Flash news:   Coronavirus, torna il contagio ad Atripalda: un residente positivo Ripulita la fontana in piazza Umberto e rimesso in funzione l’impianto di irrigazione. Foto Taglio del nastro ieri sera del “Parco Elio Parziale”, il dottor Sabino Aquino: «uno spazio di aggregazione, oasi di divertimento e interazione». L’impegno del vicesindaco Anna Nazzaro:«Auspico entro l’anno di intitolare l’Istituto comprensivo a lui». Foto Il prefetto e la dirigente regionale della Protezione civile premiano i volontari. Spena: «in una comunità bisogna essere coesi e guardare ai più fragili». Foto Dolore e commozione nella chiesa madre di Atripalda ai funerali di Gennaro Marena. Foto Addio a Gennaro Marena, lettera del comitato festa San Sabino: “la città di Atripalda perde un pezzo della sua storia” Sabato i biancoverdi partiranno per il ritiro di Roccaraso «Parco Elio Parziale», stasera l’inaugurazione dell’area a verde dedicata al compianto direttore: sarà aperto alle associazioni. FOTO Coronavirus, il prefetto Spena ad Atripalda per la consegna di civiche benemerenze ai volontari impegnati nella pandemia Istituto Comprensivo “De Amicis-Masi” di Atripalda, dal primo settembre la nuova dirigente scolastica è Antonella Ambrosone

Nigeriano tenta di avvicinare una ragazzina per corteggiarla in piazza, i genitori chiamano i Carabinieri

Pubblicato in data: 22/9/2017 alle ore:14:15 • Categoria: Cronaca

Tenta di avvicinare una ragazzina per corteggiarla ma dopo l’intervento dei genitori viene bloccato e poi identificato di Carabinieri.
Il movimentato episodio si è verificato ieri sera, intorno alle ore 19, nella piazza principale della cittadina del Sabato.
Un giovane nigeriano di circa vent’anni ospite in un centro di accoglienza cittadino aveva da alcuni giorni adocchiato una ragazza 16enne del luogo. Dopo un primo approccio per conoscerla la sera prima, ieri rivendendola nei pressi del monumento ai caduti di piazza Umberto I, ha tentato di fermarla per conoscerla e poterla corteggiare. La lingua parlata diversa, l’inglese per il giovane, e un tentativo non riuscito di stringerle la mano, dandole il cinque, ha allarmato non poco la ragazzina che ha subito allertato i genitori che si trovavano lì vicino.
La giovane che è riuscita ad allontanarsi alquanto impaurita ha raccontato tutto ai genitori, che hanno chiamato i Carabinieri. L’episodio ha allarmato non poco i presenti a quell’ora nel cuore della città.
Il giovane è stato così bloccato dai Carabinieri della locale stazione, guidati dal comandante Costantino Cucciniello, e portato negli uffici investigativi per l’identificazione di sorta.
Dagli accertamenti è emerso che la giovane aveva raccontato ai genitori di essere stata avvicinata, mentre passeggiava in piazza, dal giovane i colore l’aveva provata a conoscerla. Una volta vicini il giovane di colore avrebbe provata a toccarla secondo i presenti, ma la minore è riuscita ad allontanarsi  e ha raccontato tutto alla madre e al papà.
Nel corso degli accertamenti i gli uomini della Benemerita hanno, tra l’altro, raccolto testimonianze e dopo aver identificato il giovane, lo hanno ascoltato per ricostruire nei dettagli quanto  accaduto.
Il giovane, avrebbe raccontato, che mentre voleva dare il cinque, in una sorta di “give me five” ha preso la spalla delle giovane, che nel frattempo si era riuscita ad allontanare.
I genitori hanno tranquillizzato la propria figlia. Il giovane di colore, dopo l’identificazione, è stato lasciato libero dai carabinieri, non essendo stata presentata alcuna denuncia da parte dei genitori.
Le indagini proseguono per individuare altri eventuali casi.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

4 risposte a “Nigeriano tenta di avvicinare una ragazzina per corteggiarla in piazza, i genitori chiamano i Carabinieri”

  1. Giancavallo ha detto:

    Viaaaaaaa ! Dov è il sindaco???

  2. Dennis ha detto:

    Mandiamoli viaaaaaa

  3. luca ha detto:

    Accogliete, accogliete…prima i bambini si lasciavano in.piazza ed in villa da soli, adesso siamo prigionieri in. Casa! Hanno perso la loro liberta’…Grazie per averci imprigionato

  4. PINTURICCHIO ha detto:

    AD ATRIPALDA L’IGNORANZA REGNA. ESEMPIO ECLATANTE DI RAZZISMO. CHE COSA HA FATTO DI MALE QUESTO RAGAZZO ? AVEVA LA PELLE NERA? IO VEDO UN SEMPLICE RAGAZZO CHE VUOLE CORTEGGIARE UNA RAGAZZA. A QUESTO PUNTO MI CHIEDO:” QUALORA IL RAGAZZO NON AVESSE AVUTO LA PELLE NERA LA RAGAZZINA SAREBBE CORSA A CHIEDERE AIUTO AI GENITORI O SI SAREBBE GODUTA IL MOMENTO FELICE
    PER L’ATTENZIONE DI UN RAGAZZO ??
    MA ORMAI E’ UNA CAUSA PERSA, LEGGERE CHE NON SI POSSONO LASCIARE I PROPRI FIGLI IN PIAZZA PER COLPA DELLE PERSONE DI COLORE E’ LA COSA PIU’ TRISTE E BECERA CHE IO POTESSI LEGGERE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *