alpadesa
  
Flash news:   Parco pubblico San Gregorio nel degrado tra i rifiuti, la denuncia sui social network. FOTO Lo chef atripaldese Alfredo Iannaccone testimonial in Sicilia Europee 2019, nuova localizzazione dei seggi elettorali in città Tutto pronto ad Atripalda per la gara podistica a livello internazionale “l’Irpinia Corre” di domani 25 aprile: ecco i numeri della competizione sportiva Maffezzoli: “contento per i due punti” Torna alla vittoria la Sidigas Scandone Avellino dopo quattro sconfitte consecutive: battuta Torino per 109-82 AtripaldaNews augura buona Pasqua a tutti i lettori Cani randagi avvelenati, il sindaco emana un avviso per la presenza di esche e bocconi avvelenati. Appello dell’Aipa per il canile municipale Ricatto hard ad un parroco di Atripalda:“Paga o diffondo il video”. Tre a processo L’Avellino batte la Lupa Roma per 2 a 1 e riapre il campionato

“Quid est veritas”, a Roma il libro del giudice Zarrella. FOTO

Pubblicato in data: 20/12/2017 alle ore:14:53 • Categoria: CulturaStampa Articolo

“Quid Est Veritas” il libro del magistrato Matteo Claudio Zarrella è stato presentato giorni fa a Roma.
Una riflessione del presidente del Tribunale di Lagonegro sul processo a Gesù.
All’appunamento presenti con l’autore i sindaci di Atripalda, Geppino Spagnuolo e quello di Mercogliano Massimiliano Carullo.
Proprio nella cittadina del Sabato la Via Crucis del Venerdì Santo organizzata ogni anno dalla Pro Loco atripaldese si rifà al libro del magistrato.
La rievocazione della Passione di Cristo, grazie al libro di Zarrella e all’interpretazione del Clan H, è divenuta una delle più note in ambito provinciale e regionale.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *