alpadesa
  
Flash news:   “Avellino oltre lo sport”, anche quest’anno i disabili irpini fanno sentire la loro voce Un video per riflettere: “Sia sempre 3 dicembre” Coronavirus, mai tanti morti in un solo giorno in Italia: 993 e 23.225 positivi. In Campania 2.295 nuovi contagiati Coronavirus, su 141 nuovi positivi in Irpinia 4 contagi si registrano ad Atripalda Nuova ondata di furti nelle case: cresce la paura tra Atripalda, Cesinali e Aiello del Sabato Coronavirus, l’appello di una mamma al sindaco di Atripalda: «Non riapra le scuole!» “AvelliNoSmog, Centraline contro l’aria inquinata. Subito!”, al via la petizione lanciata da venti associazioni Buon compleanno al nostro fotoreporter Mario D’Argenio Auguri di buon compleanno all’imprenditore Vincenzo Iervolino Consiglio comunale saltato, il gruppo d’opposizione “Noi Atripalda” attacca: «Amministrazione negligente, superficiale e incapace» Viola l’ordinanza di affidamento condiviso delle figlie minori: assolta madre atripaldese

L’Avellino strappa il pari in extremis contro il Venezia con D’Angelo. FOTO

Pubblicato in data: 19/9/2017 alle ore:10:12 • Categoria: Avellino Calcio

Primo gol subito in campionato per il Venezia di Pippo Inzaghi al Partenio-Lombardi di Avellino.
Nell’anticipo della quinta giornata di campionato l’Avellino conquista un punto  in casa contro il Venezia.
Primo tempo in cui le due squadre di fronteggiano in uno sterile testa a testa.  Le squadre si infiammano dopo la mezz’ora del secondo tempo, quando arrivano i due gol. Prima segna  Venezia al 35′  con Moreo, e D’Angelo (che oggi compie gli anni come suo figlio Giuseppe) pareggia i conti al 43′. Le due squadre escono dal Partenio perfettamente appaiato a sette punti.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *