alpadesa
  
sabato 23 marzo 2019
Flash news:   Madre e figlia assolte dall’accusa di minacce Ermete Green Volley Marcello, tie-break amaro: vince il Marano 3 a 1. Esordio vincente per l’under 13 Ventimila giovani in corteo contro tutte le mafie Il Ventuno marzo nei versi di Gabriele De Masi “Ritorno al Partenio”, mini abbonamento per le due gare interne dei lupi L’ex sede Asl di via Tiratore nel mirino dei vandali: tiro al bersaglio contro le finestre del piano terra. FOTO Giovedì ad Avellino la marcia di Libera contro le mafie Calcio, l’Abellinum cala il tris Lotta alla povertà: cosa cambia. Il Consorzio A5 ne discute con l’Alleanza contro la povertà Lacrime, striscione e applausi per Vittorio Salvati. FOTO

Abuso edilizio, assolti proprietari e tecnici ad Atripalda

Pubblicato in data: 1/3/2017 alle ore:15:02 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Si è conclusa con una sentenza di non luogo a procedere emessa dal giudice dell’udienza preliminare Giovan Francesco Fiore, la vicenda giudiziaria che ha visto indagati due coniugi con il conseguente sequestro della loro villetta nel 2015. L’immobile venne sequestrato dopo che era stata presentata la documentazione all’Ufficio tenico del Comune di Atripalda per la delmolizione di un vecchio edificio e la conseguente ricostruzione. Le accuse a carico dei cinque, i due coniugi, il rpgoettista, l’architetto ed il titolare dell’impresa erano di falso in atto pubblico, abuso edilizio e omesso deposito della comunicazione al Genio Civile.
Un impianto accusatorio risultato insussistente visto che il Gup ha deciso per il non luogo a procedere. 

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *