alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, il bollettino di oggi: 91 i positivi in Irpinia, 4 ad Atripalda. 1102 i tamponi effettuati Coronavirus, 218 contagi totali e 155 attualmente positivi ad Atripalda: le raccomandazioni del sindaco Spagnuolo Coronavirus, il bollettino di oggi dell’Asl: 89 i positivi, 4 ad Atripalda L’ex sindaco Andrea De Vinco propone la cittadinanza onoraria per l’immunologo americano Anthony Fauci di origini atripaldesi Coronavirus, il cordoglio del sindaco di Atripalda Spagnuolo per il secondo decesso Coronavirus, secondo decesso ad Atripalda: morto un 64enne ricoverato al Moscati Coronavirus, 5 nuovi positivi ad Atripalda e 126 contagiati in Irpinia Coronavirus, scuole chiuse ad Atripalda fino al 7 dicembre Coronavirus, fino al 7 dicembre confermata la didattica a distanza dalla seconda classe della scuola primaria. A breve l’ordinanza della regione “ABC Atripalda Bene Comune” festeggia un anno di attività. Roberto Renzulli: “città nel degrado, l’Amministrazione non ci ascolta”

“Facciamo un Pacco alla Camorra”, presentata la nona edizione dell’iniziativa promossa dal comitato “Don Peppe Diana”. FOTO

Pubblicato in data: 4/12/2017 alle ore:15:20 • Categoria: Attualità

Presentata in città la nona edizione di “Facciamo un Pacco alla Camorra”. Il progetto promosso dal Comitato Don Peppe Diana in collaborazione di “Libera, associazioni, nomi e numeri contro le mafie” e attuato dal Consorzio N.C.O (nuova Cooperazione organizzata), con l’obiettivo di favorire lo sviluppo di un’economia sociale come alternativa all’economia della speculazione e della corruzione.
Sabato scorso, presso la biblioteca comunale, ad illustrare l’appuntamento Emilia Noviello, referente provinciale di Libera Avellino, Antonio Di Gisi, referente cittadino di Libera Atripalda- Don Peppe Diana, Pasquale Corvino del Conrsorzio NCO e Luca Guido Salomone presidente dell’associazione “Cambia-menti”.
Presenti una rappresentanza dei ragazzi delle quarte del Liceo Scientifico “De Caprariis” di Atripalda.
Due le confezioni presentate. Dietro quelle semplici scatole (la più grande al costo di 50 euro e la più piccola al costo di 15 euro) c’è il lavoro di tutte quelle persone che ogni giorno scelgono di stare dalla parte giusta. I prodotti sono il frutto di quelle terre, di quei beni, in passato luoghi di violenza, di soprusi e abusi di potere, che oggi sono restituiti ai legittimi proprietari diventando il simbolo della speranza, dell’impegno, di una dignità e un’identità restituita alla collettività.
“Il nosro obiettivo – ha spiegato Antonio Di Gisi – è quello di favorire lo siluppo di un’economia sociale come alternativa della speculazione e dellla corruzione”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *