alpadesa
  
Flash news:   Minaccia una coppia di vicini a contrada Alvanite: 55enne di Atripalda assolto dal Giudice Ognissanti e Commemorazione dei defunti: misure anti-contagio al Cimitero di Atripalda Coronavirus, comunicato del Sindaco di Atripalda sui 31 contagiati in città: “la buona parte non presenta sintomi” Coronavirus, il contagio non si ferma: altri 4 casi ad Atripalda. In provincia sono 187 i positivi Farmer Market di Atripalda, ok alla gestione annuale Tamponi drive-in, l’Asl attiva 5 postazioni fisse in Irpinia Coronavirus, 5 nuovi positivi ad Atripalda e 247 contagi in Irpinia La Giunta Spagnuolo approva il progetto di fattibilità tecnico economica per i lavori di ristrutturazione del campo sportivo comunale “Valleverde” in erbetta sintetica. Il sindaco: “un intervento importante” Coronavirus, i nuovi casi in Italia sono 21.994 con i morti che salgono a 221. In Campania nuovo record Coronavirus, un nuovo caso ad Atripalda e 93 in Irpinia

Sacripanti: “Siamo sul due a due, ora pensiamo a gara 5”

Pubblicato in data: 2/6/2017 alle ore:10:55 • Categoria: Avellino Basket

La Sidigas Avellino cede il passo alla Reyer Venezia che si riprende il fattore campo. Ora, le due formazioni sono sul 2-2 e sabato si affronteranno al PalaTaliercio per gara 5. E’ un coach Sacripanti risoluto quello che si presenta in sala stampa al termine del match, anche se dispiaciuto per la sconfitta, il tecnico biancoverde non si da per vinto, la sua squadra ha ancora molto da dare. “Siamo due pari. Pazienza, ma è ancora tutto in gioco. Dobbiamo essere bravi di testa e mentalmente forti per ribaltare il fattore campo. Loro oggi sono stati più cinici e bravi. E ci hanno punito. Ora dobbiamo ripartire, andiamo aVenzia con il coltello tra i denti”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *