alpadesa
  
Flash news:   “Avellino oltre lo sport”, anche quest’anno i disabili irpini fanno sentire la loro voce Un video per riflettere: “Sia sempre 3 dicembre” Coronavirus, mai tanti morti in un solo giorno in Italia: 993 e 23.225 positivi. In Campania 2.295 nuovi contagiati Coronavirus, su 141 nuovi positivi in Irpinia 4 contagi si registrano ad Atripalda Nuova ondata di furti nelle case: cresce la paura tra Atripalda, Cesinali e Aiello del Sabato Coronavirus, l’appello di una mamma al sindaco di Atripalda: «Non riapra le scuole!» “AvelliNoSmog, Centraline contro l’aria inquinata. Subito!”, al via la petizione lanciata da venti associazioni Buon compleanno al nostro fotoreporter Mario D’Argenio Auguri di buon compleanno all’imprenditore Vincenzo Iervolino Consiglio comunale saltato, il gruppo d’opposizione “Noi Atripalda” attacca: «Amministrazione negligente, superficiale e incapace» Viola l’ordinanza di affidamento condiviso delle figlie minori: assolta madre atripaldese

Scambio di neonate, licenziate le due infermiere ma è scontro con la clinica

Pubblicato in data: 29/10/2017 alle ore:20:39 • Categoria: Cronaca

Licenziate le due infermiere che erano in servizio al nido nel giorno dello scambio delle neonate. La Clinica Malzoni di Avellino, finita clamorosamente alla ribalta nazionale per lo scambio di due neonate, due bimbe appena date alla luca da una mamma di Atripalda e una di Roccarainola, ha deciso di licenziare le due infermiere.

Il sindacato contesta i licenziamenti. Dopo la sospensione dal servizio è scattato il provvedimento dell’interruzione del rapporto di lavoro perché – a giudizio dell’azienda avellinese – alla luce del grave episodio è venuto meno il rapporto di fiducia. Le due infermiere si sono già rivolte al sindacato per impugnare il licenziamento e presentare ricorso d’urgenza davanti al giudice del lavoro.

Intanto vanno  avanti le indagini da parte della Procura di Avellino sullo scambio delle bambine dopo che una delle coppie coinvolte, quella di Roccarainola, presentò denuncia in questura. Le indagini dovranno stabilire eventuali responsabilità del personale medico e delle infermiere di turno il 9 ottobre quando le due donne, a distanza di mezz’ora l’una dall’altra, diedero alla luce le bambine. Ad accorgersi dell’errore commesso fu il padre di una delle neonate.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *