alpadesa
  
Flash news:   Sicurezza urbana ad Atripalda, i consiglieri del gruppo “Noi Atripalda” scrivono al prefetto Raccolta differenziata, la nota di Antonio Prezioso (Fdi) “Cinema al Parco”, mercoledì al via la terza edizione estiva a Parco delle Acacie Drive in rosa 2020, ieri in scena la prevenzione e la promozione del territorio nella cornice naturale del Laceno Piazza Umberto I, gruppo di bambini aggrediti: 12enne finisce in ospedale Al via la XXVIII edizione del Festival “I Luoghi della Musica”: stasera si parte dal Chiostro di S. Maria della Purità di Atripalda La Misericordia di Atripalda si aggiudica la gestione dell’edificio comunale dell’ex Volto Santo. Il presidente Aquino: “momento di crescita e di svolta per noi” Riparazioni alla centrale idrica di Cassano Irpino: 102 comuni senza acqua da domani Alvanite, dopo le nuove polemiche interviene l’assessore al Patrimonio Del Mauro: «Il quartiere sconta almeno quindici anni di mancata manutenzione che certamente non si può imputare a quest’amministrazione. Noi stiamo facendo il possibile, ma non sono case con la scadenza, questa è una barzelletta» “Atripalda ricomincia a correre”, lettera d’amore alla città del decano dei commercianti Pasquale Pennella

“Atripalda, il risanamento farlocco”, nota di Lello La Sala

Pubblicato in data: 14/7/2017 alle ore:08:31 • Categoria: Lista "Piazza Grande", Politica

E così, come era prevedibile e Piazza Grande aveva dimostrato con una accurata analisi degli atti, il bilancio di previsione dello scambio…io ti approvo il puc a te e tu mi approvi il bilancio a me, è stato bocciato dal Revisore dei conti. Ed oggi si manifesta in tutta la sua livida evidenza l’arrogante insignificanza del risanamento farlocco di Paolo&Mimmo e il pensiero debole e le ipocrisie autoassolutorie di Geppino&soci che i bilanci di Paolo&Mimmo hanno votato fino al 2015. Forse dovrà occuparsene la giustizia contabile, e la procura presso la Corte dei Conti, alla quale dovranno essere inviati gli atti. Tutti…senza pietose reticenze. Una pena.

Raffaele La Sala – coordinatore di Piazza Grande

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
“Luigi Sessa e l’avventura americana”, nota di Lello La Sala

In questi giorni è tornato nella sua città natale Luigi Sessa. Dopo 15 anni si riaffaccia sulle rive del Sabato Read more

“Il martedì degli incendi e il mercoledì delle ceneri…”, nota di Lello La Sala

I social hanno svolto nella giornata di ieri una attività informativa veramente encomiabile e a Lia Gialanella va il merito di essersi Read more

“Piazzetta degli Artisti…oltre la siepe”, nota di Lello La Sala

No, la sedicente necessaria potatura di un siepe (che schermava e faceva da quinta scenica, oltre a definire spazi ed Read more

“Comunicati: dal Waterday… all’ipocrisia del commiato…”, nota di Lello La Sala

Non me ne voglia l'assessore all'acqua idrolitina, ma questa storia della casa dell'acqua, al di là delle migliori presunte buone Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

3 risposte a ““Atripalda, il risanamento farlocco”, nota di Lello La Sala”

  1. FRANCESCO ha detto:

    Visto che parli di reticenze, rivolgendoti a Geppino Spagnuolo e compari, vuol dire che sai molte cose che sarebbe utile raccontarle ai cittadini ” sprovveduti” . Allora perche’ non dici quello che sai? Sei un veterano della politica non sollecitare altri a parlare, per una volta comportati da cittadino e non da politico.

  2. raffaelela sala ha detto:

    Forse “Francesco” finge di non aver capito…La questione è là nella sua cruda evidenza e doveva essere nota ai due Spagnuolo, che dal 2012 al 2015 hanno approvato…insieme…bilanci e consuntivi, fondati sulla presunta alienazione del Centro Servizi. Il neo eletto Geppino, appena possibile, faccia sapere alla Città la verità sui conti. Punto. Immagino che sia stato eletto anche per questo…

  3. ATRIPALDESE ha detto:

    Se vi fosse stato risanamento, caro Lello, avrebbero pagato la produttività ai dipendenti per gli anni 2015 e 2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *