alpadesa
  
Flash news:   Uccise la moglie con arnese da falegname, si impicca in cella a Torino 64enne originario di Atripalda Trova uno smartphone e chiede 30 euro per la restituzione: denunciato per tentata estorsione 60enne di Atripalda Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro Laurea in Tecniche di Radiologia Medica: auguri alla dottoressa Angela Penza Natale 2019, Amministrazione in campo per le luminarie in centro città Via Melfi ad Atripalda chiude al traffico per un mese a causa di lavori urgenti sulle facciate laterali di Palazzo Del Gaudio Al via la vendita dei biglietti per Avellino-Potenza Domani 30° anniversario della caduta del Muro di Berlino Si è sciolto il Direttivo della Curva Sud Avellino Il gruppo consiliare “Noi Atripalda” incalza il sindaco sul Distretto Asl di Atripalda a rischio smobilitazione

“Quid est veritas”, a Roma il libro del giudice Zarrella. FOTO

Pubblicato in data: 20/12/2017 alle ore:14:53 • Categoria: CulturaStampa Articolo

“Quid Est Veritas” il libro del magistrato Matteo Claudio Zarrella è stato presentato giorni fa a Roma.
Una riflessione del presidente del Tribunale di Lagonegro sul processo a Gesù.
All’appunamento presenti con l’autore i sindaci di Atripalda, Geppino Spagnuolo e quello di Mercogliano Massimiliano Carullo.
Proprio nella cittadina del Sabato la Via Crucis del Venerdì Santo organizzata ogni anno dalla Pro Loco atripaldese si rifà al libro del magistrato.
La rievocazione della Passione di Cristo, grazie al libro di Zarrella e all’interpretazione del Clan H, è divenuta una delle più note in ambito provinciale e regionale.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *