza si misura nel rispetto del mandato elettorale che è quello in circostanze come queste di assolutamente di sferrare un colpo alla maggioranza e non il sostegno. All’assessore Valentina Aquino la solidarietà umana mia e di tutta la città, ma la politica è un’altra cosa. Spagnuolo si deve rendere conto che non ha i numeri. Registriamo che in modo assurdo, illogico e sgrammaticato ci sono tre consiglieri di minoranza che hanno deciso di essere le tre stampelle di questo sindaco e si assumono la responsabilità di quanto fatto e detto. Chiaramente io non posso un secondo di più restare in compagnia di chi in consiglio comunale non ha mai brillato, come il consigliere Moschella che non ha dato mai un contributo e un intervento, potete verificare dagli atti, ma solo chiacchiere. E non posso restare un minuto di più in compagnia di chi come il consigliere Massimiliano Strumolo viene in consiglio con una doppia faccia perché munito di discorsetto già scritto. Discorsetto che oserei definire oltre che politicamente scorretto, ben oltre i limiti del patetico. Resto sempre in linea con la linea del partito e con i vertici che sono sulle mie posizioni, ma in Consiglio si è andati al di là della polita e dei partiti, entrando nella sfera dei comportamenti estremamente scorretti. Non posso rimanere un minuto in più con loro». Ci va giù duro anche il capogruppo dell’Udc Dimitri Musto: «Anche l’altra sera abbiamo preso atto che il sindaco non ha da tempo la maggioranza e va avanti convincendo di volta in volta qualche consigliere di minoranza. Siamo ormai al calcio mercato, ossia alla condizione della politica più bassa che Atripalda abbai mai vissuto. Uno spettacolo indecoroso. Se si vuole ancora parlare di politica, il sindaco deve avere la sua maggioranza. Ma siccome da tempo non ce l’ha più evidentemente è più importante l’attaccamento alla poltrona che le problematiche che attraversa questa città».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (6 votes, average: 2,67 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

13 risposte a “L’Amministrazione trova il numero legale in Consiglio con parte delle minoranze, volano gli stracci in Fi. Del Mauro si dimette da capogruppo e accusa: “Moschella, Strumolo e Pacia le stampelle di Spagnuolo””

  1. Elettore certo ha detto:

    Non vi logorate più di tanto.
    Il prossimo anno vi sostituiranno i 5stelle.

  2. Chi vi guarda con attenzione ha detto:

    Ma la Aquino si assenta molto spesso. Chissà perchè. Poi ci ritroviamo le stampelle. Moschella, Strumolo, Pacia,

  3. Ugo ha detto:

    Bravo Massimiliano Del Mauro.

  4. Residente ha detto:

    Invece di fare macchiette, fate pulire la strada dove si trova il ponte del cavalcavia della superstrada in Via Cesinali.
    Per intenderci meglio dal passaggio a livello a dopo la fabbrica di gnocchiti e fusilli.

  5. Michele ha detto:

    Ormai e’ Chiaro che Moschella e Pacia stiano gia guardando al loro Tornaconto….

  6. romeo ha detto:

    cons, DEL MAURO,molto modestamente le posso dare un consiglio disinteressato si dimetta anche da consigliere,tanto della sua presenza e di quella di altri,vedi udc,nessuno se nè accorto.

  7. Chi guarda con attenzione e giudica ha detto:

    Sig. Del Mauro, si convinca che di questi volta gabbana, li abbiamo già visto dopo le elezioni Comunali.
    Parlare poi di Strumolo, Pacia ( che scrive sempre alla Procura )e alla fine…………….l Moschella, di questi politici non ci dobbiamo più meravigliare. A Roma, abbiamo Verdini e il Ministro degli interni, che fa amministrazioni con la destra e la sinistra, a secondo della convenienza.
    Ci vogliamo meravigliare di questi politici locali.

  8. Roberto ha detto:

    Massimiliano, non ti preoccupare, la gente guarda e valuta.

  9. Elettore ha detto:

    Moschella, avevamo una buona considerazione di te.
    Ci hai deluso.

  10. Ciriaco ha detto:

    Per il momento, la vera politica la sta facendo i 5 STELLE.

  11. Alfredo ha detto:

    In tutto questo mi dispiace solo di una cosa, l’assenza della consigliera Valentina dovuta ad un accadimento familiare importante.
    Faccio un in bocca al lupo a Valentina è un abbraccio

  12. Alfredo ha detto:

    In tutto questo mi dispiace solo di una cosa, l’assenza della consigliera Valentina dovuta ad un accadimento familiare importante.
    Faccio un in bocca al lupo a Valentina .
    Un abbraccio

  13. Un tuo amico ha detto:

    Massimiliano, io non mi sarei dimesso, avrei fatto dimettere loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *