alpadesa
  
Flash news:   Stop all’uso delle acque del torrente Fenestrelle inquinato, scatta l’ordinanza sindacale ad Atripalda Verifica e salvaguardia degli Equilibri di bilancio 2020.2022, si torna in Consiglio ad Atripalda lunedì 7 dicembre Coronavirus, sono 109 le persone positive in Irpinia oggi: 2 ad Atripalda L’opposizione solleva una pregiudiziale sui ritardi nella messa a disposizione degli atti consiliari e salta l’assise comunale ad Atripalda. Foto Coronavirus, il bollettino di oggi: 91 i positivi in Irpinia, 4 ad Atripalda. 1102 i tamponi effettuati Coronavirus, 218 contagi totali e 155 attualmente positivi ad Atripalda: le raccomandazioni del sindaco Spagnuolo Coronavirus, il bollettino di oggi dell’Asl: 89 i positivi, 4 ad Atripalda L’ex sindaco Andrea De Vinco propone la cittadinanza onoraria per l’immunologo americano Anthony Fauci di origini atripaldesi Coronavirus, il cordoglio del sindaco di Atripalda Spagnuolo per il secondo decesso Coronavirus, secondo decesso ad Atripalda: morto un 64enne ricoverato al Moscati

Abusi edilizi, tre tecnici comunali dal Gup il 18 gennaio

Pubblicato in data: 8/10/2017 alle ore:10:14 • Categoria: Cronaca

Un Centro commerciale al posto di un vecchio opificio in via Roma, in sei davanti al Gup.
Si tratta di tre tecnici comunali (S.A. in qualità di responsabile del settore, R.R. e R.N. come responsabili del procedimento) il committente dei lavori e due tecnici progettisti.
Sotto la lente della magistratura sono finiti i lavori di demolizione parziale e ricostruzione dell’immobile. Secondo l’accusa il nuovo edificio sarebbe stato realizzato ad una distanza inferiore a dieci metri dall’edificio preesistente che si trova al lato della nuova costruzione.
Di qui il procedimento in aula.
L’accusa è di abuso in concorso in atti d’ufficio su istigazione del richiedente la licenza. In aula il 18 gennaio.
Il Gup, Cecilia De Angelis, vuole il giudizio per violazione delle norme urbanistiche e per gli abusi dei tecnici comunali.
Sia la riduzione del numero delle unità immobiliari autorizzate (da 48 a 44) sia la conseguente modifica della distribuzione interna degli spazi e il ridotto numero di attività commerciali, passate da otto a quattro, avrebbero travalicato ciò he la variante concessa dal Comune prevedeva.
Per l’imprenditore e i suoi due progettisti, oltre che per i titolari dell’impresa esecutrice dei lavori, la contestazione è relativa agli illeciti di natura penale. La norma prevede la demolizione dei manufatti costruiti in difformità.
Il legale dell’imprenditore Rubicondo, l’avvocato Raffaele Tecce,  ha ottenuto che il consulente tecnico del giudizio delle udienze preliminari sia ascoltato nell’udienza di gennaio sui recenti interventi giurisprudenziali  in questa particolare materia urbanistica.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *