alpadesa
  
Flash news:   “C’era una volta…“ l’addio al grande compositore Ennio Morricone nei versi di Gabriele De Masi Ripartono dopo mesi i lavori di rinaturalizzazione del fiume Sabato. Foto Coronavirus, tornano i contagi in Irpinia: ben otto nuovi casi nel Serinese Inaugurata ad Atripalda la sede dell’Unione Artigiani Italiani e delle Piccole Medie Imprese Irpinia Rubano nella notte le gomme e lasciano due auto sui mattoni in piazza Cassese: i residenti chiedono la videosorveglianza. Foto Irpiniambiente, riparato il guasto allo Stir: da stasera riprende la raccolta dell’indifferenziato Regionali Campania, presentati i candidati di Europa Verde: per l’Irpinia c’è l’ex vicesindaco Luigi Tuccia Cadono calcinacci ad Alvanite, i giovani del quartiere si recano in Comune dal sindaco: “giornata molto intensa e costruttiva ma siamo stanchi di 40 anni di chiacchiere” Forte pioggia e allagamenti in via Appia: città bloccata Sinistra Italiana Atripalda lancia l’allarme: «Chiudono le banche, altro che Città dei Mercanti»

Via libera in Giunta al Consuntivo del 2016, il sindaco: «Chiudiamo questa ulteriore partita con il passato»

Pubblicato in data: 14/9/2017 alle ore:09:30 • Categoria: Comune, Politica

«Chiudiamo questa ulteriore partita con il passato». Via libera dall’Amministrazione Spagnuolo al Bilancio consuntivo del 2016. L’esecutivo municipale ha approvato lo schema, finito al centro della prima diffida prefettizia che fissa per l’approvazione un termine di 50 giorni pena la nomina di un apposito commissario che sostituisca l’organo inadempiente con lo scioglimento del Consiglio comunale, e che ha incassato giorni fa il parere favorevole del Revisore dei Conti. «Sullo schema approvato già in Giunta è arrivato anche il parere favorevole del Revisore dei Conti –illustra il sindaco Geppino Spagnuolo -. Gli atti per cui sono completi e li abbiamo già messi a disposizione dei consiglieri comunali la settimana scorsa. Allo scadere del ventesimo giorno lo approveremo in Consiglio comunale entro fine mese e chiuderemo questa ulteriore partita con il passato». Il riferimento è all’ “eredità” lasciata dalla precedente amministrazione guidata da Paolo Spagnuolo per la quale il primo cittadino, già in sede di approvazione del Previsionale 2017-2019 in Giunta e Consiglio, altro strumento contabile che aveva incassato una seconda diffida prefettizia, si era pronunciato così «Se fosse possibile poter rinunciare all’eredità in toto lasciata dall’amministrazione di Paolo Spagnuolo, in tutti i suoi aspetti positivi e negativi, come succedere nell’ambito civilistico tra privati dove c’è l’istituto della rinuncia, andrei domani mattina a formalizzarla».
Il nuovo Consuntivo parte dalla struttura precedente  ma con modifiche «conferma i dati presunti che erano stati valutati in sede di previsionale. Sostanzialmente quello è il consuntivo, quelli sono i dati e tutte le considerazioni fatte in Consiglio comunale dieci giorni fa per durante l’approvazione del Previsionale sono confermate dai fatti. Un Consuntivo non solo approvato dagli uffici comunali, approvato in Giunta e che ha acquisito il parere favorevole del Revisore.  Un Consuntivo che conferma un disavanzo abbastanza sostanziale, nell’ordine di circa 2 milioni e 700mila euro, che abbiamo dovuto distribuire sui tre anni tenendone conto già adesso».
Lotta all’evasione, recupero della morosità e risparmi sono i due binari lungo i quali si muoverà l’azione amministrativa nel prossimo triennio: «un disavanzo che nel Previsionale nel abbiamo già programmato come ripianarlo quest’anno e nei prossimi tre anni. Sarà un’azione complessa e difficile. In ogni atto dovremo tenere conto di come recuperare qualcosa per ripianare questo disavanzo che ci viene dagli anni precedenti. Questo è lo stato del Comune, l’importante è apprenderlo, lavorare con realismo, senza nasconderci nulla sotto il tappeto, avere cognizione di quello che ci aspetta e dare cognizione anche ai cittadini di quello che è lo stato dell’Ente».
Un risanamento del disavanzo che passerà, gioco forza, attraverso l’attivazione dell’autovelox sulla Variante 7bis sul quale però c’è il parere negativo, riguardo l’attuale posizionamento, espresso da parte di Polstrada e Prefettura: «Punteremo a sfruttare meglio gli immobili comunali, procedere ad una ulteriore riduzione di spesa ma anche a porre in essere un’azione di recupero della parte tributaria che va fatta con ancora maggiore determinazione visto che c’è ancora un risultato non soddisfacente. Stiamo lavorando congiuntamente infine per poter fra entrare in funzione entro fine anno l’autovelox sulla Variante, individuando una nuova ubicazione che consenta di superare le criticità rilevate».

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Sinistra Italiana Atripalda lancia l’allarme: «Chiudono le banche, altro che Città dei Mercanti»

«Chiudono le banche, altro che Città dei Mercanti». Parte da qui il nuovo affondo all’Amministrazione Spagnuolo e alle sue politiche Read more

Assemblea ASI, approvato il Bilancio consuntivo 2019 all’unanimità

Si è svolta ieri l'assemblea dell'ASI dove è stato approvato all’unanimità dei presenti, il bilancio consuntivo 2019 del Consorzio Asi Read more

Calcinacci caduti ad Alvanite, il Prc attacca: “Le carte truccate di Del Mauro”

L’Amministrazione comunale di Atripalda batte un colpo sul “caso Alvanite” e lo fa con tutta l’autorevolezza dell’assessore al Patrimonio (nonché Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Via libera in Giunta al Consuntivo del 2016, il sindaco: «Chiudiamo questa ulteriore partita con il passato»”

  1. .MAh ha detto:

    Già avete regalato 4000 euro al comitato san sabino e iniziate a distribuire incarichi legali senza tener fede alla promessa di un albo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *