alpadesa
  
Flash news:   AtripaldaNews augura buona Pasqua a tutti i lettori Cani randagi avvelenati, il sindaco emana un avviso per la presenza di esche e bocconi avvelenati. Appello dell’Aipa per il canile municipale Ricatto hard ad un parroco di Atripalda:“Paga o diffondo il video”. Tre a processo L’Avellino batte la Lupa Roma per 2 a 1 e riapre il campionato Via Crucis, grande attesa per la XXIII edizione di domani sera Incedente stradale sul Raccordo ad Atripalda: coinvolte 3 auto, ferito un ragazzo Mercato del giovedì, il sindaco illustra agli operatori commerciali il Piano di accorpamento a parco delle Acacie: ok alla fattibilità con lavori da 100mila euro. Foto “Noi Atripalda” interroga il sindaco sulla proroga del progetto Aurora e sul mancato pagamento dei relativi beneficiari Accorpamento del mercato del giovedì a parco delle Acacie, ambulanti convocati per questo pomeriggio a Palazzo di città. L’assessore Musto: “a disposizione 100mila euro per attrezzare l’area” Un connubio tra cultura e piacere di un caffè per scoprire lo scrittore che è in te

Un certificato medico di ricovero fa slittare all’11 novembre l’udienza preliminare sull’inchiesta buste paga gonfiate al Comune di Atripalda

Pubblicato in data: 15/10/2016 alle ore:09:30 • Categoria: CronacaStampa Articolo

polizia 2Un certificato medico di ricovero fa slittare all’11 novembre l’udienza preliminare sull’inchiesta buste paga gonfiate al Comune di Atripalda. Nell’udienza svoltasi ieri mattina dinanzi al Gup Ciccone del Tribunale di Avellino che doveva decidere sul rinvio a giudizio richiesto dalla Procura, uno dei quattro indagati, attraverso il proprio legale, ha presentato certificato medico di ricovero. Così è stato rinviato tutto all’11 novembre. Nell’udienza di ieri  il Comune di Atripalda, rappresentato e difeso dall’avvocato Carmine Freda, si costituito parte civile nel processo per il rimborso delle somme indebitamente percepite e per il danno di immagine subito dall’ente. «Abbiamo depositato l’atto con il quale invochiamo la condanna penale dei quattro dipendenti – spiega l’avvocato Freda – e il risarcimento del danno che con i loro reati sarebbe stato procurato al patrimonio e all’immagine del Comune».
I quattro dipendenti del Comune (V. A. e I. L.  difesi dall’avvocato Luca Penna; I. W. difeso dall’avvocato Alfonso Maria Chieffo e I. I. difesa dall’avvocato Giovanni Iacobelli) sono ritenuti responsabili di aver posto in essere, in concorso, un’attività illecita consistente nell’inserire nel sistema informatico voci stipendiali non dovute in relazione ai livelli retributivi previsti per le qualifiche rivestite, disponendo altresì mandati di pagamento recanti importi maggiorati che venivano inoltrati alla Tesoreria comunale che procedeva all’accredito dello stipendio. In alcuni casi le buste paga “lievitate” venivano utilizzate dagli indagati per accedere a benefici di credito per la cessione del quinto dello stipendio presso alcune società di finanziamento; tutto ciò avveniva anche creando documentazione falsata a firma degli indagati seppur non competenti all’inoltro di tali istanze.  I quattro sono accusati di essersi appropriati, dal dicembre 2009 al gennaio 2015, complessivamente di 170mila euro.Un’indagine complessa quella condotta dalla Procura di Avellino, diretta dal dottor Rosario Cantelmo, con la Squadra Mobile della Questura di Avellino, guidata dal dottor Marcello Castello, visto la mole di documentazione contabile sequestrata e visionata dagli investigatori.
Inchiesta partita alla fine di febbraio 2015 dalla denuncia presentata in Questura proprio dal sindaco Spagnuolo.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *