alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, il bollettino di oggi: 91 i positivi in Irpinia, 4 ad Atripalda. 1102 i tamponi effettuati Coronavirus, 218 contagi totali e 155 attualmente positivi ad Atripalda: le raccomandazioni del sindaco Spagnuolo Coronavirus, il bollettino di oggi dell’Asl: 89 i positivi, 4 ad Atripalda L’ex sindaco Andrea De Vinco propone la cittadinanza onoraria per l’immunologo americano Anthony Fauci di origini atripaldesi Coronavirus, il cordoglio del sindaco di Atripalda Spagnuolo per il secondo decesso Coronavirus, secondo decesso ad Atripalda: morto un 64enne ricoverato al Moscati Coronavirus, 5 nuovi positivi ad Atripalda e 126 contagiati in Irpinia Coronavirus, scuole chiuse ad Atripalda fino al 7 dicembre Coronavirus, fino al 7 dicembre confermata la didattica a distanza dalla seconda classe della scuola primaria. A breve l’ordinanza della regione “ABC Atripalda Bene Comune” festeggia un anno di attività. Roberto Renzulli: “città nel degrado, l’Amministrazione non ci ascolta”

Progetto “Incontriamoci” dell’Istituto comprensivo “De Amicis-Masi”, l’assessore regionale Lucia Fortini: «Finalmente per quanto riguarda Avellino sulle politiche sociali la situazione si sta sbloccando». FOTO

Pubblicato in data: 28/11/2017 alle ore:09:00 • Categoria: Attualità, Cultura

«Finalmente per quanto riguarda Avellino sulle politiche sociali la situazione si sta sbloccando. Mi auguro che posa essere così visto che la Regione ha riversato sui Piani di zona sociale ingenti risorse. In due anni e mezzo dal nostro insediamento abbiamo liquidato circa 180milioni di euro. E’ chiaro che se questo non si trasforma poi in servizi efficienti per il cittadino serve a poco». A parlare dell’impegno della Regione Campania sulle politiche sociali è l’assessore regionale all’Istruzione e Politiche sociali Lucia Fortini, intervenuta ieri mattina ad Atripalda per presentare il progetto “Incontriamoci” presso l’istituto comprensivo “De Amicis-Masi”. Politiche sociali che vedono in Irpinia Piani di zona sociali spesso bloccati e dove prevale la politica. «Scuola Viva – prosegue la Fortini – nasce cinque anni fa da una riunione sul contrasto alla dispersione scolastica. Mi sono immaginata una scuola accogliente, inclusiva. Una Scuola Viva che punta a formare una comunità». L’assessore prima della manifestazione, accompagnata dalla dirigente scolastica Rita Melchionne, incontra anche una delegazione del liceo “Mancini” di Avellino chiuso da alcune settimane perché edificio non antisismico.
Ad illustrare il progetto, presso l’auditorium della scuola media in via Pianodardine, è la dirigente scolastica «la presenza dell’assessore regionale è la testimonianza di come questo progetto sia stato accolto a livello regionale per la qualità che ha espresso. Ringrazio l’assessore Lucia Fortini come persona concreta vicino ai problemi.  Le ha dato forza alle mie idee progettuali su Scuola Viva. E’ il mio terzo anno ad Atripalda e ho avuto grosse difficoltà. Una città che esprime tante situazioni. Questo progetto vuole riallacciare un legame forte tra la scuola e il territorio e nasce da un protocollo d’intesa con tutte le associazioni per far si che i ragazzi, nostri futuri cittadini, formino una coscienza civica e conoscano la loro terra esprimendo le loro inclinazioni. Ho incontrato anche gli alunni del Mancini, non abbiamo potuto dar niente ma sono andati via contenti che si sono sentiti rispettati. Questo ci può dare un speranza».
Tema dell’incontro “ Incontriamoci…la magia dell’incontro: scuola, famiglia, territorio, società solidale”. Illustrate le attività svolte nella prima annualità, con la presentazione del sito a cura  Firm Srl-Spin off Università del Sannio con video degli alunni contro il bullismo. Ad avvio i bambini cantano l’inno di Mameli e l’inno alla Gioia. «Ringrazio l’assessore regionale e la preside per tutto quello che hanno fatto per la città – commenta il sindaco Geppino Spagnuolo – Esprimiamo apprezzamento per l’attivismo e le attività che questa scuola svolge ne l nostro territorio e su come si approccia alla realtà complessiva. Una scuola viva che si apre al territorio, che vuole dialogare con la città d Atripalda e i vari pezzi della città. Ha trovato in questo un dialogo con le diverse associazioni. La scuola è riconosciuta da tutti come il futuro della nostra città . Da parte dell’amministrazione abbiamo dato la massima collaborazione per le cose da fare. Le energie messe insieme diventano molte di più e danno più risultati». Infine l’assessore all’Istruzione Anna Nazzaro «Questi ragazzi sono il tessuto sociale e il futuro del nostro paese. Ci impegneremo sempre a fare meglio».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *