alpadesa
  
sabato 11 luglio 2020
Flash news:   Slitta l’assegnazione dell’edificio dell’ex Volto Santo di Atripalda Coronavirus, non si ferma la risalita dei contagi (+276) e 12 morti. In Irpinia nuovi positivi nell’alta valle del Sabato “IDEA Atripalda” chiede al Comune di Atripalda la concessione della cittadinanza onoraria a Patrick George Zaki Tre contrade ad Atripalda nel degrado tra proteste e polemiche sui social. Foto Movida e rischio assembramento ad Atripalda, il titolare del “BeviamociSu” annulla le serate estive. Sandro Lauri: «non mi va di passare come quello che mette a rischio la città ma altrove è peggio» Giallo in Comune, rubato il portafogli di un’impiegata Riapre al pubblico, dopo mesi di chiusura, il parco archeologico Abellinum ad Atripalda Us Avellino, esonerato mister Ezio Capuano Furti ad Atripalda, lettera aperta al comandante generale dei Carabinieri della Campania: “perché avete deciso di depotenziare la Caserma Eugenio Losco?” “C’era una volta…“ l’addio al grande compositore Ennio Morricone nei versi di Gabriele De Masi

Amministrative 2017, confronto tra i quattro candidati sindaco su commercio e valorizzazione del patrimonio storico-artistico

Pubblicato in data: 1/6/2017 alle ore:09:17 • Categoria: Politica

Il rilancio del commercio attraverso la valorizzazione del patrimonio storico-artistico che Atripalda dispone utilizzando i Fondi Europei. E’ la posizione comune ai quattro candidati sindaco emersa durante il  confronto organizzato dall’associazione “A’ Potea”.
Francesco Nazzaro del Movimento 5 Stelle: «Per la salvaguardia e la tutela dei beni storici della città dobbiamo avere gli occhi aperti sui fondi europei». Sul commercio invece: «Vogliamo recuperare il ruolo centrale di Atripalda nell’ economia della Valle del Sabato. Una Atripalda dei prossimi anni che riesca a fondere attività professionali e imprese in una visione innovativa creando sinergia fra chi può offrire e chi può creare lavoro attraverso punti di incontro favoriti dall’attività comunale, che snellisca la burocrazia e si muova agilmente nel consentire alle imprese di avviarsi velocemente nel rispetto della norma, che si renda parte attiva nella ricerca di convergenze che vedano coinvolte anche comunità vicine e i cui benefici possano essere condivisi. Sostegno e incoraggiamento all’utilizzo del Microcredito per la creazione di nuove attività».
Per Paolo Spagnuolo di “Noi Atripalda” bisogna puntare sull’Area Vasta: «Siamo stati protagonisti di un acquisto a titolo gratuito di Palazzo Caracciolo. Con la Soprintendenza siamo stati protagonisti nella riapertura di Abellinum dove l’ente di tutela sta facendo un lavoro eccelso.  Abbiamo posto in essere anche l’Archeopercorso calato poi nell’ambito dell’Area Vasta da cui ci attendiamo finanziamenti importanti. Atripalda porta infatti in dote il suo patrimonio di beni storici ed artistici». Sul commercio infine: «La valorizzazione del patrimonio culturale porterà turismo come conseguenza della prima e il commercio dovrà trarne giovamento. Come intervento più immediato crediamo nello spostamento del mercato in centro, che è già diventato più di qualità con una diminuzione del numero degli ambulanti a 160 grazie alla revisione del mancato pagamento dei tributi. Nel Puc deve esserci inoltre un rilancio del commercio con un piano parcheggi e un piano traffico che si rende necessario».
Per Giuseppe Spagnuolo, candidato sindaco di “ScegliAmo Atripalda”: «anche noi  condividiamo che il futuro di Atripalda passi attraverso la  valorizzare del suo passato. Questo è patrimonio comune da cui dobbiamo partire e con l’Area Vasta sta diventando patrimonio dell’hinterland. Questo è un salto non da poco. La consapevolezza è cambiata e tale valorizzazione può avvenire puntando sull’utilizzo dei fondi europei».  Sul commercio invece: «L’attività commerciale non morirà. Atripalda nel tempo ha subito tante svolte epocali. Una città vivibile e non dormitorio. Poi ci saranno una serie di interventi strutturali che consentano a noi a viver meglio ma anche ad attrarre qualche flusso turistico. Con l’aiuto di uno studio di fattibilità serio e concreto, verificheremo la possibilità di trasferire il mercato settimanale  nella sua sede storica di Piazza Umberto».
Infine per la candidata sindaco della civica “Piazza Grande”: «la valorizzazione dei beni storici, cosi anche quello ambientali, faranno ripartire Atripalda. Ci sono delle strutture che vanno utilizzate, sistemate e riqualificate. Bisogna valorizzare tutti i lati di Atripalda che sono specifici. Questo ci può dare un plusvalore non solo culturale, ma anche la promozione delle eccellenze enogastronomiche che ci sono su Atripalda e ci consente di distinguerci nell’Area Vasta. Oggi dobbiamo riqualificare il nostro territorio in base alle sue vocazioni turistiche». Sul commercio infine secondo Battista: «dobbiamo differenziarci sulla qualità. Così com‘è il mercato non ha più senso. Va ridotto di tante ripetizioni e va messo in un luogo, parco Acacie. Piazza Umberto invece è da destinare a un mercatino tematico che raccolga un turismo più specifico».

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Amministrative 2017, oggi la sentenza del Tar sul ricorso elettorale di “Noi Atripalda”: la difesa chiede l’inammisibilità. L’ex sindaco: “eccezione infondata”

E’ attesa per oggi la sentenza del Tar di Salerno sul ricorso promosso dai cinque consiglieri d’opposizione della lista “Noi Read more

Amministrative 2017, oggi dinanzi al Tar di Salerno si discute il ricorso presentato da “Noi Atripalda”

Sarà discusso questa mattina  al Tar di Salerno il ricorso promosso dai cinque consiglieri d’opposizione della lista “Noi Atripalda” capeggiata Read more

Amministrative 2017, l’ex sindaco Paolo Spagnuolo: “palesi irregolarità evidenziate dai verbali di sezione. Chiediamo al Tar di pronunciarsi sulla validità del voto”

Il ricorso nasce dalla constatazione di alcune evidenti irregolarità evidenziate dai verbali di sezione. Il ricorso, quindi, è stato presentato Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

3 risposte a “Amministrative 2017, confronto tra i quattro candidati sindaco su commercio e valorizzazione del patrimonio storico-artistico”

  1. tutti al mare ha detto:

    11 giugno tutti al mare perche’ sono uno peggio dell’altro

  2. umamma ha detto:

    Sembrano 4 marziani: uno ha amministrato 5 anni e sta dicendo che gli sono serviti a fare solo chiacchiere; l’altro rappresenta 40 anni di politica democristiana; l’altra rappresenta 40 anni di politica democristiana; il giovanotto….stendiamo un velo pietoso ancora non ha capito di cosa sta parlando, per esprimere qualche idea deve far venire il Cittadini Sibilia che…ancora non ha capito di cosa stiamo parlando.

  3. puzza grande ha detto:

    … C’è aria nuova in città!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *