alpadesa
  
domenica 05 luglio 2020
Flash news:   Regionali Campania, presentati i candidati di Europa Verde: per l’Irpinia c’è l’ex vicesindaco Luigi Tuccia Cadono calcinacci ad Alvanite, i giovani del quartiere si recano in Comune dal sindaco: “giornata molto intensa e costruttiva ma siamo stanchi di 40 anni di chiacchiere” Forte pioggia e allagamenti in via Appia: città bloccata Sinistra Italiana Atripalda lancia l’allarme: «Chiudono le banche, altro che Città dei Mercanti» Buon compleanno al “vulcano” Antonio De Vinco Addio a Ciriaco Coscia, un pezzo della storia politica del Pci in Irpinia. Il ricordo dell’ex consigliere Andrea Montuori Al via il Bando di Gara per il servizio di scassettamento dei venti parcometri ad Atripalda Guasto allo Stir, stop alla raccolta dell’indifferenziato fino a sabato in tutti i comuni Spenta la terza candelina per l’associazione Acipea e presentato il romanzo “Il Ricordo di un Amore” Playoff Serie C, Ternana-Avellino 0-0: lupi eliminati

Amministrative 2017, Rifondazione Comunista: “l’11 giugno diciamo NO”

Pubblicato in data: 9/6/2017 alle ore:13:39 • Categoria: Politica, Prc

In occasione delle elezioni per il rinnovo del sindaco e del Consiglio Comunale di Atripalda, Rifondazione Comunista non appoggia alcuna lista né singoli candidati presenti all’interno delle liste stesse. L’invito alla cittadinanza non è quello di disertare le urne – che denoterebbe disinteresse verso la cosa pubblica, quindi in quanto tale  condannabile – ma ad esprimere un dissenso attivo votando scheda bianca  o nulla. Il panorama sotto i nostri occhi è avvilente: dominano antipolitica, trasformismo (il cui campione è il sindaco uscente Paolo Spagnuolo, disinvolto scalatore di partiti), personalismo, clientelismo. La campagna elettorale che volge al termine è stata per molti versi imbarazzante: al posto dei contenuti, risentimenti personali e, soprattutto, insignificanti e stucchevoli autobiografie dei candidati. Con queste  elezioni Atripalda è precipitata in una dimensione premoderna, ottocentesca, con partiti pressoché inesistenti e l’affermazione di aggregazioni di matrice notabilare prive di qualsiasi sostanza programmatica. Colpisce negativamente il ruolo giocato nella vicenda atripaldese da Sinistra Italiana, che ha ostinatamente perseguito fin dall’inizio l’alleanza con i soggetti della più smaccata conservazione locale e provinciale, per poi accontentarsi di un posto di comprimaria assoluta all’interno della lista capaldian-demitiana. Chi esce nella maniera più ingloriosa da questa storia è comunque il Partito Democratico, ridottosi a un’accozzaglia informe di individualità in lotta mortale tra loro e pertanto nemmeno definibile come un partito. Naturalmente il PRC assume fin d’ora l’impegno ad esercitare, dall’esterno, un controllo critico e, se necessario,  conflittuale nei confronti della prossima amministrazione che guiderà la città, qualunque essa sia.

Luigi Caputo

Partito della Rifondazione Comunista Atripalda

Comitato Poiitico Provinciale Prc

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Amministrazione comunale, Luigi Caputo (Prc): “Ecco i primati della Giunta Spagnuolo”

Un primato la Giunta Spagnuolo l’ha già conquistato: quello dell’addizionale IRPEF più alta, lo 0,8%, il livello massimo consentito dalla Read more

Verso il voto, il dissenso di Luigi Caputo (Prc): “Andate alle urne e votate scheda bianca”

Per la prima volta dopo tre consultazioni elettorali (1998, 2002 e 2007) il simbolo del PRC non sarà presente sulla Read more

Verso le Amministrative, il Prc precisa: “Nessuna trattativa con Progetto Atripalda e Sel, ad Atripalda occorre discontinuità amministrativa”

In riferimento all'articolo pubblicato sulla vostra testata, dal titolo: "Verso le Amministrative, Laurenzano lavora ad una lista con il Pdl Read more

Crisi economica, il Governo dei Robin Hood alla rovescia – la nota di Luigi Caputo (Prc)

Nonostante la ripresa del PIL (+1,1% su base annua), la crisi in Italia non è affatto superata, e i dati Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Amministrative 2017, Rifondazione Comunista: “l’11 giugno diciamo NO””

  1. sergio ha detto:

    EGREGIO sig. il Partito del Kaputo dovrebbe denominarsi pci e non della rifonadazione comunista in quanto il partito già si trova: che dire sembra un’ottima analisi sempre lucido il Luigi oltre che dotato di acume nonché un po di sarcasmo(qua la politica ene delle potee?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *