alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, il bollettino di oggi: 91 i positivi in Irpinia, 4 ad Atripalda. 1102 i tamponi effettuati Coronavirus, 218 contagi totali e 155 attualmente positivi ad Atripalda: le raccomandazioni del sindaco Spagnuolo Coronavirus, il bollettino di oggi dell’Asl: 89 i positivi, 4 ad Atripalda L’ex sindaco Andrea De Vinco propone la cittadinanza onoraria per l’immunologo americano Anthony Fauci di origini atripaldesi Coronavirus, il cordoglio del sindaco di Atripalda Spagnuolo per il secondo decesso Coronavirus, secondo decesso ad Atripalda: morto un 64enne ricoverato al Moscati Coronavirus, 5 nuovi positivi ad Atripalda e 126 contagiati in Irpinia Coronavirus, scuole chiuse ad Atripalda fino al 7 dicembre Coronavirus, fino al 7 dicembre confermata la didattica a distanza dalla seconda classe della scuola primaria. A breve l’ordinanza della regione “ABC Atripalda Bene Comune” festeggia un anno di attività. Roberto Renzulli: “città nel degrado, l’Amministrazione non ci ascolta”

Sosta a pagmento in centro: più abbonamenti sottoscritti dai commercianti, maggiori incassi con il quarto d’ora gratuito e nuovi parcometri in arrivo. Il bilancio del delegato Mirko Musto

Pubblicato in data: 29/12/2017 alle ore:11:00 • Categoria: Attualità

Più abbonamenti sottoscritti dai commercianti, maggiori incassi dalla sosta a pagamento nel centro città con il quarto d’ora gratuito e nuovi parcometri in arrivo. L’Amministrazione targata Geppino Spagnuolo traccia un bilancio sul primo quarto d’ora gratis, l’esperimento introdotto per venire incontro ai cittadini che effettuano soste brevi in centro con un ricambio veloce dei veicoli e per le attività commerciali. E’ quanto emerge dai dati forniti dal Comando di polizia municipale, guidato dal capitano Domenico Giannetta. Dal 1 gennaio al 15 dicembre di quest’anno il Comune ha incassato 140.441,25 euro a fronte di 131.292,55 euro ottenuti dal pagamento dei ticket per i parcometri relativi allo stesso periodo del 2016.
Prendendo a base invece solo il periodo in cui è stato introdotto il quarto d’ora gratuito, entrato in funzione lo scorso 7 agosto 2017, emerge un incremento di poco meno di 500 euro. Infatti dal 7/8/2016 al 15/12/2016, quando non c’era il quarto d’ora gratuito, gli incassi ammontavano a 48.651,90, mentre per lo stesso periodo di quest’anno ammontano a 49.004,25.

Un esperimento a tempo che starebbe dando così i primi risultati positivi in quanto gli incassi mensili sarebbero in linea con quelli dello scorso anno, quando non era in vigore come afferma il delegato al Commercio, Annona e Traffico Mirko Musto: «Siamo sempre in una fase sperimentale, così come stabilito in giunta. Con il primo quarto d’ora gratis gli incassi sono aumentati di circa 500 euro. E’ vero che ci sono due parcometri in più, come detto in consiglio comunale dall’opposizione, uno in via Aldo Moro e l’altro in via Pianodardine alta ma al 31 dicembre, con le proiezioni che ci stanno arrivando, andiamo in parità o con qualche centinaia di euro di maggiore incasso rispetto allo scorso anno. I circa 500 euro in più è il frutto dei maggiori controlli effettuati dagli ausiliari del traffico e dai vigili». Strisce blu a pagamento che con il nuovo anno si amplieranno su tutta via Aldo Moro (rimuovendo così il disco orario che disciplina la sosta gratuita sul lato destro) e lungo tutta via Appia, dalla rotonda di via Tufarole fino a giungere a quella della Maddalena, includendo anche l’area di sosta antistante il liceo scientifico «il tempo tecnico che ci vorrà per realizzare la segnaletica orizzontale, una scelta condivisa già con i residenti e attività commerciali. Ci dobbiamo rendere conto che nei centri di tutte le città ci sono le strisce blu così come accadrà lungo via Appia che è una strada ancora più trafficata di via Roma. Noi dobbiamo tutelare i commercianti e solo con le strisce blu possiamo farlo con una tariffa molto bassa di 50 centesimi all’ora».
Crescono anche gli abbonamenti annuali sottoscritti da residenti ed esercenti. I residenti pagano 49 euro per la prima macchina e 73 euro per la seconda auto mentre i commercianti pagano 240 euro all’anno per auto come bene strumentale, come afferma il comandante della Polizia municipale: «da 206 abbonamenti siamo passati a 237 abbonamenti sottoscritti dai commercianti. Inoltre facendo un confronto tra strisce blu e bianche, abbiamo 454 posti auto a pagamento contro 1603 posti gratuiti nelle aree immediatamente limitrofe. E’ pacifico che non si riesce ancora ad incentivare più di tanto visto che si trova facilmente posto nelle strisce bianche e in questo rispettiamo la norma che prevede un 50%».
In arrivo infine anche l’installazione di parcometri che consentano il pagamento del ticket con il bancomat, altre carte o con il cellulare «questa è la novità – conclude il delegato Musto -, spostando i parcometri più vecchi nelle zone periferiche e installeremo anche una colonnina per le auto elettriche. Stiamo lavorando alla ricerca di un privato che sponsorizzi questa iniziativa che non ha neanche Avellino ma solo Salerno».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

3 risposte a “Sosta a pagmento in centro: più abbonamenti sottoscritti dai commercianti, maggiori incassi con il quarto d’ora gratuito e nuovi parcometri in arrivo. Il bilancio del delegato Mirko Musto”

  1. Commerciante ha detto:

    Ma da quando i commercianti possono usufruire di abbonamenti??????

  2. PAOLA ha detto:

    caspiterina guadagnano bene gli ausiliari per questo si danno da fare.

  3. Pasquale ha detto:

    L’installazione o la modifica dei parcometri con pagamento bancomat o carte di credito è obbligatorio in quanto qualsiasi verbale che venga oggi emesso contro un automobilista che non ha pagato il ticket è impugnabile. Sentenza del Giudice di Pace del settembre 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *