- Atripalda News - https://www.atripaldanews.it -

Fiume Sabato, arrivano i fondi per la riqualificazione

Tredici milioni di euro per la riqualificazione del fiume Sabato a partire dall’inquinamento ambientale. I fondi sono stati stanziati dalla regione Campania e saranno utilizzati per il potenziamento del collettore fognario di Serino e dell’impianto di depurazione di Pianodardine.
Entro la prima decade di luglio partiranno anche i lavori di riqualificazione e sistemazione del tratto urbano del fiume Sabato nel territorio del Comune di Atripalda.

L’Amministrazione Provinciale ha sottoscritto infatti il contratto con l’Ati “Capaldo Costruzioni-Zeura International Costruzioni” di Casapesenna (Caserta) che si è aggiudicata l’appalto da 4.538.695,53 euro. Si tratta della tappa finale del lungo iter tecnico-amministrativo e delle prove a carotaggio che hanno fatto seguito alla presentazione del progetto da parte del presidente Domenico Gambacorta.

Diversi gli interventi previsti nel progetto. Tra cui, la riqualificazione ambientale e urbanistica dell’alveo cementificato che contempla la modellazione longitudinale del fondo alveo attraverso la realizzazione di tre livellette a pendenza fissata nel tratto compreso tra il ponte di imbocca di via Gramsci e la confluenza con il torrente Salzola. Programmati, inoltre, la modellazione trasversale del fondo alveo approfondendolo con la creazione di una “savanella” centrale dell’altezza massima di un metro e larghezza di 11 metri in un tratto a monte e 15 metri lungo il restante secondo tratto; l’allargamento delle sezioni idriche mediante la riduzione dello scatolare presente sul lato sinistro del canale fino al ponte di via Fiume e delle sezioni idrauliche lungo l’ansa a monte della confluenza con il torrente Salzola.
Previsti anche la realizzazione di una soletta a sbalzo per l’allargamento del marciapiede pedonale lungo via Gramsci e via Fiume, il rivestimento delle opere con pietra locale squadrata, e la sostituzione di parte del fondo alveo in calcestruzzo con scogli nel tratto a valle del ponte di Piazza Umberto I in modo da apportare una “rinaturalizzazione” del fondo alveo in quelle zone.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli: