alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, in Irpinia secondo giorno consecutivo a contagio zero. I tamponi effettuati sono stati 298 Us Avellino, completato il passaggio delle quote Coronavirus, risalgono i contagi (+584) e le vittime (+117) in un giorno “Rossi-Doria, il riformatore che amava l’Irpinia”, il ricordo di Luigi Caputo del grande meridionalista Ciclismo, l’A.S.Civitas presenta il veterano Michele Venezia Lavori alla Biblioteca comunale e contrada Fellitto, si ampliano i cantieri ad Atripalda. Foto Coronavirus, nessun caso in Irpinia su 299 tamponi effettuati Coronavirus, quasi raddoppiati i guariti e le vittime in un giorno sono solo 78 Così non va – una fioriera cementata e vuota al posto di un paletto dissuasore in via Appia. Foto Istituto Comprensivo di Atripalda di nuovo nella bufera, la componente genitori scrive al Ds per criticare la Dad e all’Amministrazione: «Chiediamo di assumere le posizioni dovute al ripristino degli equilibri»

Nuova tegola per il Comune: condannato al risarcimento danni di 295mila euro per la realizzazione della bretella Alvanite-Novesoldi

Pubblicato in data: 24/11/2016 alle ore:08:00 • Categoria: Attualità

bretella-di-collegamento-alvanite-novesoldi-1
Nuova tegola per il Comune del Sabato condannato a un risarcimento danni di 295mila euro a seguito di esproprio di terreni per la realizzazione della bretella di collegamento Alvanite-Novesoldi. Con atto di citazione dinanzi al Tribunale di Avellino, notificato in data 29/05/2006, i signori Crescenzo, Paolo e Aurelia De Caprariis, proprietari di fondi alla località Alvanite espropriati per la realizzazione della strada di collegamento contrada Alvanite- contrada Novesoldi, avevano impugnato la procedura espropriativa chiedendo la dichiarazione di illegittimità della stessa e il risarcimento di tutti i danni diretti e indiretti. Oggi con sentenza, la corte di Appello di Napoli, ha accolto la domanda, condannando il Comune al pagamento della somma di € 261.037,57 maggiorata degli interessi, nonché alla restituzione di 1206 mq. di terreno non destinati alla strada e a rimborsare le spese processuali, liquidate in 12.800,00 di cui 600 euro per esborsi.
bretella-di-collegamento-alvanite-novesoldi-2«Sicuramente è l’ennesima tegola che si abbatte sulla gestione di quest’amministrazione e che ereditiamo dal passato – commenta l’assessore al Bilancio, Domenico Landi -. Si va ad aggiungere a quella di Impregilo.  Fortunatamente grazie al lavoro svolto sulla strutturazione del bilancio comunale non comporta gravi ripercussioni finanziarie sull’ente. Ripercussioni che invece ricadranno sui cittadini visto che sono somme che saranno sottratte alla fornitura di servizi e agli interventi di manutenzione della città».
Una condanna che va ad aggiungersi a quella di circa 950mila euro oltre interessi derivante dalla sentenza emessa dal Tribunale di Napoli per la realizzazione di contrada Alvanite. Oggetto del contendere i lavori di costruzione degli alloggi popolari che ospitano i terremotati. Lavori iniziati nel 1983 con la realizzazione di ben 17 palazzine costruite per ospitare gli sfollati dal centro storico raso al suolo dal sisma dell’80. Il comune dovrà pagare 946.535,18 oltre interessi, spese di giudizio e Ctu (25mila euro oltre oneri) a favore della Impregilo Partecipazioni Spa (Imprepar), il gruppo industriale che realizzò i 330 alloggi. «Su questa seconda sentenza siamo orientati a produrre appello per la parte che riguarda la legittimazione passiva – conclude l’assessore Landi -, in quanto riteniamo che ci sia responsabilità anche da parte della presidenza del Consiglio dei Ministri poiché l’intervento era autorizzato ai sensi della 219 dell’1981. Siamo inoltre in fase di sottoscrizione di una transazione che preveda una dilazione di pagamento in tre anni. I conti dell’ente restano comunque sotto controllo e lontano da ogni pericolo di dissesto».

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Comune, al via la selezione per dodici volontari al servizio civile. Ecco i 53 aspiranti

Settimana decisa per la selezione di 12 volontari da impiegare nel progetto “G.A.I.A –giovani e animali per l’Irpinia nell’ambiente” al Read more

Il Sindaco serra le file della maggioranza in vista dell’ultimo semestre di governo a Palazzo di città. Ecco gli scenari

Il Sindaco serra le file della maggioranza in vista dell’ultimo semestre di governo a Palazzo di città, prima del voto Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

5 risposte a “Nuova tegola per il Comune: condannato al risarcimento danni di 295mila euro per la realizzazione della bretella Alvanite-Novesoldi”

  1. Un richiedente asilo. ha detto:

    Basta fare un altro mutuo

  2. FRANCESCO ha detto:

    Chiaro che questa Amministrazione deve solo porre rimedio a tutto il male prodotto dalle passate amministrazioni.
    Personalmente salvo solo l’Amministrazione Piscopo. Tutte le altre sono state solo accozzaglie di persone che anzichè amministrare hanno badato solo a litigare fra loro per il potere pronti però ad accomunarsi per fare dispetti all ‘avversario di turno . Come è successo per ABELLINUM così è stato per la costruzione della bretella. Complimenti ai De Capraris che a distanza di quasi quattro decenni sono riusciti a far valere i propri diritti. Questi danni li dovrebbero sborsare i veri responsabili e non cadere in testa ai cittadini.

  3. Dino Fucci ha detto:

    Vorrei sapere chi è l’avvocato che ha difeso in questa causa i signori de caprariis, ho lo stesso problema è mi interessa lo stesso avvocato ,grazie

  4. Antonio ha detto:

    Basta vedere chi fosse al posto di comando quando fu con la bretella Alvanite-Novesoldi, sfregiata la proprietà De Caprariis.

  5. Riccardo ha detto:

    Speriamo che con queste tegole in testa, non si fanno molto male.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *