alpadesa
  
Flash news:   Costituito l’ufficio di progettazione per l’intervento di sistemazione idraulica e idrogeologica del Vallone Testa ad Atripalda: 980mila euro a disposizione Coronavirus, in Irpinia secondo giorno consecutivo a contagio zero. I tamponi effettuati sono stati 298 Us Avellino, completato il passaggio delle quote Coronavirus, risalgono i contagi (+584) e le vittime (+117) in un giorno “Rossi-Doria, il riformatore che amava l’Irpinia”, il ricordo di Luigi Caputo del grande meridionalista Ciclismo, l’A.S.Civitas presenta il veterano Michele Venezia Lavori alla Biblioteca comunale e contrada Fellitto, si ampliano i cantieri ad Atripalda. Foto Coronavirus, nessun caso in Irpinia su 299 tamponi effettuati Coronavirus, quasi raddoppiati i guariti e le vittime in un giorno sono solo 78 Così non va – una fioriera cementata e vuota al posto di un paletto dissuasore in via Appia. Foto

Referendum, Renzi da Avellino: «Cambiamo l’Italia, non lasciamola in mano a chi sa solo dire di no». FOTO

Pubblicato in data: 27/10/2016 alle ore:17:18 • Categoria: Politica

renzi-ad-avellino-2Matteo Renzi infiamma il Teatro Carlo Gesualdo di Avellino. Dopo l’incontro in Prefettura con i sindaci della provincia, il premier ha fatto il suo ingresso sul palco tra applausi. Esalta le eccellenze dell’Irpinia puntando «sulla qualità dell’agroalimentare – in particolare pasta, olio e vino – Made in Italy» possibile solo a patto e condizione che si rottami la cultura della «lamentala e del piagnisteo e proviamo finalmente a costruire occasioni: abbiamo uno spazio di crescita pazzesco se solo ci mettiamo insieme. Io credo che la storia più bella dell’Italia sia il suo futuro ma per essere protagonisti del futuro non basta ricordarsi del passato altrimenti rischiamo di essere semplicemente un museo. Noi siamo il Paese che può coniugare insieme bellezza, qualità, intelligenza e valori».

renzi-ad-avellino-3Quindi affronta il tema della riforma costituzionale. «L’hanno chiesta e promessa tutti, salvo poi ritrarsi quando quella riforma, tanto agognata, si è concretizzata. Prima di decidere se votare sì o no – ha detto il Primo Ministro indicando la scheda elettorale – guardate la domanda. Cinque punti: disposizione per il superamento del bicameralismo paritario; riduzione del numero dei parlamentari, riduzione dei costi di funzionamento delle istituzioni, soppressione del CNEL, revisione del Titolo V». Temi affrontati uno per uno dal Premier che ha focalizzato l’attenzione sul bisogno a lungo sentito nella storia del Paese di superare il bicameralismo paritario e rendere più snello il sistema: «Noi siamo il Paese della burocrazia anche in Parlamento». Sostiene anche la necessità di garantire, inoltre, maggiore stabilità al sistema: «In questo Paese – ha ironizzato Renzi – durano più i gatti in autostrada che i Governo».

renzi-ad-avellino-1Sul finire, l’affondo rispetto al conservatorismo della “vecchia guardia” che si oppone al passaggio della riforma, schierandosi per il “no”: «Non ci sono alternative – ha incalzato il Premier – la scelta non è tra questa riforma e un’altra soluzione possibile. La scelta è tra il sistema attuale e questa soluzione che è una mediazione, una mediazione di livello molto elevato e molto buono, arrivata dopo Settant’anni in cui la vecchia guardia non ha fatto nulla». Punta il dito contro la trasversalità del fronte del “no” e sottolinea l’impossibilità per un raggruppamento tanto composito di elaborare una proposta alternativa. «Ma per fare politica, non basta parlare male dell’altro ma avere delle idee e delle proposte. Noi un’idea ce l’abbiamo ed è quella di un Paese che, tra vent’anni, sia leader in Europa e nel mondo. Non saremo noi a vederlo ma i nostri figli e, tuttavia, per fare il modo che questo cambiamento arrivi, bisogna cominciare a lavorarci adesso». E quindi l’appello finale: «In questi 39 giorni che restano, a chi voterà sì chiedo di mettersi in gioco direttamente per il futuro del Paese, lanciando comitati e iniziative perché questa è la riforma che cambia l’Italia: non lasciamola in mano a chi sa solo dire di no».

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Referendum, “Noi Atripalda” invita il professor Barile a illustrare le ragioni del sì

L’associazione “Noi Atripalda”, nel promuovere iniziative ed attività socio-culturale di carattere divulgativo e informativo a servizio dei cittadini e del Read more

Referendum, questo pomeriggio nella Sala Consiliare il sorteggio degli scrutatori

E’ fissato per oggi pomeriggio, alle ore 18.30, al Comune, nella  sala consiliare, il sorteggio per l’elenco degli scrutatori al Referendum del 4 dicembre. Read more

Referendum, le ragioni del Sì ieri sera in città con lo stato maggiore del Pd. Il sottosegretario Del Basso De Caro: «Il No somma di risentimenti». FOTO

«Il No non è una somma di sentimenti ma di risentimenti». Ci va giù duro il sottosegretario ai Trasporti Umberto Read more

Referendum, lunedì 7 novembre il sottosegretario Del Basso De Caro fa tappa in città

Lunedì 7 novembre alle ore 18 fa tappa in città il Sottosegretario Del Basso De Caro. L'esponente di governo del Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *