alpadesa
  
Flash news:   L’ex assessore Mimmo Landi all’attacco: “solo autocelebrazioni dall’Amministrazione mentre il fallimento è sotto gli occhi di tutti” Idea Atripalda chiede al Comune di aderire a WiFi4EU per promuove il libero accesso alla connettività Wi-Fi Avellino calcio, info biglietti per le prossime gare dei lupi Green Volley, la Piscina Comunale di Mercogliano ospita la preparazione delle atlete atripaldesi Gestione Centro Informagiovani della Dogana, il Comune affida il servizio per il prossimo triennio alla Misericordia di Atripalda Al via i lavori di rifacimento stradale di via Manfredi e via Pianodardine. Foto Festeggiamenti San Sabino, il vescovo Aiello ai fedeli: “comunità messa a dura prova dall’incendio. Se venerdì scorso avessi preso l’auto per andarmene a mare non sarei stato un buon pastore ma un mercenario”. FOTO Inaugurato il nuovo parcheggio pubblico di via Scandone, il sindaco: “soddisfatti di aver portato a compimento questo intervento”. Foto L’ex comandante della Polizia Municipale di Atripalda Salsano condannato in primo grado dal Tribunale di Avellino Sbanda con l’auto e abbatte una palma. Foto

Fondi per la scuola dell’Infanzia “Pascoli”: oltre un milione di euro per l’efficientamento energetico dell’istituto scolastico

Pubblicato in data: 3/11/2017 alle ore:08:00 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

Fondi per la scuola  dell’Infanzia “Pascoli”. La Regione Campania ha stanziato oltre un milione di euro per la messa in sicurezza dell’istituto scolastico di contrada Spagnola. Il progetto prevede un intervento di efficientamento energetico  e si pone come obiettivo la riduzione dei consumi energetici e la limitazione dei materiali isolanti sintetici  preferendone altri più ecologici. In particolare il progetto prevede il miglioramento termico delle pareti perimetrali con la realizzazione di un sistema cappotto, l’abolizione dei vuoti finestra lungo tutto il perimetro dell’edificio, l’isolamento termico della copertura che in passato aveva dato non pochi problemi per l’infiltrazione delle acque piovane, la sostituzione degli attuali infissi per migliorare l’isolamento termico nel periodo invernale e la protezione contro l’ingresso di radiazione solare in estate, la sostituzione dei lucernai sul tetto, la realizzazione di un sistema di ventilazione meccanica per l’aumento del risparmio energetico e per il miglioramento della qualità dell’aria interna, la realizzazione di un nuovo impianto di riscaldamento a pavimento e di un nuovo sistema di raffrescamento  estivo.
Il progetto è stato acquisito dal Ministero dell’Ambiente  e ella tutela del territorio  il 7/12/2010 per un importo massimo di 1.178.000 mila euro. Il ministero ha comunicato da pochi giorni che  è esso è stato ammesso a finanziamento nell’ambito delle risorse finanziarie previste dal PO Ambiente FSC 2014-2020.
«Sicuramente è un buona notizia perché uno degli obiettivi primari di questa nuova amministrazione – commenta l’assessore ai Lavori Pubblici, Tony Troisi – è la messa in sicurezza e la riqualificazione energetica degli edifici scolastici cittadini. Questo intervento, attraverso l’adozione di soluzioni energetiche innovative, ci consentirà di migliorare gli ambienti in cui si svolge l’attività didattica e di rendere la scuola interessata più accogliente».  Un progetto al quale aveva lavorato la precedente amministrazione con il delegato Lello Barbarisi.
Intanto, ultimata la riqualificata della facciata di Palazzo di città, la ditta appaltatrice sta procedendo ad altri piccoli interventi all’interno del porticato per consentire il deflusso delle acque piovane che spesso provocavano l’allagamento di alcune parti nel Municipio. L’intervento, finanziato dalla Cassa depositi e prestiti per l’importo complessivo di € 180.000,00, ha consentito non solo per il restauro del Comune ma servirà anche per procedere alla messa in sicurezza di Palazzo Caracciolo per consentire di riaprire la vicinale Orto dei Preti, che sta creando non pochi disagi ai residenti. La strada infatti risulta chiusa a seguito della nevica del 2012 che portò alla rottura di un ramo, di uno dei due cedri monumentali che si trovano nei giardini della nobile dimora appartenuta alla famiglia Caracciolo, che provocò il crollo di una parte della copertura in tegole. Qui l’intervento avverrà attraverso l’imbracatura di alcune quinte murarie con placche e tiranti.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *