alpadesa
  
Flash news:   Così non va – una fioriera cementata e vuota al posto di un paletto dissuasore in via Appia. Foto Istituto Comprensivo di Atripalda di nuovo nella bufera, la componente genitori scrive al Ds per criticare la Dad e all’Amministrazione: «Chiediamo di assumere le posizioni dovute al ripristino degli equilibri» Coronavirus, un caso a San Potito: 4 in Irpinia. I contagiati salgono a 536 Coronavirus, la Regione rinnova l’invito: “No assembramenti, il virus è ancora presente” Coronavirus, 92 le vittime registrate in un giorno e solo 300 nuovi positivi Flash mob dei piccoli imprenditori e Amministrazione in piazza Umberto per rilanciare il commercio ad Atripalda. Il sindaco: “attività di promozione del nostro territorio”. Foto Riparte il “Farmer Market” ad Atripalda: ieri mattina primo appuntamento dopo mesi di stop. L’assessore Musto: “mercatino in sicurezza”. Foto Coronavirus, sono due i contagiati in Irpinia: sono di Ariano. I contagiati salgono a 532 Coronavirus, forte calo delle vittime registrate nelle 24 ore: 50 in tutto Giovani e Movida, l’appello del governatore De Luca: “Bisogna abituarsi all’idea che nulla tornerà come prima”

Riapre tra palloncini colorati e l’entusiasmo di tanti bambini la scuola dell’Infanzia Collodi. Il sindaco: “edificio di eccellenza” ma l’opposizione attacca: “noi invitati in ritardo, si fa campagna elettorale”. FOTO

Pubblicato in data: 21/2/2017 alle ore:06:00 • Categoria: Attualità, Politica

Riapre tra palloncini colorati e l’entusiasmo di tanti bambini la scuola dell’Infanzia Collodi di via Nicola Adamo (ex via Cesinali). Un’inaugurazione non senza polemiche però. Al taglio del nastro ieri mattina alla presenza della dirigente scolastica Rita Melchionne, dell’Amministrazione Spagnuolo, di alunni, personale docente e genitori assente compatta l’opposizione consiliare che ha accusato di essere stata invitata all’evento solo un’ora prima.
L’edificio scolastico, costruito negli anni ’80, è stato interessato da un lungo lavoro di ristrutturazione grazie ad un finanziamento di 670mila euro incassato dal Comune che ha consentito di adeguare la struttura alle moderne esigenze didattiche e della sicurezza. Una scuola smart con riscaldamento energetico e isolamento acustico senza paragoni tra nuove fonometrie realizzate rispettando un valore di trasmittanza ernergetico, notevolmente al di sotto del limite consentito. I nuovi impianti elettrici, le porte interne, i sistemi domotici di gestione, la scelta della colorazione delle pareti sono il frutto di attento studio fotocromatico, la individuazione della vie di fuga realizzata attraverso la nuova pavimentazione rappresentano i punti di eccellenza della Collodi. «Una scuola in classe A e di eccellenza – commenta soddisfatto il sindaco Paolo Spagnuolo -. E’ una scuola innovativa, abbiamo immaginato che fra dieci anni si dirà ancora che questa è una scuola moderna. Questo è stato il nostro obiettivo: di sicurezza, funzionalità, risparmio energetico, recuperare un ambiente salubre per i bambini, un ambiente in cui i bambini possono sfruttare al meglio le loro potenzialità».
Una struttura che si ripresenta alla città quindi rinnovata, sicura, funzionale e accogliente. «E’ il massimo che noi oggi possiamo chiedere alla scuola – dichiara la dirigente scolastica Rita Melchionne -. Quando si parla di Buona Scuola bisogna iniziare dalle strutture che creano coinvolgimento con la possibilità di vivere in serenità in spazi adatti, accoglienti, motivanti. Solo così riusciamo a creare i presupposti per una buona scuola».
Un’inaugurazione non senza polemiche: «Ci hanno invitato solo un’ora prima stamattina (ieri ndr.)  alle 9.15 – accusa la consigliera di Piazza Grande, Nunzia Battista – è questo non mi pare molto corretto. Non c’è rispetto nei confronti della minoranza che non viene invitata a prendere parte ad un’inaugurazione. Questa minoranza viene costantemente non invitata agli appuntamenti già da prima di Natale. Recentemente è accaduto diverse volte che abbiamo avuto la comunicazione solo il giorno prima senza darci la possibilità di organizzarci per tempo. La nostra assenza non è voluta perciò. Forse non è gradita la nostra presenza anche perché è già partita la campagna elettorale in città e quest’inaugurazione è fatta dall’Amministrazione solo a fini elettorali per buttare un po’ di fumo negli occhi dei cittadini».
               

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
25 Aprile, Caputo (Prc): “Piazze virtuali, eguali valori”

E’ difficile immaginare un 25 aprile, quest’anno 75^ anniversario della Liberazione dal nazifascismo, senza le piazze. Quelle piazze associate fin Read more

Coronavirus, l’ex sindaco Paolo Spagnuolo replica a Del Mauro e Musto:«Siamo nelle mani di un’Amministrazione che sta dormendo»

«Siamo nelle mani di un’Amministrazione che sta dormendo tanto. Qualsiasi provvedimento adottato, soprattutto sotto forma di ordinanza sindacale, arriva sempre Read more

Coronavirus, il gruppo consiliare “Noi Atripalda”: “chiarezza sulla distribuzione dei pacchi alimentari”

Con la presente nota ci preme, ancora una volta, apprezzare il notevole e lodevole lavoro (di donne e uomini) operatori Read more

Solidarietà alimentare, il gruppo “Noi Atripalda” chiede al sindaco l’immediata convocazione per la distribuzione adeguata delle risorse

Il Gruppo consiliare “NOI ATRIPALDA”, nel ribadire la propria disponibilità a collaborare con la maggiorarnza consiliare in questo momento di Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

4 risposte a “Riapre tra palloncini colorati e l’entusiasmo di tanti bambini la scuola dell’Infanzia Collodi. Il sindaco: “edificio di eccellenza” ma l’opposizione attacca: “noi invitati in ritardo, si fa campagna elettorale”. FOTO”

  1. Genitore ha detto:

    Una cosa di normale amministrazione, diventa un caso politico. Chi si mette la fascia, chi si lamenta dell’ invito fatto in ritardo. Ma siete tutti veramente ridicoli. Una scuola materna che ha subito una semplice ristrutturazione. Finitela di fare passerelle che non servono a nulla.
    La scuola si doveva riaprire nel massimo silenzio. Chi vuol capire, capisca.

  2. FRANCESCO ha detto:

    Questa è la prova- provata che ad Atripalda, come in tutta Italia, la politica ha toccato il fondo e i cittadini, giustamente, provano scoramento e si allontanano sampre più. Un esempio lampante lo dà il tesseramento del PD, dai giornali nazionali apprendiamo che uno su dieci ha rinnovato la tessera.
    Detto questo, ad Atripalda i consiglieri dell’opposizione sono contrari a prescindere. Prova ne è che anche quando l’Amministrazione fà qualcosa veramente di interesse collettivo, trovano il cavillo per essere contro. Non partecipare all’innaugurazione della scuola che da quel che si vede è un fiore all’occhiello per Atripalda, avete dimostrato tutta la vostra miseria umana e il disinteresse totale per la vostra città. Occorreva l’invito per partecipare all’innaugurazione di un’opera fatta dall’Amministrazione? Voi siete o non siete consiglieri di questa Amministrazione? Sappiate che gli inviti vanno fatti si ,ma alle istituzioni che non fanno parte dell’Amministrazione. Siete ridicoli, non siete all’altezza del vostro mandato. Abbiate il coraggio di farvi da parte. Fate largo a a chi ama veramente il proprio paese.

  3. angela ha detto:

    bellissima. complimenti.

  4. libero pensatore ha detto:

    Premesso che io non sono interessato né a votare Spagnuolo né a votare la Battista, mi domando: si rende conto la signora in questione che anche lei con queste dichiarazioni vintage, sempre fresche in clima di elezioni, sta facendo una mera campagna elettorale e non opposizione? E poi, il presunto boicottaggio da parte del sindaco a fini elettorali mi sembra un’ipotesi che non si regge in piedi: privare i consiglieri di opposizione della possibilità di partecipare per gettare fumo negli occhi ai cittadini??? Penso che non ce ne sia bisogno. Che in clima di campagna elettorale si prendano molti dei provvedimenti che avrebbero dovuto essere adottati negli anni di governo, questo non è una novità, e non è certo l’inaugurazione della scuola o l’installazione degli attraversamenti rialzati che mi farà cambiare idea sull’attuale amministrazione: ma almeno, se le campagne elettorali portano buone novità al paese, BEN VENGANO pure le campagne elettorali!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *