alpadesa
  
Flash news:   Tentata estorsione aggravata, i Carabinieri arrestano una 28enne atripaldese Atripalda Volley, ecco altri due tasselli: Roberto e Fabio Luciano vestono biancoverde “Giullarte” torna nella sua collocazione temporale originaria, Gambale: “a giugno una straordinaria edizione per il ventennale” Maria Morgante riconfermata all’Asl Avellino e al Moscati arriva Renato Pizzuti Al via l’ampliamento della strada comunale Atripalda–Sorbo Serpico e altri interventi dal centro alla periferia. FOTO Atripalda Volley, tris di giovani per mister Racaniello: Ammirati, Riccio e De Rosa vestono biancoverde Scandone, il grido d’amore degli Original Fans: “Finché il cuore batte qui si combatte“ Gli amici di via Gramsci si ritrovano a cena dopo tanti anni. Foto Venerdì presentazione di “Variazione Madre” libro di poesie di Federico Preziosi Nozze d’oro Nappa-Santella, auguri

Il sound di due rappers atripaldesi per il singolo dell’estate

Pubblicato in data: 23/7/2017 alle ore:12:00 • Categoria: CulturaStampa Articolo

Il sound di due rappers atripaldesi per il singolo dell’estate. “Quando mi guardi e non lo sai (Q.M.G)” è il titolo del nuovo tormentone che sta facendo ballare in queste sere tanti giovani. Le voci sono quelle di “Kill-Joy”, all’anagrafe il 43enne produttore musicale atripaldese Marco Ragucci che canta con “O’ Crime”, Stefano Basileo, giovane rapper emergente della cittadina del Sabato.
In 6 giorni le visualizzazioni su Youtube sono arrivate a oltre diecimila e la canzone è nella Top 100 trasmessa su diversi network radiofonici nazionali.
L’etichetta è la Netswork Records che li ha ingaggiati con l’opzione per un secondo singolo e un album. La canzone è stata coprodotta, arrangiata e mixata da Fabio Gargiulo, autore tra gli altri di Francesca Michielin, allo Yellow Rabbit Studio di Milano. «Il brano l’ho scritto tredici anni fa e doveva essere il follow-up di Balla, che è stato un mio successo a cavallo tra il 2004 e il 2005 – racconta Marco Ragucci, in arte Kill-Joy –. Probabilmente il pezzo era troppo innovativo per i tempi, così ho deciso di tenerlo fermo nel cassetto e di tirarlo fuori nel momento in cui è esploso il fenomeno rap riadattando le strofe con un flow più moderno».
Ragucci è produttore, autore e cantante di diversi successi dance a cavallo tra la fine degli anni ’90 e il 2010. Fondatore dello “Studio 74”, laboratorio-associazione musicale per dare supporto, sia morale che tecnico, a giovani artisti emergenti irpini.
Il video della canzone è  interamente girato nella stazione ferroviaria di Avellino dove la modella Marzia Piccolo, in attesa dell’Intercity 412 per Milano Centrale, è corteggiata da diversi ragazzi. «L’idea del video nasce partendo dall’incontro di due personaggi di fantasia in una stazione ferrovia – prosegue -. E abbiamo scelto la location della stazione di Avellino sia perché il brano è concepito in quel mondo e sia per sfruttare una struttura abbandonata e portarla a nuova luce. Lo storyboard nasce da una mia idea con il supporto delle riprese di Giuseppe Argenio video-maker ufficiale dello studio fotografico dell’atripaldese Luigi Ambrosone. Grande merito per la riuscita del video è stata la presenza di Eugenio Corsi, noto artista e cabarettista avellinese, che nell’occasione si è prestato ad indossare l’abito talare per interpretare il ruolo di un prete ballerino ed esorcista. Inoltre nel video ci sono tre giovani rappers avellinesi T-Rabbia, Ark e Asso e Alessandro Fontana che ne ha curato il remix».

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *