alpadesa
  
Flash news:   Madre e figlia assolte dall’accusa di minacce Ventimila giovani in corteo contro tutte le mafie Il Ventuno marzo nei versi di Gabriele De Masi “Ritorno al Partenio”, mini abbonamento per le due gare interne dei lupi L’ex sede Asl di via Tiratore nel mirino dei vandali: tiro al bersaglio contro le finestre del piano terra. FOTO Giovedì ad Avellino la marcia di Libera contro le mafie Calcio, l’Abellinum cala il tris Lotta alla povertà: cosa cambia. Il Consorzio A5 ne discute con l’Alleanza contro la povertà Lacrime, striscione e applausi per Vittorio Salvati. FOTO Vucinic: “ci attende un calendario fitto di impegni”

“Amatori della Bici” tra fede, agonismo e passione

Pubblicato in data: 5/6/2017 alle ore:14:06 • Categoria: Sport, CiclismoStampa Articolo

Il ponte del 2 giugno, appena conclusosi, ha visto i ciclisti del Circolo Amatori della Bici di Atripalda solcare in lungo e in largo il sud Italia, nell’ottica di inseguire lo sport, la fede e la passione…

Dopo l’uscita di Casalvelino la carovana dei pedalatori atripaldesi ha nuovamente lasciato l’Irpinia per raggiungere la provincia di Foggia e risalire il Gargano, portandosi precisamente a S. Giovanni Rotondo. Il santuario cappuccino è una meta oramai storica per la squadra irpina che per l’ottavo anno consecutivo raggiunge il luogo di culto più importante del mezzogiorno: 190 km pedalati in scioltezza tra Irpinia, alto Sannio e Capitanata.

Nel frattempo, in Valle Caudina e precisamente tra i comuni di Cervinara e Rotondi si svolgeva il VI Memorial Petraglia. Manifestazione agonistica riservata agli amatori che ha visto la partecipazione di circa 60 atleti. Il tracciato molto tecnico e veloce ha visto primeggiare l’atleta Antonio Marotti e per il Circolo giallo fluo piazzarsi De Pascale in 20° posizione.

Per concludere la tre giorni “tra fede e passione” il sodalizio atripaldese s’è recato nuovamente in visita a S.Pio, questa volta nel santuario beneventano di Pietrelcina chiudendo il cerchio la dove s’era aperto!

Il connubio tra la fede verso la propria religione e la passione per lo sport preferito a volte si promiscua perché il ciclismo, nelle sue varie sfaccettature, diviene un vero e proprio personalissimo momento di estasi spirituale.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *