alpadesa
  
Flash news:   È la notte della Super Luna Piena “La crisi del Pd e del Centrosinistra”, dibattito pubblico nella chiesa di San Nicola sabato pomeriggio Lo Stadio Partenio-Lombardi si rifà il look in vista delle Universiadi Progetto “#inacinque”, giovedì al Comune l’assessore regionale alle Politiche sociali Lucia Fortini Raccolta differenziata, Primavera Irpinia incalza: «un opuscolo non basta: troppi cinque carrellati consegnati ad ogni condominio. Per questo siamo scesi al 61,14%» Premio San Valentino 2019, conclusioni e ringraziamenti Bucaro: “non meritavamo la sconfitta” Serie B, l’Atripalda Volleyball cade in casa contro Taranto Calcio, sonora sconfitta per l’Abellinum Nuova centralina dell’Arpac per il rilevamento delle polveri sottili in via Pianodardine sul tetto della “Masi”, il sindaco: “richiesta al tavolo in Prefettura, no alla fonderia”

“Mater Misericordiae”, donata sabato sera alla Confraternita di Santa Monica la Pala d’altare in legno. FOTO

Pubblicato in data: 12/9/2016 alle ore:15:42 • Categoria: CulturaStampa Articolo
  1. mater-misericordiae1“Mater Misericordiae”, donata sabato sera alla Confraternita di Santa Monica la Pala d’altare in legno. Scultura realizzata dal maestro Ettore Cultrone negli anni ’60, miracolosamente scampata al sisma dell’80, originariamente destinata al presidente degli Stati Uniti d’America John Fitzgerald Kennedy di cui l’autore Cultrone era grandissimo ammiratore. Morto Kennedy, il commendatore Oliva, capostipite della famiglia Barile, si offrì di acquistare l’opera che poi alla sua morte venne ereditata dai germani Gaetana e Lorenzo Barile. La cerimonia di donazione si è svolta nella chiesa gremita di San Nicola da Tolentino in via Roma. In occasione della donazione e dell’esposizione al pubblico dell’opera d’arte c’è stata anche la benedizione affidata ai parroci don Ranieri Picone e Don Fabio Mauriello. Tra gli interventi il ricordo del ragioniere Lorenzo Barile, la cui famiglia ha donato l’opera alla Confraternita di Santa Monica, il professor Raffaele La Sala che ha tracciato il contesto storico ed infine il maestro Franco Carrarelli che ne ha curato il restauro, descrivendone le fasi. «Doniamo quest’opera – afferma il dottor Santino Barile – in memoria di mio padre, il ragioniere Lorenzo che è stato per lungo tempo priore della Confraternita a testimonianza delle numerose attività di solidarietà umana da lui compiute nel corso degli anni. E’ una straordinaria opera dal valore estrinseco ed intrinseco davvero elevato che doniamo con gioia anche alla città di Atripalda».
    mater-misericordiae2
Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *