alpadesa
  
Flash news:   “Avellino oltre lo sport”, anche quest’anno i disabili irpini fanno sentire la loro voce Un video per riflettere: “Sia sempre 3 dicembre” Coronavirus, mai tanti morti in un solo giorno in Italia: 993 e 23.225 positivi. In Campania 2.295 nuovi contagiati Coronavirus, su 141 nuovi positivi in Irpinia 4 contagi si registrano ad Atripalda Nuova ondata di furti nelle case: cresce la paura tra Atripalda, Cesinali e Aiello del Sabato Coronavirus, l’appello di una mamma al sindaco di Atripalda: «Non riapra le scuole!» “AvelliNoSmog, Centraline contro l’aria inquinata. Subito!”, al via la petizione lanciata da venti associazioni Buon compleanno al nostro fotoreporter Mario D’Argenio Auguri di buon compleanno all’imprenditore Vincenzo Iervolino Consiglio comunale saltato, il gruppo d’opposizione “Noi Atripalda” attacca: «Amministrazione negligente, superficiale e incapace» Viola l’ordinanza di affidamento condiviso delle figlie minori: assolta madre atripaldese

Grande partecipazione all’accensione del focarone di San Sabino e il giorno dopo alla messa, processione e Santa Manna. FOTO

Pubblicato in data: 10/2/2018 alle ore:19:17 • Categoria: Attualità, Cultura

E’ stata la prima volta del sindaco Geppino Spagnuolo nell’accendere il grande falò di San Sabino in piazza Umberto I.
Come da tradizione, è toccato al primo cittadino dopo la benedizione del parroco Don Fabio Mauriello.
Un momento legato alla tradizione religiosa e popolare della cittadina del Sabato che ha riunito in piazza Umberto tanti atripaldesi. Dalle prime ore del tardo pomeriggio Piazza Umberto I già si è andata via via affollando.
Presenti i componenti dell’Amministrazione cittadina, e tutte le istituzioni militari con il comandante della locale stazione dei Carabinieri Cucciniello, civili, religiose e il Comitato festa. U
na tradizione secolare che si tramanda negli anni.
Oltre a quello di piazza Umberto, sono stati una ventina i falò accesi in città: in piazza Vittorio Veneto (organizzato dalla Confraternita di Santa Monica), piazza Tempio Maggiore (dinanzi la chiesa madre di Sant’Ippolisto), in piazzetta degli Artisti, a contrada Santissimo dall’associazione “A’ Potea”, quello allestito dall’associazione Alvanite, quello della Misericordia a via Pianodardine, della Pro Loco a contrada San Gregorio ed infine quello dei Boy Scout a San Pasquale.
Il giorno dopo la messa nella chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire, officiata dal vicario Don Enzo De Stefano e a seguire la processione per le strade cittadine delle statue di San Sabino e San Romolo portate sulle spalle dai fedeli.
In serata tantissimi fedeli per ricevere la Santa Manna nella chiesa madre.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *