domenica 25 luglio 2021
Flash news:   Coronavirus, torna il contagio ad Atripalda: un residente positivo Ripulita la fontana in piazza Umberto e rimesso in funzione l’impianto di irrigazione. Foto Taglio del nastro ieri sera del “Parco Elio Parziale”, il dottor Sabino Aquino: «uno spazio di aggregazione, oasi di divertimento e interazione». L’impegno del vicesindaco Anna Nazzaro:«Auspico entro l’anno di intitolare l’Istituto comprensivo a lui». Foto Il prefetto e la dirigente regionale della Protezione civile premiano i volontari. Spena: «in una comunità bisogna essere coesi e guardare ai più fragili». Foto Dolore e commozione nella chiesa madre di Atripalda ai funerali di Gennaro Marena. Foto Addio a Gennaro Marena, lettera del comitato festa San Sabino: “la città di Atripalda perde un pezzo della sua storia” Sabato i biancoverdi partiranno per il ritiro di Roccaraso «Parco Elio Parziale», stasera l’inaugurazione dell’area a verde dedicata al compianto direttore: sarà aperto alle associazioni. FOTO Coronavirus, il prefetto Spena ad Atripalda per la consegna di civiche benemerenze ai volontari impegnati nella pandemia Istituto Comprensivo “De Amicis-Masi” di Atripalda, dal primo settembre la nuova dirigente scolastica è Antonella Ambrosone

L’ex sindaco Paolo Spagnuolo: «Vogliamo come gruppo consiliare dare voce in Consiglio anche al Movimento Cinque Stelle e a Piazza Grande»

Pubblicato in data: 30/6/2017 alle ore:09:00 • Categoria: Le interviste di AtripaldaNews, Politica

«Vogliamo come gruppo consiliare dare voce in Consiglio Comunale anche al Movimento Cinque Stelle e a Piazza Grande».  Ad annunciarlo è l’ex sindaco Paolo Spagnuolo, neo capogruppo consiliare di minoranza di “Noi Atripalda”.
L’ex primo cittadino, nel seduta d’insediamento del Parlamentino cittadino, ha anticipato anche come si muoverà il gruppo: «Noi rappresentiamo metà città, non lo dimentichiamo. Le due liste sono state, sotto il profilo del consenso elettorale, appaiate e quindi alla fine la differenza di voti è minima. Ma c’è anche un’altra parte della città che va rappresentata. E’ quella dei cittadini che non hanno espresso nessun voto, che non si sono recati a votare. E poi ci sono anche le altre due liste che questa volta non sono riuscite ad eleggere nemmeno un consigliere. E’ stata questa una grande novità di queste elezioni amministrative, l’opposizione affidata ad un solo gruppo consiliare e a una sola lista. Perciò come gruppo consiliare vogliamo rappresentare anche le altre due liste. Lo faremo, lo dico pubblicamente. Lo faremo stimolando anche incontri con i candidati e i sostenitori di Piazza Grande  che con quelli del Movimento Cinque Stelle. Se vorranno, avranno nel nostro gruppo consiliare una sponda per le attività di vigilanza e di controllo».
Un’opposizione che Spagnuolo preannuncia sarà «attenta. Non faremo sconti. Non abbiamo fatto sconti quando abbiamo amministrato, e forse questo ci è costato un po’ di impopolarità, e a maggior ragione non li faremo ora che siamo in minoranza o in opposizione».
Critico l’ex sindaco resta anche sulle Linee programmatiche della nuova Amministrazione, approvate in Consiglio: «Sono piuttosto generiche e astratte – ha tuonato in aula Paolo Spagnuolo – Le uniche cose concrete sono la prosecuzione di tante attività amministrative che la mia Amministrazione ha posto in essere. Questo da un lato mi lusinga, però ricordo al sindaco che in campagna elettorale è stato detto che la mia amministrazione si era contraddistinta per aver fatto ben poco. E non mi sembra che sia così. Mi pare invece che dalle linee programmatiche si evinca perfettamente il contrario. Tolto le attività amministrative che abbiamo svolto non c’è nulla e il sindaco si è difeso dicendo che oggi non si è nelle condizioni di offrire linee programmatiche più dettagliate. Ma ricordo al sindaco che è stato prima consigliere di maggioranza e poi di opposizione, per la seconda metà del mandato, e quindi dovrebbe ben conoscere la situazione finanziaria dell’ente».
Dai banchi dell’opposizione l’ex sindaco ha infine augurato «senza false ipocrisie alla Giunta e al Consiglio un buon lavoro. Rispetto alla giunta mi preme solo una considerazione, la faccio al sindaco, mi auguro che tu sia autonomo e indipendente, non dai consiglieri, e che sia il sindaco di questa città».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

3 risposte a “L’ex sindaco Paolo Spagnuolo: «Vogliamo come gruppo consiliare dare voce in Consiglio anche al Movimento Cinque Stelle e a Piazza Grande»”

  1. Mario ha detto:

    Non sa più cosa inventarsi questo professionista della politica. Chi non è andato a votare o ha votato scheda bianca o l’ha fatta annullare è perché non si sentiva rappresentato da nessuno dei 4 schieramenti in campo. Il suo è un risibile tentativo di restare a galla.

  2. Aristide ha detto:

    Ahahahahah

  3. Tonino snaider ha detto:

    Atripalda è un covo di immondizia, buche dappertutto, extracomunitari e rifiuti e disoccupazione. Ma perché non se ne vanno tutti. Rimarrà così. Un paese di vecchi e di poveri speranzosi che ad ogni elezione chiedono voto e carità davanti ai seggi elettorali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *