Flash news:   Emporio Solidale di Atripalda, ieri il taglio del nastro. Don Fabio: “nuova dignità alle famiglie”. Il sindaco: “Doveroso dare risposte alle domande di auto”. FOTO Conferenza Episcopale Italiana: “restano vigenti le disposizioni anti Covid: sospese processioni e festa esterna” Open Day Pfizer, ieri somministrati 6.113 vaccini e domani si replica Coronavirus, solo 4 gli attuali positivi ad Atripalda Sperimentazione nuovi anticorpi monoclonali: l’Azienda ospedaliera “Moscati” pronta ad arruolare i volontari Emporio Solidale di Atripalda, oggi l’inaugurazione del presidio di aiuto alle famiglie e persone bisognose Oggi Patrick Zaki compie 30 anni, Idea Atripalda: “attenzione sempre alta” Luca Ciaramella nuovo coordinatore del Forum dei Giovani di Atripalda. Foto Air Trasporti, presentato ad Atripalda ai sindacati il nuovo piano industriale: 240 assunzioni entro settembre Forum dei Giovani di Atripalda, oggi pomeriggio l’assemblea eleggerà il nuovo coordinatore e il Consiglio direttivo

Centro commerciale di via Roma, nessun abuso: tutti prosciolti dal Gup di Avellino

Pubblicato in data: 18/1/2018 alle ore:15:02 • Categoria: Cronaca

Prosciolti dal reato di abuso in atti d’ufficio in concorso e abusi edilizi per la realizzazione di un centro commerciale in via Roma. Il Giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Avellino, il Gup Vincenzo Landolfi,  al termine di una lunga Camera di Consiglio, ha emesso sentenza di non luogo a procedere perché il fatto non sussiste nei confronti di tre tecnici comunali (S.A. in qualità di responsabile del settore, R.R. e R.N. come responsabili del procedimento).

Proscelti da ogni accusa anche il committente dei lavori, il progettista, il direttore dei lavori e l’imprenditore Rubicondo che aveva effettuato l’intervento edilizio di demolizione parziale di un vecchio opificio e ricostruzione dell’immobile.

Secondo l’accusa il nuovo edificio sarebbe stato realizzato ad una distanza inferiore a dieci metri dall’edificio preesistente che si trova al lato della nuova costruzione.
Di qui il procedimento in aula. Il Pm, Cecilia De Angelis, chiedeva il giudizio per violazione delle norme urbanistiche e per gli abusi dei tecnici comunali.
Sia la riduzione del numero delle unità immobiliari autorizzate (da 48 a 44) sia la conseguente modifica della distribuzione interna degli spazi e il ridotto numero di attività commerciali, passate da otto a quattro, avrebbero travalicato ciò che la variante concessa dal Comune prevedeva.

Ascoltato in aula anche il consulente tecnico nominato dal Pm che ha ribadito l’illegittimità dell’intervento edilizio.
Il legale dell’imprenditore Rubicondo, l’avvocato Raffaele Tecce, ha dimostrato invece l’insussitenza degli abusi contestati, sulla scorta di un recente orientamento giurisprudenziale in materia avallato anche dal Consiglio di Stato, e la regolarità della costruzione realizzata.

Pertanto il Gup ha accolto la tesi prospettata dal difensore emettendo sentenza di non luogo a procedere nei confronti dei tecnici comunali e delle figure apicali della ditta edile.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *