alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, il bollettino di oggi: 91 i positivi in Irpinia, 4 ad Atripalda. 1102 i tamponi effettuati Coronavirus, 218 contagi totali e 155 attualmente positivi ad Atripalda: le raccomandazioni del sindaco Spagnuolo Coronavirus, il bollettino di oggi dell’Asl: 89 i positivi, 4 ad Atripalda L’ex sindaco Andrea De Vinco propone la cittadinanza onoraria per l’immunologo americano Anthony Fauci di origini atripaldesi Coronavirus, il cordoglio del sindaco di Atripalda Spagnuolo per il secondo decesso Coronavirus, secondo decesso ad Atripalda: morto un 64enne ricoverato al Moscati Coronavirus, 5 nuovi positivi ad Atripalda e 126 contagiati in Irpinia Coronavirus, scuole chiuse ad Atripalda fino al 7 dicembre Coronavirus, fino al 7 dicembre confermata la didattica a distanza dalla seconda classe della scuola primaria. A breve l’ordinanza della regione “ABC Atripalda Bene Comune” festeggia un anno di attività. Roberto Renzulli: “città nel degrado, l’Amministrazione non ci ascolta”

Inchiesta buste paga gonfiate al Comune, la Procura Regionale della Corte dei Conti ha chiesto la condanna per danno erariale

Pubblicato in data: 5/10/2017 alle ore:13:56 • Categoria: Cronaca

La Procura Regionale della Corte dei Conti ha chiesto la condanna per danno erariale nei confronti di tre dipendenti del Comune di Atripalda coinvolti nell’inchiesta buste paga gonfiate condotta dalla Procura della Repubblica Avellino. Per i dipendenti coinvolti nell’inchiesta, dunque, l’undici ottobre ci sarà l’udienza davanti al tribunale collegiale della Corte dei Conti.
I tre indagati sono inoltre stati rinviati a giudizio dinanzi al giudice monocratico del Tribunale di avellino, dottor Argenio, nell’udienza del prossimo 27 ottobre 2017.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *