alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, tornano i contagi in Irpinia: ben otto nuovi casi nel Serinese Inaugurata ad Atripalda la sede dell’Unione Artigiani Italiani e delle Piccole Medie Imprese Irpinia Rubano nella notte le gomme e lasciano due auto sui mattoni in piazza Cassese: i residenti chiedono la videosorveglianza. Foto Irpiniambiente, riparato il guasto allo Stir: da stasera riprende la raccolta dell’indifferenziato Regionali Campania, presentati i candidati di Europa Verde: per l’Irpinia c’è l’ex vicesindaco Luigi Tuccia Cadono calcinacci ad Alvanite, i giovani del quartiere si recano in Comune dal sindaco: “giornata molto intensa e costruttiva ma siamo stanchi di 40 anni di chiacchiere” Forte pioggia e allagamenti in via Appia: città bloccata Sinistra Italiana Atripalda lancia l’allarme: «Chiudono le banche, altro che Città dei Mercanti» Buon compleanno al “vulcano” Antonio De Vinco Addio a Ciriaco Coscia, un pezzo della storia politica del Pci in Irpinia. Il ricordo dell’ex consigliere Andrea Montuori

Comune, pugno duro contro chi evade le tasse: mancano 800mila euro per la Tari. Il delegato Del Mauro: «Chi furbescamente non paga avrà il nostro fiato sul collo»

Pubblicato in data: 6/10/2017 alle ore:08:30 • Categoria: Attualità, Comune

«Chi furbescamente non paga avrà il nostro fiato sul collo». Pugno duro della neo amministrazione guidata dal sindaco Geppino Spagnuolo contro gli evade le tasse comunali. Ad annunciarlo è il delegato ai Tributi e Patrimonio, il consigliere Massimiliano Del Mauro. Incassato il voto favorevole del Consiglio comunale sul Rendiconto di bilancio 2016, che chiude con un disavanzo di 2 milioni e 700mila euro, l’Amministrazione ora punta a fare cassa. «C’è un dato allarmante, che va avanti da anni. L’ho segnalato già in Consiglio quando ero tra i banchi dell’opposizione e già allora specificavo che non vi era alcuna responsabilità né da parte dell’amministrazione né da parte degli uffici. Il dato è il seguente: non riusciamo ad incassare circa un terzo della Tari. Su un importo complessivo di circa 2 milioni e quattrocentomila euro non si incassano 800mila euro annui. Da un’analisi, in verità ancora superficiale e che verrà approfondita nelle prossime settimane, emerge che gran parte di coloro i quali rientrano tra gli elenchi dei morosi sono cronici. Le stesse persone e aziende che hanno ormai la brutta abitudine di non pagare la Tari. Da parte di quest’amministrazione tutta l’umana comprensione per chi non riesce ad essere puntuale nei pagamenti per difficoltà economiche però posso garantire che di concerto con l’ufficio tributi abbiamo deciso di essere sempre più stringenti nei confronti di chi i tributi non li paga non per difficoltà ma evidentemente perché ritiene, sbagliando, di poterla fare franca».
Del Mauro apre a chi è pronto a sanare la propria posizioen debitoria maturata negli anni:«Tutti coloro i quali volessero regolarizzare una posizione di morosità sappino che gli uffici sono a disposizione per poter rateizzare l’importo dovuto». Sul disavanzo del Consuntivo 2016 conclude: «il Consuntivo 2016 ha evidenziato un disavanzo di oltre due milioni e settecentomila euro. Siamo obbligati a spalmare questo disavanzo nei tre anni successivi: 2017, 2018 e 2019. Non necessariamente bisogna parlare di Piano di rientro lacrime e sangue o fare ricorso a termini ad effetto: quello che possiamo garantire agli atripaldesi è che siamo impegnati nell’ottimizzare le entrate come sui tributi e contemporaneamente a controllare la spesa. Ci sarà sicuramente una compressione della spesa, quello che possiamo garantire è che eviteremo che anche un solo euro verrà speso inutilmente. Cercheremo, nella gestione dell’ente, – conclude Del Mauro – di far sì che alcuni settori che fino ad oggi sono state fonte di spesa possano non esserlo più o addirittura diventare fonte di incasso. Non è una cosa realizzabile nell’immediato ma faccio un esempio, visto che riguarda una delega che ho avuto, del cimitero che con una nuova modalità di gestione può fornire servizi migliori e costituire una voce attiva per la casse comunali senza gravare sui cittadini».

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Comune, al via il bando per la concessione di contributi a favore di inquilini morosi nel 2018

Misure di sostegno all’accesso alle abitazioni e al settore immobiliare per gli inquilini morosi incolpevoli. Il Comune di Atripalda ha Read more

Comune, l’ex sindaco Paolo Spagnuolo denuncia: “Il mistero del supporto all’ufficio personale”

Un motivo di campagna elettorale completamente disatteso dagli attuali amministratori ha riguardato “la trasparenza”. A seguito delle note vicende giudiziarie Read more

Comune, arriva la seconda diffida del Prefetto: 20 giorni per approvare il Previsionale 2017 pena lo scioglimento del Consiglio

Seconda diffida prefettizia per il Bilancio al Comune di Atripalda. A pochi giorni di distanza da quella inviata per il Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

4 risposte a “Comune, pugno duro contro chi evade le tasse: mancano 800mila euro per la Tari. Il delegato Del Mauro: «Chi furbescamente non paga avrà il nostro fiato sul collo»”

  1. Nauseato ha detto:

    Come se non lo sapessero…! Ma mi faccia il piacere, “E IO PAGOOOO…….”

  2. Cittadino onesto ha detto:

    Bravo Del Mauro. Era ora.

  3. ATRIPALDESE ha detto:

    bravo maximiliano. fai pagare tutti. ma tutti tutti… mi raccomando.non lasciare nessuno fuori. stanali.

  4. .MAh ha detto:

    del mauro dovrebbe controllare anche qualche collega di maggioranza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *