alpadesa
  
sabato 15 maggio 2021
Flash news:   Inquinamento in città, primi piccchi di biossido di azoto rilevati dalla centralina mobile a parco delle Acacie Apre il cantiere alla scuola dell’Infanzia “Pascoli”, alunni trasferiti alla “Collodi”. Foto Polveri sottili, attiva la centralina mobile installata da Arpac a parco delle Acacie. Il direttore Sorvino: “prosegue l’impegno nell’analisi delle problematiche ambientali”. FOTOSERVIZIO Coronavirus: sono 61 gli attuali positivi ad Atripalda Decesso Naccarelli: la perizia medico legale voluta dal Pm chiarisce che fu morte naturale Giro d’Italia, tre irpini domani partecipano al Giro-E CAMPAGNA VACCINALE ANTI-COVID 19, DA DOMANI RICHIAMO A 30 GIORNI PER PFIZER E MODERNA Sosta urbana, in appalto l’acquisto di 38 parcometri e 600 sensori per calcolare i tempi di permanenza delle auto. Sarà automatizzato il parcheggio interrato della villa comunale Inquinamento valle del Sabato: domani conferenza stampa di Arpac e Comune a parco delle Acacie La Domus romana di Abellinum affonda tra l’erba alta, la denuncia dell’archeologa De Simone. Foto

Acque inquinate a Solofra, il Fatto pubblica intercettazioni tra Vignola e De Luca: pressioni per far rimuovere lo scomodo comandante atripaldese dei Carabinieri

Pubblicato in data: 6/10/2016 alle ore:08:47 • Categoria: Cronaca

guarino-friscuolo-e-de-lucaViene tirata in ballo, seppure a sua totale insaputa, finanche il Ministro della Difesa Roberta Pinotti nelle intercettazioni pubblicate ieri da Il Fatto Quotidiano in merito all’inchiesta aperta dal Procuratore Rosario Cantelmo sull’inquinamento delle acque a Solofra. Un’indagine avviata anche grazie al lavoro del comandante della locale Stazione dei Carabinieri, l’atripaldese Giuseppe Friscuolo.
Gli intercettati sono il sindaco Pd di Solofra Michele Vignola e l’ex senatore dem, attuale presidente dell’osservatorio sulla gestione rifiuti in Campania, Enzo De Luca.
Nell’articolo a firma di Vincenzo Iurillo, vengono riportate alcune delle telefonate intercorse tra i due e captate sull’utenza messa sotto controllo dagli inquirenti del sindaco Vignola, indagato nell’ambito dell’inchiesta aperta per la presenza di tetracloroetilene nei pozzi della città della concia.
La prima delle quattro conversazioni riportate da Il Fatto è del 26 marzo 2014. Il sindaco chiama l’ex senatore «Poi quell’altra cosa, mi stai facendo pigliare collera… una cosa che non ti posso parlare per telefono…”. De Luca: “Io tutto quello che potevo fare l’ho fatto…”. Vignola insiste: “Mah… e no… possiamo andare a Roma… al ministero della Difesa…”. De Luca ribatte: “Ho capito… devo parlare con quella madonna… devo parlare con Roberta”. Vignola: “Me la devi fare questa cosa qua… me la devi chiudere… questa è una cosa personale… che ti sto chiedendo”.
Il comandante Friscuolo è al suo posto e la stessa Procura ritiene che l’ex senatore De Luca non abbia mai parlato del caso al ministro della difesa, dalla quale dipendono i Carabinieri.
Ma per la Procura quelle telefonate rappresentano comunque indizi fondamentali per provare le manovre di Vignola per far trasferire lo scomodo carabiniere. Indagini che secondo la Procura danno fastidio a un sindaco che “più che preoccuparsi della contaminazione della falda idropotabile del suo Comune, sia preso essenzialmente dal problema di non scontentare il potente ceto dei conciatori solofrani, costituente il suo bacino elettorale”.

E proprio quando avviene il sequestro di ben due pozzi a Solofra, si registrano nuove telefonate. De Luca chiama Vignola il 31 marzo 2014 e lo tranquillizza su un imminente incontro con la Pinotti. L’11 aprile nuova telefonata, De Luca è certo “Ho fatto quella cosa… l’ho fatta al massimo livello… dovrebbe andare in porto… anche tranquillamente… quindi volevo tranquillizzarti su questo… e martedì forse vado di nuovo… detto questo, poi ci possiamo vedere in questi giorni…”. Il sindaco chiede addirittura di sapere la tempistica del trasferimento di Friscuolo e De Luca lo rassicura “Gli ho detto di fare una cosa immediatamente… di intervenire fortemente e senza mezzi termini… e poiché la il capogruppo… tra l’altro con il Generale… e quella (la Pinotti, ndr) tiene proprio rapporti diretti… ehhh che ti devo dire…”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Acque inquinate a Solofra, il Fatto pubblica intercettazioni tra Vignola e De Luca: pressioni per far rimuovere lo scomodo comandante atripaldese dei Carabinieri”

  1. Alfredo ha detto:

    Sempre e solo loro, esponenti del PD ma la gente non vuole capire che chi si candida sotto questo simbolo non deve essere votato. Questo simbolo sembra essere un ricettacolo di delinquenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *