alpadesa
  
Flash news:   Lacrime, striscione e applausi per Vittorio Salvati. FOTO Vucinic: “ci attende un calendario fitto di impegni” Il presidente Biancardi ad Atripalda:«Sanità lontana dalla gente. C’è bisogno di confronto e dialogo con tutte le parti sul territorio». FOTO Serie B, non basta il cuore all’Atripalda Volleyball: Ottaviano passa 3 a 1 Seconda vittoria consecutiva per la Sidigas: battuta Reggio Emilia. Foto Oggi il giorno del dolore e dell’addio a Vittorio Salvati Il Centro Informagiovani comunale alla ricerca di un nuovo gestore: ecco l’avviso pubblico Dramma a Torino, i risultati dell’autopsia a chiarire le cause della morte di Vittorio Salvati. Domani sera la salma torna ad Avellino, i funerali a San Ciro domenica alle ore 16. Cordoglio e commozione Bucaro: “la sosta un pò lunga mi preoccupa ma la squadra non perderà d’intensità” Short list avvocati per il conferimento di incarichi legali al Comune di Atripalda: si aggiorna entro l’undici aprile

Amministrative 2017, focus sulle emergenze ambientali di Atripalda e Solofra del M5S. Sibilia:«C’è stata sempre una visione preistorica della bonifica nei nostri comuni e provincia, con noi la sperimentazione delle possibili soluzioni scientifiche»

Pubblicato in data: 2/6/2017 alle ore:10:30 • Categoria: Politica, MoVimento 5 Stelle GrilloStampa Articolo

«C’è stata sempre una visione preistorica della bonifica nei nostri comuni e nella nostra provincia, con noi parte la sperimentazione delle possibili soluzioni scientifiche». Parte da qui l’affondo del deputato del M5S Carlo Sibilia durante il focus sulle emergenze ambientali di Atripalda e Solofra svoltosi ieri pomeriggio ad Avellino presso il centro di ascolto temporaneo. Ad affrontare le possibili soluzioni scientifiche con lui il professore Alessandro Piccolo, direttore del Cermanu (Centro interdipartimentale di ricerca sulla risonanza magnetica nucleare ed i nuovi materiali) e la senatrice Paola Nugnes, capogruppo M5S in Commissione Ecomafie.
«Oggi abbiamo un’emergenza ambientale e i monitoraggi Arpac parlano chiaro – prosegue Sibilia – . Pensiamo che sia Solofra con la Solofrana e sia la Valle del Sabato possono essere bonificate con delle soluzioni che oggi presentiamo grazie all’aiuto dell’Università Federico II di Napoli e del professor Piccolo che ha hanno fatto delle sperimentazioni su dei metodi a basso costo e basso impatto che possono avere dei risultati diretti. A Solofra e Atripalda, in caso di vittoria, partiremo subito con la sperimentazione di queste tecniche avanzate e già sperimentate. Le chiacchiere stanno a zero. Non si possono certo fare i Contratti di fiume a due giorni dalle elezioni. E’ solo una presa in giro dei cittadini. Invece bisogna occuparsene da subito e noi ce ne prendiamo carico salvaguardando un lavoro della conceria che può essere fatto con altissime tecnologie e con grande qualità e rispetto dell’ambiente. Sono cose innovative, semplicemente rimettono insieme quelli che sono anche i prodotti del compostaggio, creando quella vera economia e bonifica verde e circolare che ci permette di utilizzare dello scarto che invece di mandarlo in Sicilia o ad arricchire altri territori, come diceva il professor Piccolo, lo si utilizza per realizzare qualcosa di buono». La soluzione per il professor Alessandro Piccolo, ordinario di chimica agraria presso l’ateneo federiciano di Portici: «è creare un tavolo tecnico-scientifico che affronti ogni problema specifico con le giuste soluzioni tecnologiche senza per forza importare soluzioni adottate altrove. Esistono soluzioni innovative che con il mio gruppo stiamo portando avanti, che è quello di legare la bonifica dei suoli inquinati, come quelli di Solofra, all’economia circolare del compostaggio dei rifiuti organici della raccolta differenziata. In questa maniera otteniamo un materiale compostato, che ha circa il 10% o 15% di biosolfattanti naturali unici, che posso essere un prodotto economicamente vantaggioso e che possono essere utilizzati per “lavare” letteralmente i suoli. Hanno un’efficienza gigantesca, possono togliere l’80% di inquinanti organici e il 50% di metalli pesanti con un solo lavaggio. E questo significa ridare al suolo sostanza organica dopo aver rimosso gli inquinanti e migliorare le sue funzioni biologiche e di biodiversità». Sui tempi: «dipende dalla disponibilità delle risorse e dalla volontà politica». Per la senatrice Paola Nugnes infine «La Campania è piena di problemi non risolti. Ci vuole innanzitutto volontà politica. Qui è un quarto di secolo che si ipotizzano grosse problematiche ambientali eppure non si fa ancora niente. Le soluzioni del professor Piccolo sono assolutamente la soluzione per il futuro».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *